L’accordo con Twitter fa crollare le azioni di Tesla. E il patrimonio di Musk cala di 25 miliardi di dollari

Elon Musk
(Photo by Win McNamee/Getty Images)
Share

Martedì le azioni di Tesla sono crollate. Gli investitori stanno digerendo le implicazioni dell’acquisto di Twitter del ceo Elon Musk.

Fatti principali

  • Martedì le azioni di Tesla sono scese del 12% a $ 876. Il titolo è al ribasso di oltre il 28% dal suo massimo storico di novembre, “cancellando” $ 25 miliardi dalla fortuna di Musk e $ 128 miliardi dalla capitalizzazione di mercato di Tesla, che ora si attesta a $ 906 miliardi.
  • “Gli azionisti di Tesla non possono essere contenti che Musk dovrà distogliere ancora più attenzione dal vincere la gara dei veicoli elettrici”, ha scritto l’analista di Oanda Edward Moya nei commenti inviati via e-mail. Stesse preoccupazioni di Adam Crisafulli di Vital Knowledge Media, che ha anche attribuito il crollo ai timori degli investitori su come Musk finanzierà la sua offerta su Twitter.
  • In un documento della scorsa settimana, Musk ha rivelato di essersi assicurato $ 46,5 miliardi di finanziamenti per l’accordo su Twitter. Inclusi oltre $ 20 miliardi di prestiti da Morgan Stanley e altri $ 21 miliardi di finanziamenti azionari, il che rende molto probabile che dovrà vendere azioni Tesla e impegnarne alcune come garanzia.
  • Mentre il titolo è precipitato giovedì quando Twitter ha confermato la ricezione della proposta di acquisizione non richiesta, l’analista di Wells Fargo Colin Langan ha avvertito gli azionisti di Tesla che il rischio che Musk vendesse ancora più azioni potrebbe mettere sotto pressione il titolo.
  • Langan ha anche affermato che il coinvolgimento di Musk con Twitter potrebbe essere una distrazione per un ceo che ha già troppi impegni ultimamente: due stabilimenti aperti a Berlino e Austin, in Texas, progettati per raddoppiare la capacità produttiva globale dell’azienda.
  • Sebbene non sia ancora chiaro quale ruolo assumerà Musk con Twitter, lunedì ha promesso in una dichiarazione di lavorare con l’azienda e “rendere Twitter migliore che mai” attraverso una serie di iniziative tra cui nuove funzionalità del prodotto, rendendo i suoi algoritmi open source, riducendo la durata e autenticare tutti gli esseri umani.

In cifre

243 miliardi di dollari. Questo è il patrimonio di Musk, che possiede il 21% di Tesla ma ha impegnato più della metà della sua quota come garanzia di prestito, secondo Forbes. Il cofondatore di PayPal è cresciuto in Sud Africa prima di frequentare l’Università della Pennsylvania come studente trasferito.

Fatto sorprendente

Nonostante il crollo delle azioni di Tesla martedì, Musk rimane di gran lunga la persona più ricca del mondo. Il fondatore e presidente di Amazon Jeff Bezos si avvicina di più, con un patrimonio netto di $ 166 miliardi.

Contrarian

“Non crediamo che questa offerta su Twitter si tradurrà in una vendita importante delle azioni Tesla di Musk”, ha detto l’analista di Wedbush Dan Ives in una nota di venerdì, ipotizzando che le azioni sarebbero invece state impegnate per prestiti. “Non vediamo alcun rischio da questa situazione di Twitter che influisca sulle azioni di Tesla o sul focus di Musk”.

Background

Le azioni di Tesla hanno accumulato grosse perdite da quando Musk ha suggerito che avrebbe venduto circa il 10% della sua partecipazione a novembre. Il titolo è crollato fino al 26% quando Musk ha venduto le azioni nelle settimane successive, ma ha recuperato quasi tutte le perdite dopo che il miliardario ha dichiarato di aver “quasi finito” con le vendite a fine dicembre. Tuttavia, il mercato ha ampiamente ripiegato da allora poiché la Fed ha aumentato i tassi e revocato il supporto economico per alleviare l’inflazione decennale. Il Nasdaq è crollato del 20% quest’anno, precipitando di nuovo nel territorio del mercato ribassista martedì.

A margine

Anche se le sue azioni sono calate, la scorsa settimana Tesla ha riportato il trimestre più redditizio nella sua storia, registrando $ 3,3 miliardi di entrate nel primo trimestre grazie a consegne record.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.