E voi fareste una crociera tra le nuvole su un hotel volante a propulsione nucleare?

sky-cruise-Hashem-Al-Ghaili
Share

Nonostante la crescita dell’energia green, la fusione nucleare è ancora presente in molti aspetti della vita quotidiana. Hashem Al-Ghaili, divulgatore scientifico e creator su Youtube, ha presentato in rete Sky Cruise, un concept di aereo a fusione nucleare in grado di ospitare fino a 5mila passeggeri.

Il concept a fusione nucleare di Hashem Al-Ghaili

Il concept, che si basa su un progetto di undici anni fa dell’artista Tony Holmsten, è pensato come un aereo dotato di 20 motori a propulsione nucleare. Non ha bisogno di alcun rifornimento di carburante e quindi di nessun atterraggio, né manutenzione. I passeggeri possono non solo soggiornare ma anche vivere a bordo per tutta la vita.

Ai fortunati ospiti viene offerta la possibilità di soggiornare all’interno di un hotel di lusso sulle nuvole. Le persone verrebbero trasportate su aerei di linea e jet privati prima di approdare nello Sky Cruise con un ascensore esterno. A bordo, un ambiente ricco di ogni tipo di comfort: dal ponte panoramico in coda, passando per l’enorme atrio con centri commerciali, fino alle strutture mediche all’avanguardia e tutte le consuete dotazioni di una nave da crociera, come ristoranti, bar e palestre.

Una tecnologia all’avanguardia

Il sistema di intelligenza artificiale, in grado prevedere le turbolenze in anticipo e bilanciare gli urti, permetterebbe di fare a meno del pilota. Le reazioni al video sono state contrastanti e alcuni hanno sottolineato il costo di un progetto del genere, che si rifletterebbe nel prezzo dei biglietti rendendolo un’opportunità solo per i più facoltosi.

Per il momento si tratta solo di un’idea, ma Al-Ghaili si è detto pronto a sognare un futuro in cui queste cose possano esistere. Come ricorda Forbes.com, “entro il 2030 saranno pronti piccoli reattori nucleari in grado di alimentare gli aerei. Il Regno Unito sta lavorando a uno Small Modular Nuclear Reactor (SMR) che dovrebbe entrare in rete nel 2029 e gli Stati Uniti stanno investendo molto nella ricerca sulla fusione nucleare commerciale. Con poche modifiche al progetto, la fusione nucleare e un’aerodinamica adeguata, lo Sky Cruise potrebbe un giorno decollare “, ha aggiunto il divulgatore.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.