La Fondazione Francesca Rava lancia due programmi di volontariato contro il disagio giovanile

Fondazione Francesca Rava
Filippo Magnini, Giorgia Palmas, Mariavittoria Rava e i volontari della Fondazione con la Saint Louis School
Share

Il primo punto all’ordine del giorno è aiutare migliaia di giovani in condizioni di disagio. Un problema che sta diventando sempre più allarmante. La Fondazione Francesca Rava Nph Italia Onlus ha lanciato due programmi in questo senso: Noi non siamo indifferenti, noi facciamo la differenza e Sos Scuola. Obiettivo comune dei due programmi è quello di contrastare la povertà minorile, educativa e sociale, sensibilizzando centinaia di giovani a diventare ambasciatori del volontariato, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 sullo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.

I due programmi

Il primo è un progetto di volontariato promosso dalla Fondazione Francesca Rava e rivolto ai giovani, agli studenti, alle aziende e ai loro dipendenti e a chi desidera dedicare tempo per aiutare i minori accolti nelle case famiglia, gli anziani soli, i senza-dimora. Ogni settimana volontari tra i 14 e i 25 anni, accompagnati dagli educatori, si recano in realtà che la Fondazione sostiene sul territorio di Milano, per incontrare e sostenere gli ospiti di questi istituti.

Con il secondo programma, Sos Scuola, la fondazione si impegna a sostenere il diritto allo studio e alla formazione di ragazzi accolti nelle comunità protette e nei centri di aiuto per minori grazie alla donazione di centinaia di pc, tablet e smartphone in 67 realtà che si occupano di minori bisognosi in tutta Italia. Ma anche organizzando incontri di formazione su digitalizzazione, sicurezza web, gestione consapevole del denaro, preparazione di un cv o di un colloquio di lavoro. Attività sviluppate grazie alla partnership con Microsoft. 

I sostenitori della Fondazione Rava

Fondazione Rava può contare su importanti sostenitori. A cominciare dalla Scuola Internazionale St. Louis School di Milano, che, in occasione del 25esimo anno di attività, ha organizzato una serata benefica a Villa Necchi Campiglio, il cui ricavato è stato devoluto a favore della Fondazione Francesca Rava. Durante l’evento, alla presenza di presidi, genitori, testimonial d’eccezione come Giorgia Palmas e Filippo Magnini, volontari della Fondazione Francesca Rava ed ex alunni della scuola, si è svolta anche una lotteria di beneficenza a sostegno dei progetti di volontariatoNoi non siamo indifferenti, noi facciamo la differenza e SOS Scuola. 

Valori chiave insiti nel percorso formativo ed educativo che la St. Louis School condivide anche attraverso l’adesione ai progetti di volontariato della Fondazione Francesca Rava, a cui centinaia di studenti partecipano ogni anno. Presenti alla serata benefica anche Gaia Zorzi e Laura Maccari, ex alunne della St. Louis School e volontarie della Fondazione Francesca Rava, che hanno raccontato la loro esperienza nel campus di volontariato della Fondazione, insieme ai bambini accolti nella casa Nph in Honduras.

Il volontariato come forza motrice

“È un grande onore per la Fondazione Francesca Rava collaborare da anni con la St. Louis School e con i meravigliosi giovani studenti, nostri preziosi volontari in tanti progetti“, ha dichiarato la presidente Mariavittoria Rava. “Crediamo che il volontariato sia una grandissima forza motrice di amore, altruismo, formazione, desiderio di condivisione, voglia di mettersi in gioco e conoscenza. Tutto questo porta i giovani ad aiutare altri giovani, in uno scambio di esperienze e culture diverse. Come diceva padre Wasson, fondatore di Nph, ‘i fatti sono molto importanti.  Ma se non toccano il cuore delle persone, non producono alcunché’. Ed è proprio questa l’essenza del nostro lavoro quotidiano, perché racchiude anche il senso del valore del volontariato che vogliamo trasmettere a tutti i coloro che si avvicinano alla fondazione”.

“L’impegno di St. Louis School of Milan nel sociale coincide con gli obiettivi educativi di Inspired Group, di cui l’istituto fa parte, ovvero formare cittadini del futuro responsabili e connessi alla società in cui vivono”, ha detto Nicholas Wergan, global education director di Inspired Group. “Nei 25 anni trascorsi dalla fondazione della nostra scuola abbiamo costruito un solido rapporto di collaborazione con la Fondazione Francesca Rava e siamo convinti che iniziative di questo tipo siano sempre più formative per i nostri ragazzi. Il volontariato attivo, infatti, permette ai giovani non solo di conoscere la realtà che li circonda, ma anche di vivere emozioni che insegnano a dare e ricevere. Un’occasione unica, quindi, per mettere in pratica abilità e conoscenze che altrimenti rimarrebbero inespresse”.

Dal 2000 a sostegno dei più fragili

La Fondazione, nata nel 2000, aiuta l’infanzia e l’adolescenza in condizioni di disagio, le donne fragili in Italia, ad Haiti e nel mondo. Interviene in prima linea nelle emergenze che colpiscono i bambini e le loro famiglie. Contribuisce al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite (Unsdg), lavorando anche al fianco delle aziende e della società civile. La Fondazione aiuta i bambini tramite adozioni a distanza e progetti, sensibilizza sui diritti dei minori, diffonde la cultura del volontariato con programmi in Italia e all’estero.

La Fondazione rappresenta in Italia Nph – Nuestros Pequeños Hermanos (in italiano ‘I nostri piccoli fratelli e sorelle’) -, organizzazione umanitaria internazionale che dal 1954 salva i bambini orfani e abbandonati nelle sue case, scuole e ospedali in nove paesi dell’America Latina, con il motto “un bambino per volta, dalla strada alla laurea”. Rappresenta inoltre la Fondazione St. Luc di Haiti, che riunisce i ragazzi cresciuti nella Casa Nph sull’isola.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.