La proptech Casavo raccoglie 400 milioni di euro per espandersi in nuovi mercati europei

Giorgio Tinacci, fondatore e ceo di Casavo.
Share

Casavo, la piattaforma proptech europea leader di mercato che sta ridisegnando l’esperienza di chi vende e compra casa, annuncia oggi una raccolta di capitale da 400 milioni di euro.

I capitali raccolti sono suddivisi in 100 milioni di euro in un round di finanziamento Serie D. Le ulteriori linee di credito di 300 milioni di euro aumentano a oltre 500 milioni di euro i capitali per scalare l’attività di acquisizione immobiliare per i prossimi anni.

Gli investitori di Casavo coinvolti

Il round di finanziamento è stato guidato da Exor NV, la holding finanziaria di proprietà della famiglia Agnelli. Tra i nuovi investitori figurano, tra gli altri, Neva SGR (Gruppo Intesa Sanpaolo), Endeavor Catalyst, Hambro Perks, Fuse Ventures Partners, oltre a angel investor come Sébastien de Lafond (fondatore di MeilleursAgents). L’insieme degli investitori coinvolti fornisce un mix di competenze strategiche per supportare la crescita futura dell’azienda. Tutti i principali investitori attuali tra cui Greenoaks, Project A Ventures, 360 Capital, P101 SGR, Picus Capital e Bonsai Partners hanno partecipato al round di investimento Serie D.

“Questo round”, dice Giorgio Tinacci, fondatore e ceo di Casavo, un alumno di Forbes Italia Under 30ci consentirà di consolidare la nostra leadership in Europa attraverso ulteriore crescita in Italia, Spagna e Portogallo. E ci permetterà di espandere il nostro business in nuovi mercati, con la Francia come priorità. Continueremo a investire nella nostra missione di semplificare il modo in cui le persone vendono e comprano casa, proseguendo il percorso di evoluzione da instant buyer a marketplace residenziale di nuova generazione”.

Accesso al capitale a un costo ridotto

L’ulteriore finanziamento asset-backed di 300 milioni di euro include un’estensione di 190 milioni di euro della principale linea di credito di Casavo, a sostegno dell’espansione in altre aree geografiche. L’operazione ha visto la partecipazione di nuovi finanziatori, tra i quali Intesa Sanpaolo (Imi Corporate & Investment Banking Division), che si uniscono alla compagine attuale composta da Goldman Sachs e D.E. Shaw & Co. Il finanziamento prevede una significativa riduzione del costo del capitale.

Una piattaforma integrata per chi vende e acquista casa

Fin dalla sua fondazione nel 2017, Casavo è stata guidata da una visione chiara: rimuovere le complessità tipiche della compravendita immobiliare. Casavo è nata come piattaforma per l’acquisto diretto di case, con un modello di business noto come instant buying. È diventata il punto di riferimento online per la maggior parte dei venditori grazie a un servizio veloce e trasparente, a differenza del processo tradizionale.

Sfruttando la sua tecnologia proprietaria, l’azienda si è poi evoluta in un marketplace innovativo, dove i proprietari di casa possono iniziare il processo di vendita o di acquisto con il pieno supporto di Casavo in ogni fase. Ad oggi, Casavo ha eseguito transazioni per oltre 1 miliardo di euro.

I venditori possono ricevere un’offerta di acquisto direttamente da Casavo, oppure trovare l’acquirente perfetto sul mercato grazie alla rete di agenzie partner. Gli acquirenti hanno accesso a una selezione di immobili “pronti per essere abitati”, integrata a un’esperienza utente curata e a servizi complementari come Casavo Mutui. La piattaforma di Casavo mette inoltre in contatto gli operatori del settore immobiliare, tra cui agenzie immobiliari, banche e società di ristrutturazione, generando valore per tutti gli attori dell’ecosistema.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.