Un dipendente corregge Elon Musk, lui lo licenzia con un tweet

Elon Musk
(Photo by Patrick Pleul – Pool/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

“È licenziato”. Con queste parole, twittate poco dopo le 8 del mattino (ora del Pacifico) di lunedì, l’amministratore delegato di Twitter, Elon Musk, ha licenziato un ingegnere di lungo corso, che aveva messo pubblicamente in discussione il suo nuovo capo. L’azienda ha impiegato circa cinque ore per disabilitare l’accesso di Eric Frohnhoefer al suo computer portatile in dotazione.

Musk Tweet

Quando Forbes ha raggiunto telefonicamente Frohnhoefer nella sua casa di San Diego, l’ingegnere ha dichiarato di non aver ricevuto alcuna comunicazione formale dall’azienda in merito al suo improvviso licenziamento. “No, niente”, ha detto. “Sono tutti un branco di codardi”.

Le scelte di Musk

Il fatto che il nuovo amministratore delegato di Twitter licenzi ingegneri d’esperienza per capriccio, in pubblico, è indicativo dell’approccio che Musk ha adottato per gestire l’azienda.

Nelle poche settimane trascorse dall’acquisto di Twitter, Musk ha licenziato in tronco il precedente team esecutivo e ha licenziato circa il 50% dei dipendenti. Ha istituito un piano malriuscito che prevede che gli utenti paghino otto dollari per un account verificato, senza alcuna procedura di verifica effettiva. Di fronte alla possibilità che qualcuno impersonasse figure pubbliche e aziende, alcuni grandi inserzionisti, tra cui General Mills e Volvo, hanno ritirato i loro dollari dalla piattaforma. Nel frattempo Musk continua a twittare, agendo sia come agente del caos dell’azienda, sia come autoproclamato cavaliere bianco.

Lo scontro tra Elon Musk e il suo ingegnere

Il battibecco tra Musk e Frohnhoefer è iniziato quando Musk ha twittato domenica mattina che voleva “scusarsi per la lentezza di Twitter in molti Paesi”. Poche ore dopo, Frohnhoefer ha risposto con un tweet: “Ho lavorato per circa sei anni a Twitter per Android e posso dire che questa cosa è sbagliata“.

Tweet Musk

I due hanno avuto un botta e risposta in un thread pubblico su Twitter, su questioni tecniche riguardanti le prestazioni dell’app per Android. Musk che ha scritto: “Twitter è super lento su Android. Cosa avete fatto per risolvere il problema?”. Più tardi, dopo che un altro utente è intervenuto sul thread per ammonire Frohnhoefer per aver criticato Musk in pubblico, Frohnhoefer ha risposto: “Forse dovrebbe porre queste domande in privato. Magari usando Slack o l’e-mail”.

Poi lunedì mattina, alle 8:01 locali, un terzo utente è intervenuto: “Con questo tipo di atteggiamento, probabilmente non lo vorrai nel tuo team”. Appena un minuto dopo, Musk ha lanciato il guanto di sfida – “è licenziato” – e Frohnhoefer ha risposto con un’emoji di saluto.

“Nessuno si fida più di nessuno”

Frohnhoefer ha 41 anni e lavora in azienda da più di otto. Ha raccontato che la fine è arrivata piuttosto bruscamente, intorno alle 13 (ora locale) di lunedì pomeriggio. “Il mio computer portatile si è spento e ora non riesco più a rientrare“, ha detto.

Frohnhoefer ha dichiarato di non avere mai avuto una grande opinione di Elon Musk, fin da prima del suo arrivo a Twitter, definendosi “attendista”. Ma da quando è iniziata la sua leadership, “la situazione è precipitata”, ha osservato. “Nessuno si fida più di nessuno in azienda. Come può funzionare? I dipendenti non si fidano del nuovo management. La direzione non si fida dei dipendenti. Come pensate di riuscire a fare qualcosa? Ecco perché c’è il blocco della produzione: non si possono attivare le cose senza il permesso dei vicepresidenti”.

L’ingegnere di San Diego ha aggiunto di essere “preoccupato” per il futuro prossimo dell’azienda, soprattutto per il modo in cui i vertici trattano i dipendenti. Prima che Musk prendesse il comando, ha detto, “le persone erano più aperte e sentivano di poter criticare, mentre ora chiaramente non è più così”.

In una parte separata del thread su Twitter, prima di quello in cui ha annunciato il licenziamento dell’ingegnere, Musk ha detto che lunedì “è stato al quartier generale di Twitter tutta la notte. Lavorerà e dormirà qui finché l’organizzazione non sarà sistemata”. Twitter, che ha sciolto il suo dipartimento di pubbliche relazioni dopo l’acquisizione di Musk, non ha risposto alla richiesta di commento di Forbes. Allo stesso modo, lo stesso Musk non ha risposto a una richiesta di commento via e-mail.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.