La rivoluzione del lavoro ibrido: ecco la formula di Storeis per una crescita felice

storeis-lavoro-ibrido
Share

STOREIS – BRANDVOICE / PAID PROGRAM

È di base a Padova una delle prime agenzie italiane indipendenti nel panorama del digital marketing e della consulenza e-commerce. Si chiama Storeis, e, nell’ultimo anno, è stata pluripremiata per la sua
crescita significativa e le sue innovative iniziative di work-life balance.

Leader della Crescita 2023 secondo Il Sole 24 Ore e Statista; tra le prime 10 società di consulenza secondo il premio Campioni della Crescita 2023 di La Repubblica in collaborazione con l’Istituto
Tedesco Qualità e Finanza. Storeis ha scalato rapidamente le classifiche fino a confermarsi una delle realtà più in fermento nell’ambito dell’innovazione digitale.

Il segreto del suo successo vive già nel suo nome: Storeis e il payoff A different story nascono dal gioco di parole store (negozio), e story (storia): un binomio che vuole sottolineare il valore e l’unicità di ciascuno store online, che necessita di un approccio strategico su misura e altamente personalizzato.

Un modello di successo per una crescita felice

storeis-lavoro-ibrido

Un team multiculturale di oltre 60 talenti del digitale e dell’e-commerce, che lavora per clienti del mondo fashion, lusso, sport, cosmesi e consumer electronics, Stories è uno dei luoghi di lavoro più desiderati dai millennials. Con un’età media di 30 anni e un team composto per l’80% da collaboratori under 40, l’azienda è stata premiata da Great Place to Work tra i Best Workplaces for Millennials 2022 con un Trust Index del 98%.

Il modello di successo adottato è stato recentemente confermato anche dal Politecnico di Milano che, in occasione del Convegno dell’Osservatorio, ha premiato l’agenzia come la migliore iniziativa italiana in tema di flessibilità e remote working, conferendole lo Smart Working Award 2022 nella categoria Pmi.

Lavoro liquido, flessibilità, formazione e innovazione sono gli elementi chiave che rendono il modello di Storeis una best practice. Una cultura aziendale People First che si concretizza in attività che da sempre l’azienda applica per garantire il miglior well-being possibile ai propri collaboratori.
● Oltre 6.800 ore di formazione erogate nel 2021
● Eventi on- e off-site per rafforzare il Team Building
● 10% del fatturato investito in attività di Ricerca & Sviluppo
● Remote Working e Work-from-anywhere: oltre alla possibilità di lavorare da remoto per 3gg a
settimana, è prevista la possibilità di lavorare dall’estero o da qualsiasi altra località per
periodi di tempo concordati
● Flessibilità: ferie e orari sono flessibili, non esiste il concetto di timbratura
● Piano Welfare per tutti i collaboratori
● Buddy Program: tutti i neo-assunti sono affiancati da un mentor e da figure senior per i primi
mesi di Induction per facilitarne l’inserimento

storeis-lavoro-ibrido

E inoltre, spazi di lavoro ibridi, progettati per stimolare la creatività, la collaborazione, il gioco e il relax da una grande playroom con tavolo da ping-pong, biliardino, Play Station e spina della birra, alle terrazze con amache, scrivanie regolabili in altezza e su ruote per poter riconfigurare in pochi gesti gli ambienti per eventi interni e di formazione. Sono questi gli elementi chiave che hanno permesso a Storeis di attrarre i migliori talenti del digitale e di acquisire importanti progetti di scala internazionale.

Cosa c’è nel futuro di Storeis?

Generare impatto positivo sulle persone e sulla città, ma anche far fluire la creatività, attraverso il coinvolgimento e la collaborazione di un gruppo di lavoro, in continua crescita grazie a un corposo piano di assunzioni previsto per il 2023. Molte delle posizioni aperte nel marketing digitale sono già consultabili direttamente sul sito.

L’obiettivo di Storeis è quello di diventare un knowledge centre, punto di riferimento in Italia e all’estero tra le agenzie indipendenti. Una realtà da non perdere di vista, che sta ridefinendo il nuovo standard del benessere lavorativo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.