Elon Musk prova a rassicurare i dipendenti: “Tesla diventerà l’azienda di maggiore valore al mondo”

Elon Musk
(Foto di Maja Hitij/Getty Images)
Share

Secondo quanto riportato da Reuters, entrata in possesso di una mail inviata da Elon Musk al personale di Tesla, l’uomo più ricco d’America ha detto ai dipendenti che non devono essere “infastiditi dalla follia del mercato azionario” e che “se dimostreremo una performance eccellente e costante, il mercato lo riconoscerà”. Il tutto dopo che quest’anno le azioni della società sono scese di quasi il 70%, a causa delle preoccupazioni per il calo della domanda di veicoli elettrici e per le distrazioni di Musk, impegnato nella gestione di Twitter.

La mail di Elon Musk

Musk inoltre, sempre in questa mail, ha affermato che, a lungo termine, Tesla sarà l’azienda di maggior valore sulla Terra. Ha anche esortato i dipendenti ad aumentare le consegne alla fine di questo trimestre, dopo che la casa automobilistica ha offerto sconti sui suoi veicoli negli Stati Uniti e in Cina. “Per favore, datevi da fare nei prossimi giorni e, se possibile, offritevi volontari per aiutare a consegnare. Farà davvero la differenza!”, ha scritto nell’e-mail. Secondo i dati di Refinitiv, gli analisti prevedono che Tesla consegnerà 442.452 veicoli nel quarto trimestre.

Il crollo di Tesla

Il crollo del titolo di Tesla ha danneggiato anche i dipendenti che possiedono azioni. L’azienda ha offerto infatti un compenso in azioni alla maggior parte dei dipendenti, compresi gli operai. Le azioni della società sono tornate a crescere mercoledì, dopo un crollo dell’11% nella sessione precedente, a causa della notizia della Reuters secondo cui la casa automobilistica avrebbe pianificato per gennaio una riduzione sulla produzione nello stabilimento di Shanghai.

895 miliardi di dollari di perdite

Il valore di mercato di Tesla ha raggiunto un picco di oltre 1.200 miliardi di dollari nel novembre del 2021. Oggi è di 344,5 miliardi di dollari, con una perdita quindi di circa 895 miliardi di dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.