Skin
Novak Djokovic
Trending

Perché Novak Djokovic e altre grandi stelle del tennis vivono a Monaco

Novak Djokovic potrebbe essere l’atleta serbo più famoso al mondo, eppure la sua casa, ormai, è il piccolo principato di Monaco. Cinque dei primi dieci giocatori della classifica ATP rivendicano Monaco come residenza principale. Ed è facile capire il perché.

Situato sulla Costa Azzurra, il microstato gode di più di 300 giorni di sole all’anno. Raggiungibile con un volo molto breve da diverse capitali europee, ha accesso alle migliori strutture di allenamento, tra cui la famosa Mouratoglou Tennis Academy, che è a meno di un’ora di macchina.

Monaco, i vantaggi fiscali per i campioni del tennis

Ma c’è un altro vantaggio per gli atleti di punta e gli ultra-ricchi. Monaco è un paradiso fiscale, senza tasse sul reddito personale, sulle plusvalenze o sugli investimenti. Per i giocatori che guadagnano di più nel tennis, come Djokovic –  che si trova al primo posto nella lista di Forbes dei tennisti più pagati al mondo, con 38,4 milioni di dollari guadagnati negli ultimi 12 mesi – , i risparmi potrebbero valere milioni.

Oltre al 23 volte campione del Grande Slam, Monaco è la residenza principale del russo Daniil Medvedev (numero 3 al mondo), del danese Holger Rune (numero 5), dell’italiano Janik Sinner (numero 6) e del greco Stefanos Tsitsipas (numero 7). “Vengo dalla Danimarca”, dice Rune a Forbes , “ed è un grande paese ma non ci sono molti tennisti. Quindi per me le strutture e i giocatori che sono qui [a Monaco] per allenarsi sono davvero importanti, perché in Danimarca non posso avere accesso a queste tipo di esperienze”.

Dal tennis alla Formula 1, ai miliardari

Il principato è anche la patria di alcuni dei migliori piloti di Formula 1, tra cui Max Verstappen, Lando Norris e Charles Leclerc. E non solo perché vogliono costantemente allenarsi per il famoso Gran Premio di Monaco. Anche molti miliardari, dello sport e non solo, vivono lì. Tra cui il proprietario dell’Everton Farhad Moshiri (con un patrimonio netto stimato di 3,1 miliardi di dollari), l’erede belga dello zucchero Eric Wittouck (8 miliardi di dollari ) e il magnate immobiliare e marittimo israeliano Eyal Ofer (19,4 miliardi di dollari).

LEGGI ANCHE: “Ferrari è ancora la scuderia di Formula 1 che vale di più”

Naturalmente, Djokovic non è stato il primo atleta a godere di questi vantaggi fiscali. La leggenda del tennis svedese Björn Borg, che ha vinto cinque titoli consecutivi a Wimbledon e altri sei major agli Open di Francia, dalla fine degli anni ’70, è stato più di un decennio residente a Monte Carlo. Dopo il suo ritiro dallo sport a 26 anni, Borg alla fine si è trovato in difficoltà finanziarie con la sua attività di moda, è tornato a Stoccolma e, solo per pochissimo, è riuscito a non dichiarare bancarotta, dopo che il governo svedese gli ha chiesto il pagamento di circa 40mila dollari per tasse arretrate.

“È un segreto di Pulcinella”, afferma Andreas Bosse, un consulente legale internazionale con sede a Monaco. “Vengono qui per il bel tempo, ma tutti sanno che Monaco ha sostanziali vantaggi fiscali”.

AAA cercasi casa a Monaco

Nemmeno la residenza è particolarmente difficile da ottenere. I requisiti consistono nell’affittare o acquistare un appartamento, aprire e finanziare un conto bancario con almeno 500mila euro e sottoscrivere un contratto di utenze, come l’elettricità. I potenziali candidati devono inoltre avere una fedina penale pulita e partecipare a un colloquio con un’offerta della polizia dell’Ufficio di sicurezza di Monaco. I cittadini europei e svizzeri possono richiedere direttamente la residenza a Monaco e Bosse stima che il processo richieda circa due mesi. Gli americani, invece, devono prima richiedere un visto a lungo termine in Francia.

Questo non è l’unico aspetto negativo per i cittadini statunitensi. Gli americani devono anche pagare una tassa di espatrio ovunque risiedano nel mondo. “‘Se non hanno tasse [a Monaco], continueranno a pagare le tasse sul loro reddito globale come se vivessero a Manhattan’, afferma Jerry August, co-presidente del gruppo di pratica sulla tassazione internazionale e la pianificazione patrimoniale di Fox Rothschild.

Anche i francesi, in un certo senso, non sono costì tanto fortunati quando si parla dello stato che ospita il famoso Casinò di Monte Carlo. A causa di un accordo di lunga data, i cittadini francesi che vivono a Monaco sono ancora soggetti all’imposta sul reddito del proprio paese. In totale, Monaco ha firmato 35 accordi, di cui 33 attualmente in vigore, sullo scambio di informazioni fiscali con paesi di tutto il mondo, inclusi Stati Uniti e Francia.

Vantaggi fiscali sì, ma…

Bosse nota, tuttavia, che in alcuni casi i benefici fiscali di Monaco “non sono così grandi come si potrebbe pensare”. Gli atleti che gareggiano in tutto il mondo sono ancora soggetti al pagamento delle tasse nelle giurisdizioni in cui gareggiano. Se, ad esempio, Djokovic vincesse il suo 24esimo major agli US Open 2023, dove i campioni del singolare vincono 3 milioni di dollari in premi in denaro, non dovrà nulla al governo monegasco. Ma l’IRS (l’Agenzia delle entrate americana) non sarà così indulgente.

Allo stesso modo, la tassazione può applicarsi alle sponsorizzazioni e alle entrate dei social media. Alcuni paesi potrebbero sostenere che le apparizioni, i post digitali e le vendite online all’interno dei loro confini creano eventi imponibili e che l’importo proporzionale del reddito di un atleta guadagnato in tali situazioni rientra nelle loro leggi. A differenza del premio in denaro, tuttavia, è più difficile da definire.

“Un principio fondamentale della tassazione statunitense e internazionale”, spiega August, “è che una giurisdizione ha il diritto di tassarti sempre se il tuo lavoro viene svolto in quel paese”. E questa è una racchetta con cui nessun tennista vorrebbe avere a che fare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .