Skin
Brian Chesky Airbnb
Business

Airbnb si rinnova: “Dal 2024 affitti a lungo termine e noleggio auto”

Airbnb cambia modello di business? È una domanda a cui il ceo Brian Chesky ha in parte risposto con delle dichiarazioni rilasciate al Financial Times. Dal 2024, infatti, l’azienda specializzata in affitti brevi “andrà un po’ oltre il suo core business” e pensa a un’espansione delle esperienze e dei servizi. Si tratterà del “più grande aggiornamento di Airbnb di sempre”.

“I viaggi sono il nostro punto forte”, ha detto il ceo. “Alla fine, la grande frontiera per Airbnb è andare oltre il viaggio”, aggiungendo che “c’è un’opportunità futura per Airbnb di diventare una parte più consistente della vita quotidiana dei consumatori e non solo un’azienda che offre servizi una o due volte all’anno”.

Tra le novità potrebbe esserci quella di offrire affitti a lungo termine (fino a un anno). È una “grande opportunità”, ha detto Chesky. Il ceo ha dichiarato che attualmente solo il 18 per cento dei soggiorni prenotati nel secondo trimestre di quest’anno è legato a soggiorni più lunghi di 30 giorni. I soggiorni che vanno inoltre oltre i tre mesi sono ancora più rari.

LEGGI ANCHE: ““Il modo di viaggiare è cambiato per sempre”: Airbnb rivoluziona la sua piattaforma”

“In questo mondo post-pandemia, c’è questo mercato non sufficientemente battuto di affitti di un mese, due mesi, tre mesi. Ora che le persone possono lavorare dai laptop, decidono di spostarsi anche per tutta l’estate”, ha spiegato Chesky.

Si pensa anche al noleggio auto

Tra i piani presi in considerazione da Chesky ci sono anche il noleggio di auto e l’apertura di pop-up restaurant.

“Di solito il secondo bene più grande nella vita di qualcuno dopo la casa è l’auto”, ha detto. “Ci sono diverse modalità in cui potresti fare qualcosa con le auto”. Chesky ha chiarito che Airbnb ha a lungo considerato piani per un passaggio al noleggio di auto: “Anni fa, abbiamo pensato che come abbiamo fatto con le case, faremo con le auto. Quella sarà la prossima mossa perché. sebbene non sia mai stata in cima alle priorità, è molto interessante”.

La questione affitti brevi

Il possibile cambio di rotta arriva dopo un periodo complesso per l’azienda. Dal 5 settembre 2023, le autorità hanno iniziato ad applicare nuove regole sugli affitti a breve termine che probabilmente porteranno alla rimozione di almeno il 70% degli attuali alloggi in affitto a breve termine a New York.

La normativa è entrata in vigore nella Grande Mela seguendo l’esempio di altre grandi città come San Francisco, Barcellona, Amsterdam e Parigi. La norma – Legge Locale 18 – consente gli affitti a breve termine (sotto i 30 giorni) solo se l’host è fisicamente presente durante il soggiorno degli ospiti e se non sono presenti più di due ospiti contemporaneamente.

LEGGI ANCHE: “Il miliardario cofondatore di Airbnb Joe Gebbia entra nel cda di Tesla”

Il patrimonio dei fondatori

I fondatori di Airbnb sono Brian Chesky, Joe Gebbia e Nathan Blecharczyk. Secondo Forbes, Chesky, ceo della società, ha un patrimonio di 8,6 miliardi di dollari. Ex bodybuilder, Chesky ha frequentato la Rhode Island School of Design dove ha conosciuto Gebbia. Chesky è figlio di due assistenti sociali e guadagnava 40.000 dollari all’anno come designer industriale a Los Angeles prima che Airbnb spiccasse il volo.

Gebbia, 42 anni, ha un patrimonio di 7,9 miliardi di dollari. Nel luglio 2022, Gebbia ha lasciato la sua posizione in Airbnb ma è rimasto nel consiglio di amministrazione e continua a presiedere il ramo no-profit dell’azienda, Airbnb.org.
Gebbia possiede una quota del 9% di Airbnb. Nel settembre 2022 è entrato a far parte del consiglio di amministrazione di Tesla. Nel gennaio 2022 ha acquistato una quota di minoranza dei San Antonio Spurs.

Blecharczyk, 40 anni, ha un patrimonio di 8,2 miliardi di dollari ed è chief strategy officer di Airbnb. Il miliardario è stato il primo ingegnere della società. È anche presidente di Airbnb Cina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .