Skin
Lifestyle

Artigianato locale, prodotti tipici e atmosfere fiabesche: 6 mercatini di Natale da visitare in Europa

Il Natale è ormai alle porte, e come ogni anno, gli appassionati di regali da mettere sotto l’albero sono alla ricerca dei più suggestivi mercatini a tema. Ecco una selezione dei più gettonati dove, tra prodotti locali, degustazioni e performance musicali, anche i Grinch più convinti si faranno trascinare dall’atmosfera natalizia.

A Dresda il mercatino più antico (Germania)

(striezelmarkt.dresden.de)

Il più antico mercatino di Natale della Germania si trova proprio a Dresda, nella piazza del Mercato, e ha alle spalle circa 600 anni di tradizione. Tra il cottage degli elfi, il teatro delle marionette e la casa di Babbo Natale, lo Striezelmarkt sarà aperto dal 29 novembre fino al 24 dicembre 2023 e porterà nella città tedesca il meglio dell’artigianato, dei prodotti gastronomici e delle idee regalo.

Il tour inizia passeggiando per il centro della città, nell’Altmarkt, dove troverete 250 casette di legno con all’interno prodotti d’artigianato come pizzi, stoffe di Lausitzm, ceramiche, palle di Natale in vetro soffiato e candele.

Interessanti anche i banchetti della gastronomia dove gustare lo Stollen, tipico dolce natalizio, le mandorle arrostite, la frutta candita e il vin brulè.

Infine, è d’obbligo fare un salto nello Stallhofische Adventsspektakel, dove rivivere l’atmosfera del mondo medievale. All’interno del castello ci saranno infatti suonatori e saltimbanchi, mentre gli artigiani metteranno in mostra lanterne, candele, argenti, stampe e profumi.

Tutta la magia di Colmar (Alsazia)

(noel-colmar.com)

Colmar sembra una città delle favole. Situata in Alsazia, con la sua architettura a “colombages” – le tipiche pareti a graticcio – e i canali, è la città natale del celebre scultore Frédéric Auguste Bartholdi, progettista della Statua della Libertà di New York.

Imperdibile, anche per un viaggio ‘mordi e fuggi’ sotto Natale, il quartiere la “Piccola Venezia”, costituito da casette lungo il fiume Laucha a sud della città, tra i lungofiumi la Poissonnerie e rue Turenne. Qui i più piccoli potranno divertirsi con oltre una quarantina di casette con tante idee regalo, dolciumi, un presepe, una giostra e una grande casetta della posta per imbucare una lettera a Babbo Natale.

In occasione del Natale, sono tanti gli eventi in calendario: concerti, letture, la cassetta gigante per le lettere a Babbo Natale e una pista di pattinaggio illuminata in place Rapp.

Ben 6 mercatini animano le piazze della città, con una sessantina di stand in Places des Dominicains, ai piedi di una chiesa domenicana del XIV secolo, e 50 in  Place de l’Ancienne Douane. All’interno dell’antica dogana di Koïfhus si svolge invece un altro mercatino con vari prodotti dell’artigianato artistico locale. Le atmosfere sono medievali, e all’interno è possibile acquistare creazioni varie da ceramisti, vetrai, intagliatori del legno o cappellai.

Anche il Mercatino di Natale in Place Jeanne d’Arco offre una selezione di prodotti di artiginato ed enogastronomici della tradizione alsaziana: foie gras, salumi, grappe, dolci natalizi, pan di zenzero e molto altro.

La tradizione a Bressanone (Alto Adige)

    (Bressanone Turismo)
    (Bressanone Turismo)

Cannella, chiodi di garofano, vaniglia, fichi, datteri e frutta candita non mancano nel Natale di Bressanone. Stelle alla cannella, pan di zenzero, mezzelune alla vaniglia e biscotti all’anice sono, in particolare, alcuni dei classici che si potranno trovare nei mercatini della città. Durante le feste, inoltre, è possibile imparare a fare i biscotti di Natale al mercatino presso la Profanter Naturbackstube il 14, 21 e 28 dicembre e il 22 dicembre presso la Biblioteca Civica.

Nella grande cerimonia di apertura del 24 novembre, gli angeli di Natale sono vestiti a festa, con tanto di tamburini, ottoni e coro di bambini, sfilano nel centro storico della città, fino alla piazza del Duomo.

Anche i biglietti e le decorazioni natalizie sono un must. Il 25 novembre, presso la biblioteca comunale, la cooperativa sociale WiaNui ha pensato a qualcosa di molto speciale: si realizzeranno biglietti di auguri con materiali di scarto come scampoli di tessuto, balze e imballaggi in alluminio, mentre il 9 dicembre si realizzeranno decorazioni natalizie con carta riciclata.

Meno ‘tradizionale’ è il Capodanno di Bressanone, il 31 dicembre. Qui il mercatino di Natale si trasforma in un luogo di festa dove non mancano musica e gastronomia. Gli artigiani e gli imprenditori locali propongono addobbi per l’albero di Natale, decorazioni natalizie dipinte a mano, stelle di paglia per addobbare l’albero, ma anche regali speciali come cuscini di pino cembro, erbe e oli essenziali. Infine ci sono prodotti locali come marmellate, mieli, pane, strudel, miscele di tè e tisane, liquori, vini e cosmetici a base di erbe altoatesine.

Non mancano naturalmente gli stand gastronomici dove, oltre al vin brulé e al punch, si trovano anche Erdäpfelblattln (frittelle di patate) con crauti, zuppa di gulasch e ciambelle dolci.

Al Natale di Bressanone è previsto infine un ricco programma di supporto con musica, laboratori e workshop, dimostrazioni di cucina e panificazione, letture.

I profumi del Garda Trentino (Trento)

    (gardatrentino.it)
    (gardatrentino.it)

Anche qui, i profumi di cannella e cioccolato animano le strade del Garda Trentino, racchiuso tra le rive a nord del Lago di Garda e le Dolomiti di Brenta.

Tra la fine di novembre e l’inizio di gennaio, sono numerosi i mercatini sul territorio dove assaggiare specialità di ogni tipo, oltre a scoprire l’artigianato locale. Unici nel loro genere, i mercatini natalizi di Canale di Tenno e Rango, tra i borghi più belli d’Italia, espongono utensili agricoli, giocattoli in legno e offrono piatti della tradizione contadina, per raccontare la vita di un tempo. 

Nello stesso periodo, anche le pareti rocciose di Arco fanno da sfondo a un mercatino con bancarelle tipiche e casette in legno, alternando spettacoli di strada, concerti di musica classica, presepi e laboratori creativi.

Il mercatino natalizio “Di Gusto in Gusto”, invece, trasforma il centro storico di Riva del Garda in un piccolo villaggio gastronomico. Tra una degustazione di vino e un assaggio di salumi e formaggi, non può mancare poi la visita alla Casa di Babbo Natale. 

Una novità sarà invece la Casa del Grinch. Per la prima volta, il Bastione di Riva del Garda ospita la strana dimora della figura fantastica, con un allestimento ad hoc.

Infine, le sorprese della Valle dei Laghi: il borgo di Santa Massenza offrirà un mercatino dedicato ad artigianato con una ricca proposta enogastronomica, giochi, animazione, musica e spettacoli. E nelle sere dal 7 al 10 dicembre andrà in scena la “Notte degli Alambicchi Accesi”, un viaggio itinerante attraverso la storica arte della distillazione. 

Il piccolo borgo di Calavino, invece, metterà in scena il presepe vivente più antico del Trentino, il 26, 29 dicembre e il 6 gennaio. 

A Trento, quest’anno ci sarà infine una novità: ai tradizionali collegamenti ferroviari diretti da Monaco di Baviera, Bolzano, Verona, Venezia, Roma e Napoli, si aggiungono treni storici riservati ai visitatori del Mercatino di Natale di Trento, composti da locomotore elettrico d’epoca e carrozze degli anni ’50 e ’60, con partenze da Milano, Treviglio, Bergamo e Brescia domenica 5 e mercoledì 8 dicembre.  Durante il Mercatino di Natale, si potrà usufruire del trenino del Natale che percorrerà gli angoli più suggestivi del centro storico.

Vienna, dal Medioevo a oggi (Austria)

    (austria.info)
    (austria.info)
    (austria.info)

In quanto a varietà di mercatini disseminati per la città, la città di Vienna detiene indubbiamente lo scettro. Qui le bancarelle natalizie sono una tradizione secolare: i precursori risalgono al Medioevo, quando nel 1298 Albrecht concesse ai cittadini di Vienna il privilegio di avere un mercato a dicembre.

Partiamo dalla Rathausplatz , dove si trova il Christkindlmarkt, per proseguire con quello di Karlsplatz, di fronte alla chiesa di San Carlo.

Senza dimenticare il mercatino nel cortile del Castello di Schönbrunn, patrimonio dell’umanità, e quello di Spittelberg, con prodotti artigianali come oggetti d’arte, ceramiche, gioielli in argento, smalto e ottone.

Il mercatino di Natale al Palazzo del Belvedere è immerso poi in un’atmosfera imperiale: oltre all’ambientazione barocca, si possono ammirare anche i giardini del Belvedere. L’edificio sopra è inoltre una delle principali attrazioni di Vienna, e ospita una galleria d’arte con il quadro Il Bacio di Gustav Klimt.

Da menzionare, infine, il villaggio natalizio “Weihnachtsdorf Maria-Theresien-Platz”, tra il Musei di Storia dell’Arte e quello di Storia Naturale, con circa 70 bancarelle che offrono artigianato tradizionale e idee regalo.

Le decorazioni di Berna (Svizzera)

(bern.com)

Sulla “kleine Schanze” si trova un villaggio natalizio decorato a festa, con numerose bancarelle dove vengono proposte specialità gastronomiche locali, bevande calde e prodotti di design.

Poi c’è il mercatino di Natale della Waisen­hausplatz, con una tradizione pluridecennale, dove le bancarelle addobbate offrono mandorle tostate, bocce di Natale a forma di stella, formine per la preparazione di biscotti e molte altre idee regalo.

Per trovare un’atmosfera natalizia lontana dalla frenesia urbana, invece, ci si potrà recare davanti all’imponente Cattedrale di Berna, il cui campanile è il più alto della Svizzera (100,6 metri). Qui, le artigiane e gli artigiani di Berna e dintorni propongono e presentano prodotti unici, tutti realizzati nei loro atelier (si dice anche che il vin brulé bianco del «Märitbeizli» sia il migliore della città). Sulla terrazza della cattedrale ci sarà poi un mercatino dedicato all’artigianato con tanti designer locali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .