snapchat-founders
Investimenti

Crollano le azioni di Snapchat. E i due fondatori perdono un quarto del loro patrimonio

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Le azioni di Snapchat hanno subito un fortissimo calo mercoledì, spazzando via circa un quarto delle fortune dei leader miliardari della società di social media.

Fatti chiave

  • Le azioni di Snapchat sono crollate del 34% a 11,41 dollari alla chiusura del mercato, registrando il terzo peggior calo giornaliero nei sette anni di Snap come società quotata in borsa.
  • Il “violento” crollo è avvenuto dopo che i risultati degli utili trimestrali di Snap, pubblicati dopo la chiusura del mercato di martedì, “hanno lasciato molto a desiderare su tutti i fronti”, ha spiegato l’analista di Bernstein Mark Shmulik in una nota ai clienti.
  • Il patrimonio netto del cofondatore e amministratore delegato di Snap, Evan Spiegel, è crollato di 1 miliardo di dollari, scendendo a 2,9 miliardi di dollari mercoledì, secondo il tracker dei miliardari in tempo reale di Forbes, ben lontano dal suo gruzzolo di 11 miliardi di dollari dell’inizio del 2021, quando le azioni di Snap erano scambiate a oltre 50 dollari per azione.
  • L’altro cofondatore, Bobby Murphy, ha perso circa 1,1 miliardi di dollari, portando il patrimonio netto del responsabile tecnologico di Snap Murphy a 2,6 miliardi di dollari.

Controversie

Il crollo di Snapchat è certamente doloroso per gli investitori, ma il titolo ora tratta più o meno allo stesso livello di novembre, dopo la precedente relazione sugli utili. La reazione degli analisti è stata in gran parte meno dura di quanto indicato dall’oscillazione del prezzo delle azioni. Brian Pitz, analista di Bmo Capital Markets, ha definito il crollo una probabile “reazione eccessiva”, mantenendo il rating buy sul titolo, mentre Doug Anmuth, analista ribassista di JPMorgan, ha osservato che Snap sta iniziando “meglio” quest’anno, in quanto la recente decisione dell’azienda di tagliare il 10% della sua forza lavoro dovrebbe incrementare la linea di fondo.

I numeri

Le azioni Snap, rispetto al picco del 24 settembre 2021 di 83 dollari, sono crollate dell’87%. L’indice tecnologico Nasdaq Composite è salito del 5% in questo periodo e le azioni del leader del mercato dei social media Meta sono salite del 33%.

LEGGI ANCHE:Meta ha registrato il suo trimestre (e anno) più redditizio di sempre”

Contesto

Le disgrazie di Snap coincidono con l’incapacità della società di registrare profitti e con la decelerazione della crescita degli utenti, una combinazione brutale familiare a molti titoli dei media. L’anno scorso Snap ha perso 1,3 miliardi di dollari su 4,6 miliardi di dollari di vendite, registrando l’ottavo anno consecutivo di profitti negativi, per quanto riguarda i dati disponibili al pubblico, e in particolare una perdita tre volte superiore a quella del 2021. Secondo FactSet, le previsioni degli analisti prevedono che Snap diventerà redditizia per la prima volta nel 2027. “Ovviamente vorremmo muoverci più velocemente, ma stiamo lavorando il più possibile”, ha dichiarato Spiegel durante la call di martedì a seguito della trimestrale.

LEGGI ANCHE: Chi sono i 26 miliardari “assunti”: i dirigenti diventati ricchi senza essere fondatori o eredi di un’azienda

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .