Skin
Wine

Azienda Agricola Fois

L’Azienda Agricola Fois produce il Chlamys, vermentino certificato DOC Sardegna prodotto da uve vinificate in purezza e raccolte con vendemmia tardiva certificato DOC Sardegna. La vicinanza alla costa conferisce alle uve un patrimonio di profumi di grande carattere e freschezza, dal colore giallo paglierino, limpido e consistente all’olfatto e gustose fragranze di fruttato fresco con una buona sapidità. Con una produzione di circa 8 mila bottiglie l’anno, Chlamys è ottimo sia come aperitivo che servito in tavola con i piatti di pesce, in particolar modo con molluschi, crostacei e frutti di mare. Un perfetto equilibrio tra intensità olfattiva, struttura e rotondità che conferiscono a questo vermentino un sapore aristocratico, che ha saputo affermarsi nell’élite dell’enologia sarda e italiana. Chlamys è presente nell’annuario dei Migliori Vini Italiani di Luca Maroni, nella guida Vini d’Italia del Gambero Rosso e nella Guida Oro I Vini di Veronelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: Via dei Carbonai (Loc. Ungias-Galantè),
07041 Alghero (Sassari)
Telefono: 079980394
Email: [email protected]
Sito: www.accademiaolearia.com

In primo piano

Alessandro e Antonello Fois rispettivamente classe 1976 e 1980, algheresi DOC, sono i fratelli a capo di Accademia Olearia. Nel 2000 sono stati coinvolti attivamente dal loro padre e fondatore Giuseppe Fois nella gestione dell’azienda di famiglia. Attualmente Alessandro è responsabile dei processi aziendali, dalla coltivazione alla trasformazione. Antonello è il responsabile dell’area amministrativa, del confezionamento e commerciale.

Il punto forte

Innovazione e sostenibilità sono i punti di forza di Accademia Olearia. L’azienda opera in un moderno stabilimento costruito con una particolare attenzione verso la salvaguardia dell’ambiente. Con un’estensione di oltre 4 mila mq, lo stabilimento è alimentato con l’utilizzo di fonti energetiche alternative, come il fotovoltaico o i residui di produzione per il riscaldamento, e utilizza metodologie di lavorazione tra le più avanzate e innovative.

Contenuto precedente
Contenuto successivo