La storia di Undici Gin inizia l’11 luglio 1943, con lo sbarco degli anglosassoni sulla costa orientale della Sicilia. Settantacinque anni dopo fu ritrovata una scatola contenente le istruzioni per alcuni processi di distillazione, con note su piante ed erbe siciliane. Determinati a far luce sulla storia, Giorgio Zanniero ha deciso di far rivivere ciò che gli inglesi hanno lasciato in questa parte della Sicilia, dando vita ad “Undici Gin” unendo la tradizione d’oltremanica ai sapori aromatici della Sicilia. L’azienda è situata nella catena dei monti Iblei nella parte sud orientale della Sicilia, a un’altitudine tra i 380 ei 500 metri sul livello del mare dove si estendono per oltre 30 ettari generose colture di piante mediterranee. Mandorli, carrubi e agrumeti, circondati da boschi e pinete, fanno da padroni in questo paesaggio bucolico caratterizzato da canyon preistorici, formati dal passaggio dei fiumi nel corso dei millenni. La sua altitudine e la vicinanza al mare favoriscono un microclima ideale per la crescita spontanea di molti tipi di piante ed erbe aromatiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: Contrada Monte Renna Alta km 6,
96017 Noto (SR)
Telefono: 3450566277
Email: [email protected]

In primo piano

Trevigiano, classe ’90, Giorgio Zannerio si è trasferito in Sicilia dove ha ristrutturato una casa fra carrubi secolari e mandorli e ne ha ricavato il suo luogo del cuore, fulcro di un progetto: la produzione di gin con i prodotti del territorio. Ha iniziato ad avvicinarsi al distillato per passione quando viveva a Londra: fu un viaggio in Scozia ad accendere in lui l’idea di poter sviluppare in Sicilia un distillato che poteva essere diverso dagli altri.

Il punto forte

Al naso, questo London Dry Gin presenta note piene di mandorla e carruba, “dolce” con sentori di panna e pasta di mandorle, mentre al palato l’ingresso è forte e speziato, con l’aroma principale di mandorla e ginepro. Agrumi e carruba persistono nel finale. Tutti gli undici ingredienti botanici risultano ben bilanciati tra loro e danno al gin una consistenza gradevole e cremosa. Le tecniche di distillazione artigianali rendono il gin delicato e rotondo senza far percepire le note pungenti dell’alcol.

Contenuto precedente
Contenuto successivo