Seguici su
Strategia 8 ottobre, 2018 @ 9:16

Le regole del successo secondo la modella Maye Musk, madre di Elon Musk

Maye Musk (Nicholas Hunt/Getty Images Fragrance Foundation)

di Moira Forbes per Forbes.com

Quando Maye Musk dichiara: “L’unico limite è il cielo”, è difficile non essere d’accordo con lei. All’età di 70 anni, la rivoluzionaria modella ha messo in subbuglio più di una volta le regole dell’industria della moda e della bellezza, riuscendo a fare carriera in un’arena in cui l’età rappresenta più una responsabilità che un vantaggio. Maye Musk ha seguito un percorso non convenzionale, riconosciuto oggi a livello mondiale, e in cinquant’anni ha lavorato come dietologa, ottenendo due master in scienze, e posato come modella per pagare le bollette in quanto madre single. Oggi, la “it girl” dai capelli color argento sta contribuendo a ridefinire lo stesso concetto di invecchiare con grazia: basti pensare che è stata protagonista delle copertine di alcune delle riviste di moda più importanti di sempre, ha partecipato a note campagne per aziende come Target, Joe Fresh e Virgin America, ha sfilato per case di moda come Dolce & Gabbana ed è anche comparsa nel video musicale “Haunted” di Beyoncé. Lo scorso anno, inoltre, Maye Musk è stata nominata ambasciatrice del gigante dei cosmetici CoverGirl. A 70 anni, è chiaro che per Maye Musk questo è solo l’inizio. “Direi che in questo momento il mio successo è al culmine, ma l’anno prossimo potrebbero esserci altre novità, chi lo sa?”. Di recente ho avuto modo di incontrare Maye Musk per discutere su temi quali la perseveranza, la diversità e l’inclusività nel mondo della moda, e di come ha cresciuto tre bambini tra cui l’imprenditore miliardario Elon Musk.

I primi anni

Maye Musk ha iniziato a fare la modella da adolescente a Pretoria, in Sud Africa, una carriera che ha portato avanti come madre single mentre approfondiva le sue conoscenze in materia di salute e nutrizione. Lei attribuisce ai suoi genitori il senso di avventura, imprenditorialità ed etica del lavoro che l’hanno accompagnata per gran parte della sua carriera. “I miei genitori sono sempre stati dediti al lavoro, puntuali. Erano gentili e premurosi, pensavano sempre agli altri. Facevano sempre cose buone”.

Andare avanti come madre single

Dieci anni dopo il suo divorzio nel 1979, Maye Musk decide di trasferirsi con la famiglia in Canada, dove cresce tre bambini da sola affrontando la difficoltà di mettere sempre il cibo in tavola. Continua a ripetere che queste tensioni hanno contribuito ad alimentare la sua ambizione. “Come sono andata avanti? Dovevo solo sopravvivere”, racconta Maye. “Non devi andare fuori per cena. Non devi andare dall’estetista. Non devi tingere i capelli o incontrare persone per bere un drink. Non puoi permettertelo, e non puoi permetterti il lusso di crollare”. Un’inguaribile ottimista, difficile immaginare che la visione rosea di Musk non abbia giocato un ruolo fondamentale nell’aiutarla a superare le sfide della vita. “Mi sveglio al mattino felice ed emozionata e penso, ‘qualcosa di buono sta per accadere’. E alla fine della giornata, se non è successo nulla degno di nota, riesco comunque a mantenere lo stesso ottimismo per la giornata successiva”.

Sul fatto di aver costruito un brand

Da sempre restia a condividere i suoi successi attraverso i social media, Maye Musk ride mentre racconta il modo in cui le risulta divertente vantarsi dei suoi successi. “Non fa altro che aumentare la mia popolarità”. E non ha torto: Maye, che ha accumulato quasi 225mila follower su Instagram, ha perfezionato l’arte di costruire il suo marchio attraverso le piattaforme social. In che modo? Servendosi del potere esercitato dai social media per dare voce a donne di tutto il mondo diverse tra loro.

Diventare una CoverGirl

Quando Maye ricevette la notizia di essere stata scelta da CoverGirl nel 2017, descrisse quel momento come il “più grande della sua carriera di modella”. “La bellezza è per tutte le età”, annunciò su Twitter all’epoca. “Questo traguardo ha dato un potente segnale in un settore che ha sempre e solo valorizzato l’essere giovane; il mio successo regala speranza non solo alle donne di 60 e 70 anni, ma anche alle ragazze che adesso possono temere meno l’età”. Lavorando con modelle più giovani, Musk si dice orgogliosa che un giorno queste ultime “potranno trarre ispirazione dal suo successo”.

Crescere una famiglia di imprenditori

I fratelli Musk devono ringraziare la madre per aver dimostrato di poter sfidare il destino a dispetto delle convenzioni. Oltre a Elon, il suo “genio”, la figlia di Maye, Tosca, è una nota regista e suo figlio Kimbal guida un movimento per l’alimentazione sostenibile. “Mi hanno visto lavorare sodo e dare il buon esempio”, dice Maye. E se da un lato riconosce che la fama e il successo vanno di pari passo con le critiche, dall’altro è pronta a difendere il figlio maggiore Elon, non di certo estraneo alle polemiche diffuse dai social media. “Direi che il 98% apprezza davvero quello che fa, ma quel due per cento che invece lo critica e lo attacca è sempre là fuori pronto a metterlo in difficoltà; i miei figli devono tenermi a bada quando qualcosa di brutto salta fuori perché sono sempre molto combattiva”.

Il suo migliore consiglio lavorativo

“Scegli una professione che ti piace, che ami fare e che continuerai a coltivare studiando e lavorando duramente. E continua ad andare avanti”, consiglia. “Non puoi essere un genio e rimanere in panchina. Devi fare conoscere il tuo talento”.

Scacciare la paura

Alla domanda su cosa vorrebbe consigliare a una sua “versione più giovane”, Maye riflette sul coraggio che serve per tirarsi fuori da un momento difficile. Ammette di essere rimasta per troppo tempo intrappolata in una situazione infelice per paura di perdere il denaro, gli amici o semplicemente per la paura di ricominciare tutto da capo. “Devi ripeterti che andrà meglio rispetto a prima”, dice Musk. “Devi avere coraggio. Non avere aspettative. Accetta le conseguenze e sii responsabile. Nonostante tutto, puoi sopravvivere”.