Seguici su
Strategia 3 gennaio, 2019 @ 9:06

Quando i leader sono bugiardi: 4 motivi per cui le persone mentono

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
L’ex consigliere per la sicurezza nazionale di Donald Trump, Michael Flynn è indagato nell’ambito Russiagate per aver mentito a esponenti dell’amministrazione, tra cui il vicepresidente Mike Pence, sui suoi contatti con Sergey Kislyak, all’epoca ambasciatore russo negli Stati Uniti. (Photo by Mark Makela/Getty Images)

Di Chris Westfall per Forbes.com

Chi è sulla tua lista di bugiardi quest’anno? Il presunto imbroglione Carlos Ghosn? Michael Flynn? Elizabeth Holmes? Che ne dici del tuo migliore amico in palestra?

Mettiamo le carte in tavola: tutti mentono. Forse avrebbe dovuto dirti che sembri davvero grasso in quei pantaloni da yoga. Ma oltre alle bugie bianche, le bugie della follia e dell’oblio, troviamo un altro tipo di menzogna. Una menzogna intenzionale che annulla ogni credibilità e leadership. Forse non ne devi rispondere davanti all’FBI o alla SEC. Ma che ne dici del tuo team, della tua azienda e della tua coscienza?

La consulente Virginia “Ginny” Altman lavorava con un cliente della Fortune 500. Il piano di risanamento è stato facilmente spiegato dai dirigenti e stava per salvare posti di lavoro. Solo che non era vero. Il reale obiettivo del progetto era la vendita della divisione – creando così perdite di posti di lavoro per il 90% dei dipendenti. I leader le hanno mentito, perché sapevano che altrimenti non avrebbe accettato il lavoro. “Ho ingaggiato persone promettendo che stavamo facendo tutto questo lavoro per tenerli a bordo”, ha spiegato Virginia. “È stato devastante quando ho saputo che la maggior parte degli impiegati ha perso il lavoro”.

Come nuovo leader, prima o poi, dovrai affrontare un simile dilemma etico. Una situazione di innocenza persa, fatti negati e profitti ottenuti. È un posto dove le bugie sembrano l’unica opzione praticabile. Hai presente? Forse sì.

Ci sono quattro ragioni per cui le persone mentono: quattro fondamentali equivoci che portano all’inganno. Ci sono quattro bugie che ci raccontiamo prima di condividere falsità con gli altri. Vedrai queste interpretazioni nella sala del consiglio e anche nelle tue relazioni – perché queste verità universali non sono riservate ai politici o agli arrampicatori sociali. Riguarda tutti.

  1. Nessuno lo scoprirà mai – la prima menzogna di base. Ciò che vediamo ogni giorno nelle notizie è il suono dell’indignazione quando le bugie vengono scoperte. A partire da te e dalla tua coscienza: la scoperta è pericolosa per la tua ultima iniziativa? Quando il tuo lavoro diventa una sorta di nascondino, nessuno vince davvero.
  2. Nessuno si farà male – È saggio ricordare il giuramento di Ippocrate (il giuramento che fanno tutti i medici): “Non fare del male”. Come l’albero che cade nella foresta, la menzogna nascosta fa rumore – perché il bugiardo la sente sempre. Il motivo dietro la menzogna è spesso esigenza di “protezione”: proteggere gli altri o proteggere te stesso. Flynn stava cercando di proteggere il presidente. Lance Armstrong voleva solo proteggere la sua reputazione. Chi stai proteggendo? A chi farai del male?
  3. Giocare per vincere: il fine giustifica i mezzi – Gli organi di vigilanza non vedono tutto e gli auditor non sono presenti in ogni riunione. Ora che sei in una posizione di autorità, chi ti sta controllando? Risposta: tu stesso. Jerome Wade, uno dei maggiori esperti sui ruoli esecutivi e autore di Unleashed, afferma che: “I dati non mentono mai. A meno che non mentiate sui dati”. Giocare per vincere significa davvero giocare secondo le regole, perché vincere a tutti i costi è un prezzo che non ci si può permettere di pagare.
  4. “Non puoi reggere la verità!”. Come diceva Jack Nicholson in Codice d’onore: “Voi mi volete su quel muro”. È il muro, o il tuo ego, che ti sta facendo diventare un bugiardo? Spesso si dice una bugia nel momento in cui stai sottovalutando le persone intorno a te. O le tue capacità comunicative. Come nuovo leader, se vuoi catturare i cuori e le menti del tuo team, non sottovalutare ciò che possono e non possono reggere – perché è un muro che nessuno vuole costruire. È il tuo lavoro comunicare in modo efficace. La vulnerabilità è la tua forza, quando si offre una prospettiva onesta basata sulla fiducia reciproca. Non peggiorare le cose non affrontando i fatti. Dopotutto, non è proprio questo tipo di onestà che ti aspetti dal tuo team?

Quattro malintesi sono la ragione per cui le persone mentono. A volte le persone dimenticano, a volte le persone omettono, ma quando mentire è una strategia deliberata le conseguenze possono essere catastrofiche. Al di là delle bugie bianche c’è un’area di malinteso dannosa. Quale area stai seguendo? Stai sottovalutando i tuoi dipendenti e quello che possono gestire? Se è così, perché?

I medici che giurano di “non fare male” a volte devono tagliare un arto per salvare la vita di un paziente. Allo stesso modo, i leader devono prendere decisioni difficili per servire un bene più grande. La trasparenza non significa che tieni la porta aperta ad ogni riunione. La riservatezza non è l’opposto della trasparenza, è parte di esso. Le scelte ardue iniziano con l’impegno per la verità, in un contesto di rispetto reciproco. Se sei interessato a migliorare il benessere del tuo team, ecco un titolo da Main Street, non da Wall Street: la leadership è servire. Considera attentamente il team che servi e queste parole in latino: Veritas liberatit vos. La verità ti renderà libero.