Seguici su
BFC - 100% Business News
Life 23 maggio, 2019 @ 11:20

Le auto classiche in asta al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este 2019

di Emiliano Ragoni

Auto e tecnologia.Leggi di più dell'autore
Etrusco di nascita e di origine. Biologo e collezionista di lauree. Esperto in materia di igiene e sicurezza alimentare e in Sistemi di gestione della qualità. Fin dal 2004 si occupa di redazione di articoli in campo videoludico e hi-tech scrivendo per diverse testate del settore. Negli ultimi sei anni ha scritto di auto e tecnologia per l’edizione italiana dell’International Business Times. Attualmente collabora con DDay e Business Insider Italia. chiudi
auto ruote verde
Auto all’annuale Concorso d’Eleganza Villa d’Este

Dal 24 al 26 maggio 2019 si terrà un appuntamento immancabile per tutti gli amanti delle auto classiche: il Concorso d’Eleganza di Villa d’Este. La splendida cornice costituita da Villa d’Este e Villa Erba, magioni dal fascino senza tempo che si affacciano sul lago di Como, rendono unico questo concorso nato nel 1929. Così come avvenuto per l’edizione dello scorso anno, anche stavolta la redazione di Forbes.it seguirà questa importantissima rassegna che, dopo Pebble Beach, può essere considerato l’evento più glamour e importante per le auto classiche.

Il motto dell’edizione 2019, sempre organizzata da BMW Group Classic e il Grand Hotel Villa d’Este, è “La Sinfonia dei Motori: 90 anni del Concorso d’Eleganza Villa d’Este e di BMW Automobiles”. Il 1929, infatti, vide la prima edizione di questo concorso e il lancio della prima automobile di serie BMW, la 3/15 PS.

Oltre alla consueta manifestazione, che avrà come protagoniste le auto e le moto che hanno contribuito a scrivere la storia di questo fantastico settore complici di aver fatto conoscere l’Italia nel mondo, al Concorso saranno battute all’asta alcune interessanti vetture. Così come avvenuto per le ultime cinque volte, RM Sotheby’s è la casa d’aste ufficiale del Concorso d’Eleganza e porterà a Cernobbio un lotto di oltre 50 auto, decisamente iconiche ed interessanti.

L’asta, che si terrà a Villa Erba il 25 maggio alle ore 18, potrà contare sulle grandi classiche realizzate a mano dai carrozzieri e sulle vetture sport degli anni ’50. La presenza di auto del calibro della Porsche 550A Spyder e della Ferrari 500 Mondial Spider, consente di rappresentare al meglio la storia della Carrozzeria Zagato, che festeggia quest’anno il suo 100° anniversario.

Abbiamo scelto cinque auto della collezione di RM Sotherby’s, che sono solo un piccolissimo antipasto del pranzo nuziale che ci attende il 25 maggio.

Alfa Romeo Mole Costruzione 001 (150-200mila euro)

Tra le vetture che saranno presenti a Villa Erba, ci ha colpito l’Alfa Romeo Mole Costruzione 001. Si tratta di un esemplare unico, con carrozzeria personalizzata, dell’Alfa Romeo 4C, vettura recentemente uscita di produzione, costruita su un telaio a vasca in fibra di carbonio e spinta da un motore 4 cilindri turbo di 1.750-cc. La 4C della Up Design di Umberto Palermo, realizzata con la collaborazione di Adler Group, presenta una carrozzeria completamente differente rispetto alla 4C originale e degli interni in pelle completamente realizzati a mano. Il prezzo di partenza della 4C Mole costruzione oscilla tra 150 e 200mila euro e appartiene al lotto 114.

Fiat-Abarth 750 GT ‘double bubble’ del 1959  (100-120 mila)

La Fiat-Abarth 750 GT ‘double bubble’ del 1959 è equipaggiato con il raro e ricercato motore Mille Miglia, montato direttamente in fabbrica, con albero motore alleggerito. Con una storia conosciuta sin dal 1977 e stando alla documentazione a corredo, si ritiene che questa Abarth abbia corso all’epoca negli Stati Uniti. Secondo il documento di immatricolazione americano, il primo proprietario conosciuto è il signor Huges Vincent di New York, che in seguito ha venduto la 750 ad Alan Grossman di Willits, in California, che, tenne l’auto fino al 2014, quando l’ha ceduta ad un collezionista olandese. Acquistata dal conferente nel 2015, il famoso esperto italiano di Abarth Luciano Bertolero, la vettura è stata sottoposta ad un restauro completo e pertanto si presenta in condizioni assolutamente impeccabili.

Aston Martin Vanquish Zagato Shooting Brake (650mila – 850 mila)

Non è una classica ma sicuramente la Aston Martin Vanquish Zagato Shooting Brake rappresenta un tassello molto importante del famoso carrozziere. Si tratta di una delle Aston Martin più preziose vista per la prima volta al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este nel 2016. L’esemplare proposto dalla casa d’aste è il 12° Shooting Brake prodotto dei soli 99 esemplari costruiti e presenta una finitura in Lava Red con pinze freno e scarichi in nero, tetto in carbonio e interno nero ossidiana con pacchetto gioielleria Shadow Bronze. Realizzata sulla piattaforma Vanquish, questa coupé a due porte coniuga gli spunti di design Zagato con lo stile Aston Martin. La carrozzeria dello Shooting Brake è stata realizzata completamente in fibra di carbonio, utilizzando pannelli più grandi e, di conseguenza, con meno linee di divisione del solito, che contribuiscono a creare un aspetto veramente artigianale e un design continuo. Sotto la carrozzeria, il V12 da 6.0 litri di Aston Martin sviluppa 580 CV e 630 nm di coppia.

Lancia Flaminia Super Sport 3c 2.8 del 1966 (230-280 mila)

Con la Lancia Flaminia torniamo in Italia. La vettura presente a Villa Erba, con numero di telaio 002028, è parte dell’ultimo lotto di Super Sport costruite. Sotto la precedente proprietà di Armin Häring, l’auto è stata oggetto di un restauro completo, eseguito da Francesco Varese, durato dal 2009 al 2010, che ha riportato la vettura in una condizione di assoluta eccellenza. È entrata in produzione nel 1957 utilizzando una versione aggiornata del motore V-6 dell’Aurelia e il sistema transaxle posteriore, oltre ad una nuova sospensione anteriore che andava a sostituire i tradizionali elementi a colonna di casa Lancia. Oltre alla Berlina, costruita in fabbrica, la Flaminia era disponibile in versione coupé, con carrozzeria Pinin Farina, GT e GT Convertibile realizzata dalla Carrozzeria Touring e Sport Zagato, con il tetto a doppia gobba. Equipaggiata, sul motore da 2,8 litri, con tre carburatori Weber 40DCN, la Super Sport è la più veloce di tutte le varianti Flaminia. Di Super Sport, in totale, ne sono state costruiti 150 esemplari, includendo le 59 auto nate con la precedente specifica Sport ed aggiornate.

Ferrari 348 Tb Zagato Elaborazione (180mila – €220mila)

La Ferrari 348 Tb Zagato Elaborazione è un omaggio agli anni ’90 e al carrozziere Zagato. L’esemplare è dotato di alcune peculiarità come il fatto di aver avuto un solo proprietario da nuova, con soli 19.500 km percorsi, oltre ad essere ancora dotata dei manuali e del kit attrezzi originali. Si tratta di una delle sole dieci 348 TB elaborate da Zagato, nonché del prototipo esposto al Salone Internazionale di Ginevra del 1991, alla Ferrari Gallery di Maranello ed al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este del 2004.

Fiat 8v Coupé del 1955 (1.600.000 – €1.800.000)

Merita una menzione a parte la presenza di una delle 25 Fiat 8v coupé costruite. È un vero capolavoro di Zagato e Fiat; una delle auto italiane più ammirate degli anni ’50. L’esemplare all’asta è stato sottoposto a un recente restauro totale, che ha ripristinato la vernice nella sua tinta originale Verde Smeraldo. È ancora equipaggiata del suo motore originale. Idonea per numerosi eventi, tra cui la Mille Miglia e il Concorso d’Eleganza Villa d’Este. La vettura è stata celebrata per il motore V-8 da due litri disegnato dell’ingegnere Dante Giacosa e per la ricercata linea della carrozzeria di serie realizzata da Fabio Luigi Rapi. La 8v è stata presentata al Salone di Ginevra, nel marzo del 1952.