Seguici su
Business 27 agosto, 2019 @ 1:30

Dentro l’azienda di automodellismo più grande del mondo

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Un processo di lavorazione del modellino in scala nella laboratorio di Bristol. (Courtesy amalgamcollection.com)

Questa storia è apparsa sul numero del 30 aprile 2019 di Forbes Magazine.
Di Chuck Tannert

Sandy Copeman e il suo team di maestri artigiani a Bristol, in Inghilterra, costruiscono automobili che ogni appassionato ama: Alfa Romeo 8C 2900 Mille Miglia del 1938, Bugatti Type 57SC Atlantic 1938, Ferrari 250 GTO 3589GT del 1962, Jaguar E-Type Series 1-3.8 Coupé del 1961 e Porsche 356A Speedster del 1957, per citare alcuni modelli. Ogni auto è un capolavoro fatto a mano in maniera impeccabile in ogni dettaglio, dipinto magnificamente e costa una frazione di ciò che questi veicoli vintage costerebbero all’asta o tramite un rivenditore.

In più, sono un ottavo della loro dimensione. Questo perché la compagnia di Copeman, la Amalgam Collection, è specializzata nella costruzione in scala di modellini di auto d’epoca e moderne. In effetti, senza un indizio visivo per rivelare la dimensione relativa, spesso è difficile capire se i capolavori in miniatura di Amalgam siano reali. “Questo è l’obiettivo”, dice il fondatore di 65 anni. “Se scatti una fotografia ad alta risoluzione e la fai vedere a qualcuno, e non hanno idea se guardano un modello o la vera macchina, allora vuol dire che abbiamo fatto bene il nostro lavoro”.

Modello in scala 1:8 della McLaren Senna. Costo: €12,610.00. (Courtesy amalgamcollection.com)

Alcuni dei modelli di Amalgam si esibiscono proprio come quelli a grandezza naturale. Ad esempio, il nuovo modello in scala 1:8 della McLaren Senna, che costa poco più di $ 13.000, è dotata di fari, luci posteriori d’emergenza che si accendono tramite telecomando. Le porte sono motorizzate e possono muoversi su e giù a comando.

L’interesse di Copeman per le costruzioni si sviluppò quando era solo adolescente. Ha costruito un telescopio riflettente quando aveva solo 14 anni, oltre a un paio di chitarre elettriche. Una delle sue più grandi passioni è stata la modifica e la corsa dei motorini. “Un tempo sfilavo tutti i pezzi d’acciaio e li trasformavo in macchine snelle, per poi correre nel giardino dei miei genitori a Londra”, ricorda ridendo.

Dopo essere uscito da scuola a 17 anni, Copeman è diventato un nomade: “Ero un giovane hippie e viaggiavo lungo l’Europa e il Nord Africa. Questo è quello che chiunque con un senso di avventura poteva fare in quel momento”. Alla fine si stabilì in una colonia di artisti nel Somerset, in Inghilterra, chiamata Nettlecombe Studios, fondata dal pittore e incisore britannico John Wolseley. A Nettlecombe, Copeman ha trovato la sua vocazione come modellista dopo essere stato invitato a creare edifici e villaggi in scala per uno studio di architettura.

Si trasferì a Bristol alla fine degli anni ’70, e nel giro di un decennio lui e tre dei suoi colleghi avevano creato Amalgam Modelmakers. “Dopo sei anni (lavorando per una piccola azienda produttrice di modelli), le nostre competenze e la nostra fiducia erano cresciute fino al punto in cui abbiamo deciso di avviare una nostra partnership realizzando modelli architettonici per artisti come Norman Foster e altri marchi emergenti, oltre che industriali designer come James Dyson”, afferma Copeman.

Un “model maker” alle prese con un modellino di auto nel laboratorio di Bristol. (Courtesy Amalgam Collection, pagina Facebook)

Amalgam ha iniziato a progettare modelli di auto per i team di Formula 1 nel 1995, dopo l’avvicinamento al Jordan Grand Prix, un nascente costruttore di F1. “Era la cristallizzazione di una passione per il motorsport che io e diversi membri del nostro team avevamo, specialmente per la Formula 1”, afferma Copeman. Da bambino era un fan di Jim Clark, uno dei più grandi piloti di Formula 1 di tutti i tempi, ed era un entusiasta pilota di slot car (le corse sulle piste elettriche, ndt) all’età di 15 anni. “La mia passione per la Formula 1 degli anni ’60 e il design automobilistico in generale – era solo in attesa di trovare uno sbocco “, dice. “Abbiamo avuto l’opportunità di realizzare un primo modello su licenza (la Jordan 196), poi abbiamo ottenuto un accordo con la Williams Formula 1 nel 1996 e infine con la Ferrari nel 1998”.

Nel 2004, Amalgam si divise in due entità: Amalgam Modelmakers e Amalgam Fine Model Cars; un team realizzava modelli architettonici unici e l’altro produceva decine di auto in miniatura. “Avevo l’ambizione di costruire un marchio che producesse i migliori modelli al mondo”, afferma Copeman. “Ciò implicava un certo grado di rischio e una missione non condivisa con i miei partner”. Le due società rimangono comunque profondamente legate. “Abbiamo lavorato fuori dallo stesso edificio per diversi anni e siamo ancora buoni amici oggi”, insiste. Ma Copeman non ha interessi finanziari nella compagnia originale. “Condividiamo la proprietà del nostro laboratorio originale”, aggiunge.

Dal 2006 al 2007, l’allora presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, ha commissionato ad Amalgam la realizzazione di miniature delle attuali e classiche Ferrari da strada. “Abbiamo iniziato con la 250TR, a differenza della GTO”, afferma Copeman. “Una macchina Scaglietti”. Ci è voluto del tempo, ma Lamborghini, McLaren e anche altre case automobilistiche alla fine volevano i modelli dei loro veicoli. Ecco quando gli affari sono decollati davvero.

Oggi l’azienda, che Copeman ha ribattezzato Amalgam Collection nel 2016, ha un fatturato di circa $ 10 milioni all’anno, costruisce più di 500 modelli al mese che vanno dai $ 685 ai $ 150.000, a seconda delle dimensioni e della quantità di dettagli. Impiega più di 200 persone e ha due stabilimenti di produzione al di fuori di Bristol, a Chang An, in Cina, e a Pécs, in Ungheria.

“Gestiamo la progettazione e la lavorazione dei modelli a Bristol”, afferma Copeman, “ma la maggior parte dei modelli è fabbricata in Cina e in Ungheria. Stiamo anche diventando sempre più unici e realizzando progetti speciali a Bristol”.

AUDI R8 (2005) 1ST LE MANS, scala 1:8. Costo: €6.435. (Courtesy malgamcollection.com)
LAMBORGHINI CENTENARIO
1:8 SCALE. Costo: €7.810. (Courtesy Amalgam Collection)

Quindi, come si progetta un modello dal concetto alla forma finita? Nel caso di auto più recenti, il team di Amalgam lavora con disegni CAD originali, ottenuti dai produttori, per produrre disegni minuziosamente accurati di ogni parte dell’auto. “(Usando CAD), tutte le parti si incastrano e si uniscono in un buon, solido e ben progettato modello”, afferma Copeman.

I disegni per i modelli di auto classiche sono formulati dalle scansioni digitali dell’auto e della misurazione a mano. “Lavoriamo anche con 600-800 fotografie”, dice Copeman. “Le usiamo per assicurarci che le dimensioni siano corrette”.

Una volta impostato il design, viene ridimensionato meticolosamente per dare vita ai dettagli in miniatura. Gli stampi vengono creati per le singole parti e il metallo, la fibra di carbonio o la gomma vengono utilizzati per creare ogni pezzo del puzzle, mentre alcuni sono prodotti da stampanti 3D.

Dopo che i pezzi sono stati colati, vengono lavati, puliti e levigati. Quindi, ogni gruppo di parti passa attraverso un processo di montaggio e assemblagio per assicurare che si uniscano perfettamente. In seguito, i modelli sono verniciati a spruzzo e lucidati. Vengono poi applicate le decalcomanie e le finiture stampate, quindi vengono assemblati componenti come motori, ruote e sospensioni, seguiti dall’assemblaggio finale. “Circa il 90% delle abilità che usiamo sono molto tradizionali”, dice Copeman in merito al processo, la maggior parte delle quali viene fatto a mano e che paragona all’arte dell’orologeria. “Il dieci per cento sono moderni”.

La produzione degli stampi di progettazione richiede tra le 2.500 ore alle 4.500 ore per i classici più complessi e ci vogliono dalle 250 alle 450 ore per realizzare ciascun modello. “Ad esempio,” dice Copeman, “il modello LaFerrari impiega circa 3.500 ore per lo sviluppo e altre 350 per la costruzione”.

FERRARI SF71-H & LIMITED EDITION ART PRINT – VETTEL. Costo: €5.859 (Courtesy Amalgam Collection)

La clientela d’élite di Amalgam è composta ancora da team, piloti e dirigenti di Formula 1, ma include anche famosi collezionisti. Sylvester Stallone ha acquistato un’auto Ferrari F1 in scala 1: 8 in edizione limitata di inizio anni 2000 di Michael Schumacher. Ralph Lauren ha commissionato 17 modelli di auto della sua collezione mentre erano esposti al Musée des Arts Décoratifs di Parigi, tra cui una Jaguar D-Type, come il modello la cui pinna di squalo ha tracciato un percorso trionfale a Le Mans nel 1955, 1956 e 1957. L’orologiaio svizzero Richard Mille ha commissionato diversi modelli di automobili in scala 1: 5 che racchiudono alcune delle auto da corsa d’epoca più rare e significative, tra cui la prima vettura di Formula 1 di Bruce McLaren (M2B del 1966) e la Ferrari 312B, che vinse il Gran Premio d’Italia del 1970 e fu guidato da Mario Andretti.

Sorprendentemente, Copeman non colleziona auto. Per lui è tutta una questione di esperienza personale di guida o di corsa. “Ho posseduto alcuni veicoli minori ma interessanti, come una Magnette MG degli anni ’50, e ho fatto alcune corse memorabili, come la corsa di 160 miglia su l’autostrada M1 in una Tiger Sunbeam contro una Jaguar E-Type ,” lui dice. “Ma ho posseduto molte più moto che automobili.” La sua guida quotidiana è una Mercedes CLS Shooting Brake: “ha una guida divertente se la spingi un po’”.

Inoltre, può costruire qualsiasi auto che desidera, semplicemente sognando in piccolo.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!