CMO Next 2019: c’è anche un italiano tra i 50 leader del marketing

Group of experts. Silhouette of five business persons.
Share
(Getty Images)

I direttori del marketing sono in prima linea nel cambiamento all’interno delle loro società, guidando gli investimenti nella tecnologia, l’innovazione, l’esperienza del cliente, lo sviluppo di nuovi prodotti e la definizione di obiettivi, valori, posizione e cultura.

Man mano che la pratica del marketing continua a trasformarsi, anche il ruolo del chief marketing officer cambia. Da nessuna parte l’evoluzione del ruolo è così evidente come da uno sguardo ravvicinato alle persone che stanno assumendo quel titolo – e le loro variazioni – nelle aziende grandi e piccole o in fase di avvio.

Forbes ha lanciato il suo secondo elenco annuale dei cmo, una lista di 50 direttori marketing che stanno ridefinendo il ruolo di questa figura e che incarnano tutto ciò che questa professione sta diventando e diventerà in futuro. Attraverso la ricerca qualitativa, attingendo all’esperienza degli osservatori del settore e alla conoscenza del settore editoriale di Forbes, l’elenco comprende 50 persone che hanno raggiunto la posizione di marketing di più alto livello all’interno di una data azienda – titolo cmo o equivalente – e che guidano il marchio e il business. Non si tratta quindi di una classifica, ma una lista il cui obiettivo è quello di mettere in evidenza annualmente i cmo che fungono da modelli per un nuovo marketer emergente e dirompente.

Tra di loro anche un italiano Roberto Lobetti Bodoni, cmo di Moleskine, che sta innovando un settore tradizionale come quello della carta e della penna. Dal marketing del sistema di scrittura intelligente analog-digital alla creazione di comunità guidate dagli utenti, dai caffè esperienziali a una varietà di partnership cross-promozionali: fattori che hanno contribuito a trasformare Moleskine in un marchio lifestyle incentrato su produttività e creatività. Prima di lavorare come cmo per Moleskine Roberto ha avuto un passato lavorativo in brand legato al beauty come L’Oréal e Beiersdorf, oltre ad alcune aziende del settore dei media come Sky Italia.

Ecco l’elenco dei 50 direttori marketing della classifica Forbes