Seguici su
Tecnologia 17 Ottobre, 2019 @ 8:31

Le aziende marchigiane già sulla Via della Seta

di Federico Morgantini

Staff

ContributorLeggi di più dell'autore
chiudi
Welcome to Marche. Alibaba Group
Una foto dell’evento svoltosi al Seebay Hotel di Portonovo

Quando si parla delle Marche, viene naturale pensare a una terra laboriosa con belle aziende, ma in fondo in fondo non si pensa a digitalizzazione, internazionalizzazione, branding e in generale a modernità. Si pensa che queste siano appannaggio del nord: della Lombardia, del Veneto, dubitiamo già del Piemonte.

Niente di più sbagliato, le Marche sono lì!
In una “geografia imprenditoriale” dovrebbero incastonarsi da qualche parte lì nel mitico Nord Est.
L’ho capito qualche giorno fa, quando, come esperto d’Asia di Forbes Italia, sono stato invitato ad Ancona per chiudere un convegno sull’e-commerce in Cina.

L’evento, “Welcome to Marche, Alibaba Group“, svoltosi al Seebay Hotel di Portonovo, una località turistica pochi chilometro a sud di Ancona, era articolato su due momenti. Una cena a inviti per dare modo alle imprese più grandi di dialogare direttamente con i relatori, alla quale ha partecipato il gotha dell’imprenditoria e della business community marchigiana, da Massimiliano Guzzini (dell’omonima azienda) a Marco Moreschi (direttore generale del Banco Marchigiano). E il convegno vero e proprio che si è tenuto la mattina seguente. È qui dove ho capito che non è solo questione di eccellenze, come quella di Danilo Falappa, vivace e instancabile imprenditore che sulla Via della Seta c’è da inizio anni duemila con la sua Innoliving, azienda che produce e commercializza piccoli elettrodomestici. A muoversi è un’intera regione di imprenditori che vuole emergere. In sala c’erano trecento persone e, dai racconti degli organizzatori, almeno altre cento, gli ultimi a iscriversi, avevano dovuto rinunciare perché non era possibile accoglierli.

A intrattenerli per una mattina intera è stata Alibaba, il gigante cinese dell’e-commerce, con tutto il suo staff italiano capeggiato da Rodrigo Cipriani Foresio. Alla presenza del presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, i vari manager italiani del gruppo di Hangzhou (che oggi ha un numero di clienti superiore a quello di Amazon), hanno illustrato le varie piattaforme e-commerce per vendere in Cina e ormai anche in tutto il mondo, e raccontato di Alipay, una sorta di Paypal, che ha già conquistato tutta l’Asia e sta diventando un player internazionale (ci si può acquistare anche il biglietto di Italo, solo per fare un esempio).

Alla chiusura dell’evento, ho raccontato dei miei 15 anni di vita in Cina e delle meraviglie che l’e-commerce ha prodotto e produce in questo paese. Ero chiamato a corroborare la voglia di Cina delle aziende marchigiane. Ma quasi mi sono sentito inutile perché i numeri dell’incontro e l’intensità con cui questi imprenditori hanno seguito l’evento mi aveva già dimostrato quanto la Cina sia un mercato a cui gli imprenditori marchigiani guardano con attenzione (se già non completamente coinvolti), tanto da essere forse incamminati sulla Via della Seta più di ogni altro in Italia.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!