Seguici su
Classifiche 22 Ottobre, 2019 @ 10:00

In quali università hanno studiato i più ricchi d’America

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
(Getty Images)

I college e le università sono apprezzati in base a una serie di fattori: la soddisfazione degli studenti, la quantità di ricerca prodotta, le facoltà e gli ex studenti che danno prestigio. A questi Forbes aggiunge il piccolo club di coloro che si laureati e che oggi sono membri della Forbes 400, cioè i 400 più ricchi d’America. La lista non tiene in considerazione nomi come Bill Gates o Mark Zuckerberg che hanno abbandonato entrambi Harvard non finendo mai il percorso universitario.

Quindi, quali scuole producono il maggior numero di membri della Forbes 400? Complessivamente, il 24% dei laureati è andato alle scuole della Ivy League, ma la percentuale scende al 14% se si considera solo quelli che poi hanno creato la loro fortuna (e non l’hanno ereditata). Eppure, si potrebbe dire che lo studio conta fino a un certo punto visto che più di un quinto della Forbes 400 non si è mai laureato.

(Forbes.com)

In prima posizione c’è Wharton, la University of Pennsylvania, da dove è uscito, tra gli altri, il co-fondatore di Tesla e SpaceX, Elon Musk, la moglie di Steve Jobs, Lauren Powell e il presidente Trump; in seconda posizione la Stanford University dove si sono laureati due co-fondatori di Snapchat, Evan Spiegel e Bobby Murphy, oltre al co-fondatore di WhatsApp, Brian Acton, e il co-fondatore di Yahoo, Jerry Yang. Chiude il podio la Yale University. Segue la Harvard University che conta laureati prestigiosi come Steve Ballmer; la University of Southern California (il regista George Lucas, il fondatore di Salesforce, Marc Benioff; il Dartmouth College; la Columbia University (dove ha studiato il nuovo patron della Fiorentina, Rocco Commisso); la Princeton University (Jeff Bezos, ora l’uomo più ricco al mondo); la Cornell University (H. Fisk Johnson, fondatore della Johnson & Johnson). Chiudono la classifica la Duke University e la New York University.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!