Affitti brevi e immobili: in due settimane è cambiato tutto. Dove va ora la domanda

(Getty Images)
Share
(Getty Images)

Anche il settore immobiliare deve fare i conti con il coronavirus. Secondo il Market Report Milano Roma relativo al secondo semestre 2019 pubblicato da Engel & Völkers, i mercati immobiliari di pregio di Milano e Roma si confermano tra i più attrattivi d’Italia, ma oggi risultano condizionati dall’emergenza sanitaria che sta mettendo in ginocchio il nostro paese.

“Se da un lato, fino a poche settimane fa, abbiamo assistito a una costante crescita dei prezzi di vendita degli immobili a Milano, sostenuta da un’offerta di prodotto insufficiente a soddisfare la domanda”, spiega Roberto Magaglio, licence partner Engel & Völkers Milano, “oggi, a causa del coronavirus, prevediamo un impatto negativo sui prezzi e stiamo già assistendo a un calo della domanda dovuto agli effetti delle misure preventive anti-diffusione del Covid-19. Tuttavia, il segmento di mercato della prima casa, centrale nel settore immobiliare milanese, non si è fermato e beneficerà ancora per molto tempo di tassi di interesse bassi. Di contro, il mercato dei piccoli investitori alla ricerca di tagli più grandi, fino a 100mq, resta alla finestra in attesa di capire come evolverà la situazione”.

Secondo le stime di Engel & Völkers, a Milano il settore più esposto negativamente al Covid-19 è quello delle locazioni a breve termine, con clienti in diminuzione su questo fronte e proprietari che stanno deviando su affitti a lungo termine e un calo significativo della domanda che caratterizzerà il settore almeno per i prossimi tre mesi. La carenza di clienti per le locazioni brevi impatta anche su chi investe in strutture di piccola e media metratura. Questo, nell’immediato, sta riequilibrando il rapporto tra domanda e offerta per quel che riguarda gli immobili più piccoli, prima fortemente sbilanciato a favore della domanda.

Stesso discorso per il mercato immobiliare di Roma. La buona performance della Capitale sta risentendo degli effetti del Coronavirus sull’economia nazionale. Sempre secondo Engel & Völkers a Roma si vive in uno stato di attesa rispetto all’evoluzione dell’emergenza, che sta portando la clientela a fare un passo indietro sulla compravendita di alcune tipologie di immobili in attesa che la situazione migliori.

“Abbiamo riscontrato un interesse stabile da parte di famiglie o giovani coppie interessate all’acquisto della prima casa, in particolare di sostituzione, soprattutto nelle aree semi centrali, mentre sono calati gli investimenti su appartamenti di piccole dimensioni”, ha affermato Helio Cordeiro Teixeira, managing director market center Roma Engel & Völkers. “Questo perché il segmento degli affitti brevi sta particolarmente risentendo degli effetti del Covid-19 e i proprietari si stanno spostando sulle locazioni a lungo termine o sulla vendita del proprio immobile”.

Share