Seguici su
Leader 2 Aprile, 2020 @ 5:08

Anche il patrimonio di Trump crolla con il Coronavirus: vale un miliardo in meno di un mese fa

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

di Dan Alexander per Forbes.com

Al fine di approssimare quanto il coronavirus abbia impattato sulla fortuna personale del Presidente, abbiamo esaminato le variazioni del prezzo delle azioni di società simili a quelle che operano in ciascun segmento della sua attività. L’immobiliare commerciale è chiaramente in calo, con le azioni di diverse società, tra cui Boston Properties e Vornado Realty Trust, che sono precipitate in media del 37% dal 1 ° marzo 2020 al 18 marzo 2020, data in cui abbiamo calcolato le fortune per l’elenco dei miliardari. Diminuzioni analoghe hanno trascinato verso il basso il valore delle società di ospitality, dell’immobiliare residenziale e delle imprese che gestiscono resort con campi da golf. Usando tali ribassi come guida, abbiamo applicato sconti ai numeri pre-coronavirus di Trump, ed esaminato le variazioni con esperti del settore.

La linea di fondo: una valutazione del patrimonio netto di $ 2,1 miliardi, un calo di $ 1 miliardo in meno di un mese. Ciò cambierà sicuramente di nuovo, poiché ogni indice si comporta come un elettrocardiogramma.

Immobili commerciali

Il nucleo dell’impero di Trump, che il Presidente possiede ancora, rimane legato alle proprietà immobiliari commerciali. Prima che il coronavirus distruggesse tutto, quelle proprietà valevano circa 1,9 miliardi di dollari dopo aver dedotto il debito. Entro il 18 marzo 2020, ciò era sceso a circa $ 1,2 miliardi. Parte del problema è che Trump possiede 125.000 piedi quadrati di immobili vicino alla Fifth Avenue a Manhattan, in genere una via molto vivace. Oggi è una città fantasma virtuale. Oggigiorno lo spazio per gli uffici non sembra un investimento sicuro, specialmente se l’esperimento di smartworking da casa in America si dovesse rivelare efficace.

Immobili residenziali

Oltre alle partecipazioni commerciali, il presidente possiede oltre 500 unità abitative in tutto il paese. Il lockdown è avvenuto così rapidamente che non ci sono ancora molti dati sulle vendite di case, il che rende difficile determinare quanto valga. “È improbabile che gli acquirenti facciano il più grande investimento finanziario della loro vita attraverso un tour virtuale”, afferma Jonathan Miller, un esperto di immobili residenziali di New York. I mercati pubblici, tuttavia, indicano valori in calo. I prezzi delle azioni di cinque società proprietarie di appartamenti sono diminuiti di oltre un terzo, in media, dal 1 ° marzo 2020 al 18 marzo 2020.

Gestione degli hotel

La situazione è ancora più grave per le aziende di ospitality di Trump. La Trump Organization aveva cercato di vendere il suo hotel a Washington DC, ma quei piani sono ora in sospeso. Le aziende del Presidente hanno perso più di 550 impiegati, secondo il Washington Post .

Durante una conferenza stampa della Casa Bianca a marzo, il presidente Trump ha risposto a una domanda sull’effetto del coronavirus sulla sua attività: “Sono molto sottovalutato e tutto, quindi va bene.” Tuttavia, non necessariamente presso l’hotel di Washington o il resort da golf di Miami del presidente. Deutsche Bank ha consegnato a Trump $ 170 milioni per rimodellare il Trump International Hotel e altri $ 125 milioni per il Trump National Doral a Miami, che ha prodotto $ 9,7 milioni di utili nel 2018 (misurati come utili prima di interessi, tasse, ammortamenti).

Campi da golf

L’impatto sul portafoglio di campi da golf di Trump dipende in gran parte da quanto tempo il coronavirus terrà bloccata l’economia. La buona notizia, per gli investitori, è che nel golf è facile mantenere il distanziamento sociale. La cattiva notizia è che i club costosi non tendono a fare bene nelle recessioni. “La prima cosa che viene tagliata è il budget del golf”, afferma Jeff Davis, amministratore delegato della società di intermediazione Fairway Advisors. Il valore delle attività di Trump, per un valore stimato di circa 271 milioni di dollari all’inizio di marzo, è sceso di circa il 20%.

Mar-a-Lago, Trump Tower e altre proprietà

Mar-a-Lago, il club più famoso del presidente, potrebbe reggere meglio del resto dei suoi club, anche se è apparso sulla stampa per aver ospitato persone che in seguito si sono rivelate positive al coronavirus. Questo perché Mar-a-Lago è valutato più come il trofeo di un miliardario che come un’azienda operativa, il che sembra proteggerlo dall’impatto dell’attuale recessione.

La liquidità

La parte più performante del portafoglio del presidente è la sua pila di contanti. Il presidente si è sbarazzato delle sue partecipazioni azionarie molto tempo fa e ora tiene circa 160 milioni di dollari al sicuro in liquidità. Sembrava un cattivo investimento negli ultimi anni, quando il mercato azionario è salito alle stelle e il presidente ha perso i relativi guadagni. Ma oggi rappresentano un grande ritorno.

Tra tutta la tristezza, c’è ancora spazio per l’ottimismo. Alla fine di mercoledì, il mercato azionario era aumentato del 3% da quando Forbes aveva calcolato le sue valutazioni del patrimonio netto due settimane prima. Dice Joel Paige, un operatore turistico che una volta gestiva Doral, prima che Trump acquistasse la proprietà: “Suppongo che questo sarà solo un singhiozzo per lui”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!