Perché il più grande produttore di carne al mondo lavora alle proteine vegetali

Jbs, la più grande azienda di carne al mondo
(shutterstock.com)
Share
Jbs, la più grande azienda di carne al mondo
(shutterstock.com)

Articolo di Chloe Sorvino su Forbes.com

JBS, la più grande azienda di carne al mondo, ha presentato questa settimana la propria linea di hamburger vegetali alternativa al chorizo, unendosi a Beyond Meat  e Impossible Foods nella corsa per conquistare i consumatori con una nuova fonte di proteine.

Il colosso brasiliano della carne aveva inizialmente pianificato di svelare la linea di prodotti proteici (a base di legumi) marcati Ozo ad aprile, ma ha posticipato il lancio a causa del ritardo nel ripristino degli scaffali nella maggior parte dei negozi di alimentari per via della pandemia. Faranno ora il loro debutto sugli scaffali di Albertsons e Safeway negli Stati delle Montagne Rocciose come Colorado e New Mexico, nonché nei Kroger Store in 12 Stati.

“Non stiamo dicendo che la carne sia cattiva”, afferma Darcey Macken, Ceo di Planterra Foods, la nuova filiale del Colorado di JBS USA dove Ozo e altri alimenti a base vegetale sono in fase di sviluppo. “Le persone che si preoccupano per le piante possono esserlo per molti motivi, che si tratti di terra e sostenibilità o semplicemente del non mangiare animali”.

I timori per la carenza di approvvigionamento di carne hanno portato ad un nuovo ciclo di acquisti dettati dal panico in aprile e maggio, che ha spinto i grandi marchi di negozi di alimentari come Costco, Kroger e la catena H-E-B del Texas a limitare gli acquisti di carne da parte dei clienti. Per le startup come Beyond Meat e Impossible Foods è diventato il test definitivo: se queste proteine ​​non potevano mettersi alla prova con i consumatori in un momento così cruciale, quando avrebbero potuto farlo?

I prodotti Planterra vengono stoccati in un momento critico per gli alimenti a base vegetale, che hanno visto un aumento della domanda mentre le paure per l’offerta di carne – ora in calo – sono aumentate considerevolmente. Con le vendite di carne in calo, gli alimenti a base vegetale hanno visto una sostenuta crescita di clienti, le alternative congelate di Beyond e Impossible hanno visto aumentare le vendite del 241% durante il picco dell’acquisto da panico della carne e un ulteriore aumentando del 113% dalla fine di aprile, secondo Spins, una società di dati che monitora i negozi di alimentari.

“Molte delle zone calde (del virus) si trovano in impianti di lavorazione della carne e i consumatori sono comprensibilmente preoccupati”, afferma Jeff Crumpton, responsabile del servizio di vendita al dettaglio di Spins. “I consumatori stanno vedendo cosa succede, e ora hanno questa altra soluzione a disposizione. Sembra un’alternativa più sicura ed è qualcosa che possono acquistare”.

Le aziende di confezionamento di carne sono entrate da anni nel mercato degli alimenti vegetali. Tyson Foods ha investito in Beyond Meat già nel 2016 e ha venduto la sua quota del 6,5% prima dell’IPO della startup di aprile 2019, due mesi prima di iniziare a vendere la propria linea di prodotti a base vegetale. Smithfield e Hormel seguirono in quello stesso anno. Cargill ha annunciato a febbraio che offrirà proteine ​​di origine vegetale a marchio privato ai negozi di alimenti che li avrebbero messi per primi sugli scaffali ad aprile. A differenza di Planterra, la pandemia non ha ritardato il lancio di tre grandi rivenditori.

I produttori di alimenti a base vegetale hanno anche cercato di espandere la loro portata a livello globale poiché la pandemia e la peste suina africana in Cina hanno creato un interesse più diffuso per le proteine ​​non di carne. Beyond Meat ha annunciato all’inizio di giugno che il suo hamburger sarebbe stato lanciato in alcune località di KFC, Pizza Hut e Taco Bell nella Cina continentale, mentre anche Cargill si è espanso sul mercato cinese questo mese.

Beyond Meat ha annunciato mercoledì che ridurrà i prezzi con offerte estive per invogliare più clienti a provare il suo “quarto di libbra” durante la stagione delle grigliate. L’hamburger vegetale di Beyond Meat è ancora circa 1 dollaro più costoso della carne macinata di manzo, mentre quello Impossible è più del doppio del prezzo per libbra.

Il divario di prezzo si è ridotto un po’ visto i rallentamenti della produzione legati alla pandemia che hanno spinto i prezzi delle carni bovine a nuovi massimi, con il Bureau of Labor Statistics che ha segnalato un aumento dei prezzi del 11% per le carni bovine e di vitello a maggio, il più grande aumento mensile mai visto, il quale ha galvanizzato l’industria delle proteine.

“Nessuno sapeva che impatto avrebbe avuto ciò sull’intera industria”, afferma Julie Emmett, senior director delle partnership commerciali presso la Plant Based Foods Association. “Le vendite di carne a base vegetale continuano a crescere fortemente anche dopo gli acquisti da panico, più veloci delle vendite totali e più veloci della carne di origine animale”.