Questa under 30 vuole trasformare la tua casa in uno spazio coworking

Christelle (Courtesy Codi)
Share
Christelle Rohaut è nella lista 30 under 30 di Forbes di quest’anno nella categoria Consumer Tech. (Courtesy Codi)

Articolo di Noah Kirsch apparso su Forbes.com

A prima vista sembra una cosa difficile: in mezzo a una pandemia globale, una startup vuole che trasformi la tua casa in uno spazio di coworking per estranei. Ma questo è ciò che Codi intende fare. “I dati hanno dimostrato che l’80% delle persone non vuole tornare in ufficio e non vuole fare il pendolare”, dice Christelle Rohaut, ceo dell’azienda e membro della lista 2021 Forbes 30 Under 30. “Possiamo offrire il meglio di entrambi i mondi”.

Fondata nel 2018, Codi è stata lanciata inizialmente come piattaforma b2c per i lavoratori che cercavano un’alternativa più conveniente ai giganti del coworking come WeWork, i cui uffici sono tipicamente concentrati nelle principali città. “Il novantanove per cento degli americani non vive entro le tre miglia da un ufficio o da uno spazio di coworking”, aggiunge la 26enne Rohaut. Codi, invece, può aprire un nuovo spazio ovunque.

Quando è arrivato il Covid, Rohaut si è orientata verso un modello business-to-business, rivolto alle aziende che non vogliono riportare i dipendenti in ufficio, ma sono preoccupate per l’isolamento e il rischio burnout per i lavoratori da remoto. Le tariffe di Codi per un posto in una delle sue sedi partono da $ 350 al mese. È una soluzione particolarmente attraente per i lavoratori che vivono in piccoli appartamenti o hanno una famiglia particolarmente numerosa. Per gli host proprietari, la convenienza è semplice: denaro extra per estinguere mutui o obblighi di affitto.

Codi ha raccolto un round pre-seed di $ 1,65 milioni nel 2018 e ha appena annunciato circa $ 5,4 milioni di finanziamenti da NFX, Urban Innovation Fund, Animo Ventures e altri, raggiungendo una valutazione di $ 20 milioni. È all’inizio del suo progetto, con solo diverse centinaia di host tra New York e San Francisco.

A causa della pandemia, l’azienda sta implementando misure speciali per ridurre gli stretti contatti nelle sue sedi. “In un tipico Codi, potrebbe esserci un bellissimo tavolo aperto, spazio per sei persone. Ma ai tempi di Covid, questo probabilmente ospiterà solo due o tre persone”, afferma Cullen McAlpine, un ex WeWork e ora responsabile della crescita di Codi. Tuttavia, non è chiaro se condividere uno spazio interno, anche se si indossa la macherina, possa mai essere completamente privo di rischi.

È un momento difficile nel mondo del coworking. WeWork ha lottato per dimostrare la sua longevità e ha subito un enorme ribasso alla sua valutazione. Anche i rivali più piccoli come Knotel stanno subendo licenziamenti e riducendo la loro influenza.

Rohaut, che è cresciuta in Francia e ha conseguito un master in urbanistica a Berkeley, resta ottimista. “Abbiamo una missione. Riguarda il cambiamento che stiamo apportando in ogni comunità”, dice. “Creiamo hub locali nei dintorni delle persone”.