Seguici su
Leader 8 Gennaio, 2021 @ 11:30

Non solo Jack Ma, chi sono gli altri miliardari cinesi misteriosamente scomparsi

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

 

Jack Ma. (Photo by Lintao Zhang/Getty Images)

Articolo di Jennifer Wang su Forbes.com

La notizia della scomparsa dalla scena pubblica del cofondatore di Alibaba Jack Ma ha provocato svariate congetture sui social media negli ultimi giorni. Il luogo in cui si trova l’imprenditore miliardario è sconosciuto e Alibaba non commenta.

L’ultimo avvistamento pubblico di Jack Ma, fino a qualche giorno fa la persona più ricca della Cina,  è stato al Bund Summit di Shanghai a fine ottobre, dove aveva criticato i regolatori cinesi per aver soffocato l’innovazione. All’inizio di novembre, sarebbe stato convocato a un incontro con le autorità cinesi, che hanno poi staccato la spina alla prevista Ipo del suo gigante fintech, Ant Group, il 3 novembre, solo due giorni prima dell’inizio delle negoziazioni. Alibaba è ora sotto inchiesta per comportamento monopolistico, secondo una dichiarazione dell’organo governativo di vigilanza del mercato. E il miliardario non è stato più avvistato dalla fine di ottobre. Alibaba e Ant Group non hanno risposto alla richiesta di commento di Forbes. In un report di martedì, citando una persona che ha familiarità con la questione, la CNBC ha riferito che Jack Ma non è scomparso, si limita a rimanere in disparte.

“Il quadro generale sembra essere che [Jack Ma] è diventato troppo grande per i suoi stivali (troppo sicuro di sé rispetto a quello che realmente è, ndr), sia nelle sue parole che nel potere finanziario effettivo”, afferma Andrew Nathan, un professore della Columbia University che esperto di politica cinese. “Quindi, sia che sia stato arrestato o che sia stato volontariamente rinchiuso, una delle due è una versione del Partito che riafferma il suo potere assoluto”.

L’assenza di Jack Ma dalla sfera pubblica fa parte di un quadro più ampio. Come aveva riferito in precedenza Forbes, negli ultimi anni almeno una mezza dozzina di altri miliardari e ricchi uomini d’affari sono scomparsi dalla vita pubblica per un periodo di tempo dopo essersi scontrati con il Partito Comunista Cinese. Nel dicembre 2015, è emerso che Guo Guangchang, fondatore e presidente del conglomerato di investimenti Fosun International, era scomparso. I post sui social media avevano affermato che testimoni avevano visto Guo portato via dalla polizia all’aeroporto di Shanghai.

Spesso chiamato ‘il Warren Buffett cinese’, Guo Guangchang ha trasformato la sua società quotata a Hong Kong in un gigante da 115 miliardi di dollari (asset) con investimenti in Asia, Europa e Nord America. L’azienda aveva temporaneamente sospeso la negoziazione delle sue azioni dopo la diffusione della notizia dove si affermava che Guo Guangchang stava assistendo le autorità giudiziarie su indagini anonime. In seguito Guo è tornato in azienda e non è stata fornita altra spiegazione, anche se la sua scomparsa è avvenuta nel mezzo di una campagna di repressione della corruzione che il presidente Xi Jinping aveva avviato dopo essere salito al potere nel 2012. Guo Guangchang, che ha un patrimonio netto attuale di 7,5 miliardi di dollari, presiede Fosun ancora oggi.

Nel gennaio 2016, la società di fast fashion Shanghai Metersbonwe Fashion & Accessories aveva anche temporaneamente sospeso la negoziazione delle sue azioni, affermando in una dichiarazione di non essere stata in grado di raggiungere il suo fondatore miliardario, Zhou Chengjian. Il gruppo di informazione statale China Daily aveva riferito che Zhou era stato arrestato dalla polizia per aiutare con un potenziale caso di insider trading e manipolazione di azioni. Metersbonwe aveva detto in una presentazione alla Borsa di Shenzhen una settimana dopo che Zhou era tornato al lavoro, ma non aveva spiegato cosa era successo. Secondo quanto riferito, Zhou Chengjian ha lasciato la scuola all’età di 12 anni e si è cimentato in falegnameria e muratura prima di formarsi come sarto. In seguito ha avviato Metersbonwe, che vanta oltre 800 milioni di dollari di entrate nel 2019. Sua figlia ora presiede l’azienda, sebbene Zhou rimanga il suo maggiore azionista e abbia una fortuna di 1,3 miliardi di dollari.

Altri uomini d’affari sono scomparsi più di recente. Secondo quanto riferito, il magnate immobiliare Ren Zhiqiang è scomparso a marzo dopo aver pubblicato un saggio online che denunciava la gestione del governo cinese della pandemia di Covid-19. Sebbene non abbia menzionato Xi Jinping per nome, ha fatto riferimento più volte al leader cinese e lo ha definito un “pagliaccio”. Un suo amico ha detto al New York Times nel marzo 2020 che erano “molto preoccupati” e lo cercavano. Il governo ha annunciato a luglio che Ren Zhiqiang – secondo quanto riferito da un membro di lunga data del Partito Comunista e figlio di un ex funzionario del partito – era stato espulso dal partito. I suoi beni sono stati sequestrati ed è stato condannato a settembre a 18 anni di carcere per aver accettato tangenti e aver abusato del suo potere come capo di un gruppo immobiliare di proprietà statale, tra le altre accuse. I suoi sostenitori affermano che è stato punito per aver parlato contro Xi Jinping.

Un altro dirigente di alto livello, Xiao Jianhua della società di investimenti Tomorrow Group, è stato rapito da Hong Kong con poche spiegazioni. Nel gennaio 2017, Xiao Jianhua sarebbe stato prelevato da un Four Season Hotel su una sedia a rotelle con la testa coperta (non si sapeva che usasse una sedia a rotelle); è stato poi portato attraverso il confine con la Cina continentale. Secondo quanto riferito, Tomorrow Group ha dichiarato in una nota di WeChat cancellata nel luglio 2020 che Xiao Jianhua era stato in Cina a collaborare con le autorità nelle indagini sulla società. Il governo aveva rilevato più di una mezza dozzina di aziende collegate al Tomorrow Group, accusando alcune società di nascondere informazioni sull’azionista di maggioranza e sulle partecipazioni dell’azienda. Xiao Jianhua, che presumibilmente era ben collegato alle élite politiche cinesi e ha facilitato le transazioni commerciali per loro, non è riapparso in pubblico. Non è stato possibile raggiungere un portavoce di Tomorrow Group per un commento.

Aaron Friedberg, professore di politica e affari internazionali all’Università di Princeton, afferma che i trattamenti di Jack Ma, Ren Zhiqiang e Xiao Jianhua indicano tutti il ​​tentativo del governo di rimuovere qualsiasi sfida al suo potere. “Concentrazioni di grandi ricchezze, soprattutto nelle mani di dirigenti d’azienda privati ​​in contrasto con le imprese di proprietà statale, consentono l’esercizio di influenza e sono quindi una potenziale minaccia per il Partito”, afferma Friedberg. “Sotto Xi, e specialmente negli ultimi anni, il PCC ha fatto dell’arrestare queste persone e spogliarle dei loro beni una pratica regolare. Qualunque siano i dettagli particolari di ogni singolo caso, il punto più importante è inviare un messaggio: nessuno è al di sopra del Partito o al di là della sua portata”.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!