Branson come Musk: il volo di prova della sua Virgin Orbit raggiunge l’orbita terrestre

richard branson virgin orbit
(Photo by Drew Angerer/Getty Images)
Share
richard branson virgin orbit
Richard Branson a Wall Street durante l’Ipo di Virgin Galactic lo scorso ottobre. (Photo by Drew Angerer/Getty Images)

Articolo di David Dawkins apparso su Forbes.com

La piccola attività di lancio di satelliti del miliardario Richard Branson, Virgin Orbit, ha raggiunto con successo l’orbita, facendo diventare Virgin una delle poche aziende ad aver raggiunto questo grande traguardo.

Dopo aver fallito un test a maggio dello scorso anno, Virgin Orbit è diventata oggi la prima compagnia di lancio al mondo a far cadere con successo un razzo in orbita dalla parte inferiore di un’ala 747 a mezz’aria. La tecnologia consente il lancio di satelliti dalle piste di tutto il mondo e probabilmente aprirà diverse opportunità nello spazio a stati nazionali più piccoli, imprese e istituzioni educative.

Il 747 della Virgin – chiamato Cosmic Girl – è decollato dal Mojave intorno alle 14:00 (USA) di oggi, lasciando cadere LauncherOne da sotto la sua ala 40 minuti dopo. Senza un live streaming in stile SpaceX, centinaia di fan hanno seguito i tweet online, (per lo più) augurando ogni bene al miliardario britannico e al suo team con sede negli Stati Uniti.

Alle 14:50 Virgin Orbit ha annunciato: “LauncherOne ha raggiunto l’orbita!” dopo essersi staccato con successo dalla parte inferiore dell’ala ed essere volato via una volta che l’aereo era sgombro. “Tutti i membri del team che non hanno il controllo della missione in questo momento stanno andando assolutamente fuori di testa”. Orbit ha twittato: “Anche gli addetti alle comunicazioni si stanno sforzando di non sembrare troppo eccitati”.

Trasportando 10 piccoli satelliti per la Nasa, Orbit ha confermato che il veicolo LauncherOne “avanza” per circa mezz’ora, prima di consegnare il suo carico di piccoli satelliti a forma di cubo. Un’ora dopo, Orbit ha confermato da Twitter: “Il comando di separazione del carico utile è stato emesso come previsto. Il team sta esaminando i dati ora per confermare tutto, ma è molto incoraggiante “.

Thomas Zurbuchen, amministratore associato della Nasa si è congratulato con il team Virgin: “So che ci sono più step da seguire, ma che risultato straordinario già oggi, team [Virgin Orbit]. ”

In un commento a Forbes, Peter Beck, del rivale neozelandese Rock Lab, si è anche congratulato con il team di Virgin Orbit: “Raggiungere l’orbita per la prima volta è un risultato significativo e speriamo che il team stia festeggiando con largo anticipo rispetto al prossimo grande passo per dar vita regolarmente a lanci affidabili”.

Adesso Richard Bransonsi unisce al piccolo gruppo di imprenditori che hanno raggiunto l’orbita terrestre. Elon Musk e SpaceX hanno raggiunto questo traguardo nel settembre del 2008 (al quarto tentativo), mentre Rocket Lab ha ora effettuato 17 lanci orbitali dal primo successo arrivato nel gennaio 2018.

LEGGI ANCHE:Certificazione storica della Nasa: la SpaceX di Elon Musk partirà per una missione di 6 mesi

Virgin Orbit, soldi ben spesi?

Gran parte della discussione attorno a Virgin Orbit ruota principalmente su un tema fondamentale: l’incredibile somma di denaro spesa fino ad adesso, ossia oltre 1 miliardo di dollari secondo Richard Branson. Questo nonostante il fatto che non era riuscita, almeno fino ad ora, a raggiungere questo traguardo notoriamente difficilmente come raggiungere l’orbita.

In un anno che ha visto la ricapitalizzazione dell’intero Virgin Group, dopo che la pandemia da Covid-19 ha danneggiato economicamente la compagnia aerea Virgin Atlantic di Richard Branson, sono state poste diverse domande sul motivo per cui erano stati spesi così tanti soldi su Orbit, in un momento in cui Virgin ha affrontato una vera lotta per la propria sopravvivenza. La domanda non è passata inosservata a William Pomerantz, VP dei progetti speciali di Virgin Orbit, che ha detto a Forbes a settembre, mentre Virgin lottava durante la pandemia: “Stiamo tutti leggendo le stesse notizie e quello che passa sui social media”, ha detto Pomerantz riguardo i problemi che Virgin Atlantic stava affrontando in quel momento. “Questo ci motiva”.

LEGGI ANCHE:Richard Branson ci ha raccontato i suoi sogni spaziali”

Anche se sono andati in fumo oltre 3.000 posti di lavoro alla Virgin Atlantic, Richard Branson ha mantenuto la sua fiducia in Orbit nonostante le tante e aspre critiche da parte dei rivali. Peter Beck del Rocket Lab ha affermato di aver raggiunto l’orbita per una somma molto inferiore e gli investitori hanno più volte messo in dubbio il fatto che Virgin sarebbe stata in grado di competere in questo mercato (più piccolo del previsto) insieme a SpaceX, che trasporterà i satelliti, e Rocket Lab, che offrirà un servizio più personalizzato.

Tuttavia, adesso, la fiducia di Branson in Virgin Orbit, che si è divisa da Virgin Galactic nel 2017, ha probabilmente dato i suoi frutti e l’imprenditore britannico punterà a costruire un business con la tecnologia che ha dimostrato di poter funzionare. Branson, inoltre, punterà ora a dar vita a rapporti commerciali a lungo termine con alcuni dei più grandi nomi del settore. Virgin Orbit ha detto a Forbes in passato che il suo “primo cliente”, la Nasa, sarà un cliente chiave, mentre si stanno aprendo opportunità nel Regno Unito (post-Brexit) in maniera contestuale al lavoro per l’Aeronautica Militare e la Forza Spaziale USA. Hanno manifestato interesse anche società private come Sitael e una società spaziale italiana di proprietà privata.