Come cambiano i musei? Lo spiega a Forbes George Jacob, che sta guidando la trasformazione dell’Aquarium of the Bay a San Francisco

George Jacob
Share
Interior of the Experience Theater and Deep Ocean Submersible command Center

I musei stanno cambiando. I musei stanno divenendo sempre più multimediali, grazie all’innovazione della tecnologia più moderna. George Jacob lo sa bene, avendo realizzato, curato e seguito alcuni dei musei più famosi al mondo. Al momento, è il presidente e amministratore delegato di Bay.Org, il più grande gruppo di conservazione dei bacini idrografici senza scopo di lucro di San Francisco. Comprende sei istituzioni: l’Aquarium of the Bay, The Bay Institute, il Sea Lion Center, con i famosi leoni marini della città, lo Studio Aqua, il Bay Model-US Army Corps of Engineers e la Bay Academy.

“La nostra missione è di proteggere e conservare la baia di San Francisco e i suoi fragili ecosistemi dalla Sierra al mare”, spiega George, con cui parliamo nel suo studio di San Francisco. Attualmente guida la trasformazione storica dell’Aquarium of the Bay sul Pier 39 in un iconico ecotarium vivente e immersivo da 260 milioni di dollari, il primo del suo genere: il Climate Resilience and Ocean Conservation Living Museum. George, canadese di origini indiane, è da sempre anche un appassionato di alta tecnologia. Si è formato allo Smithsonian, al Birla Institute of Technology & Science, all’Università di Toronto, al Getty Leadership Institute e alla Yale School of Management. E’ considerato, anche, uno dei principali pensatori di musei dei nostri tempi.

Ex vicepresidente dell’Oregon Museum of Science & Industry e OMNIMAX, è divenuto il direttore fondatore del centro di formazione sull’astronomia finanziato dalla NASA-Ames. Dopo essere stato il più giovane direttore dello Science Center and Planetario di Jaipur, a venticinque anni, è divenuto uno studioso del Commonwealth canadese. Ha lavorato a oltre 108 musei, parchi naturali e marini e centri scientifici e tecnologici in tutto il mondo. Inoltre, fa parte dei consigli di amministrazione di CAL-Travel, Bay Area Council e International Council of Museums USA. Nel 2019 è stato nominato chief advisor dei programmi delle Nazioni Unite per l’ambiente sulle iniziative dei musei per la conservazione del clima e dell’oceano per i Caraibi. E, nel 2020, ha ricevuto il premio CAL-Travel sustainability advocacy award, per il suo impegno nella sostenibilità.

Come è approdato a San Francisco?
Avevo già vissuto qui per un periodo, ma ci sono tornato cinque anni fa, proprio per accettare la sfida di trasformare l’acquario esistente in un museo vivente per la conservazione degli oceani e la resilienza climatica. Mi considero uno studente a vita del pensiero creativo e della conservazione culturale. Sono profondamente curioso di esplorare il mondo, la sua diversità, il suo oceano illimitato di conoscenza che potrebbe arricchire le nostre anime in modi illimitati. Per me i musei sono luoghi dove le narrazioni risuonano e aprono le menti all’apprendimento e al pensiero inventivo.

    George Jacob
    George Jacob with First Lady of the United States Dr. Jill Biden at the unveiling of the Vision for the Museum.
    George Jacob
    George Jacob with the Premier of Alberta Rachel Notley at the Philip J. Currie Dinosaur Museum
    Aerial view of the Living Museum Site on Pier #39 on the Embarcadero

Come vede il ruolo dei musei nel futuro?
L’industria multimiliardaria dei musei sottolinea l’importanza di creare capitali culturali. Qual è il ruolo dei musei e della cultura nel nostro mondo sempre più virtuale e mutevole, interconnesso, di comunicazione accelerata e mobilità globale? I musei sono l’anima delle società civili e servono come depositari della nostra memoria collettiva. Sono un importante catalizzatore per l’istruzione, il turismo, le infrastrutture culturali e la qualità della vita nelle comunità. Ma i musei sono più che custodi della memoria. I musei sono motori che guidano la diplomazia culturale, un’arte, il cui soft power si è dimostrato vero nel corso della storia, nel collegare relazioni, forgiare alleati e facilitare lo scambio di idee.

Qual è la differenza tra musei d’arte e musei di scienza?
L’arte della scienza e la scienza dell’arte sono nozioni sempre più intrecciate, che generano molte soluzioni e alimentano molte rivoluzioni dei nostri tempi. Per coloro che sono interessati a costruire e coltivare il capitale culturale, è importante sapere che ci sono competenze che possono essere applicate al lato commerciale dell’industria museale che vanno dalla progettazione, all’implementazione del progetto, alla pianificazione generale, allo sviluppo delle politiche, al diritto dei musei, agli affari culturali e a tanto altro. È anche importante sapere che tutti i tipi di musei celebrano la vita oltre la storia convenzionale e le istituzioni basate sull’arte. Lo spettro di argomenti esplora le arti culinarie, la vinificazione, il design, la moda, i gioielli, la sanità, le tradizioni viventi, i fumetti, i cioccolatini, le relazioni interrotte, la pace, la guerra … La lista è lunga! I musei sono motori economici, depositari di memorie collettive e punti di riferimento per conversazioni che alimentano società civili migliori.

Che tipo di impatto crede abbiano i musei a livello globale?
Oltre a condividere storia, cultura, tradizioni e costumi attraverso le esperienze espositive, l’estensione e gli aspetti educativi dei musei hanno un impatto sull’apprendimento e lo incrementano, attraggono investimenti turistici, ringiovaniscono le economie e spesso ancorano le comunità attorno a una causa collettiva di cui possono essere orgogliosi. A livello nazionale, possono promuovere un senso di identità, conservare e proteggere il patrimonio, la ricerca, gli scambi culturali e favorire la crescita della conoscenza attraverso discorsi e pubblicazioni curatoriali di origine primaria e secondaria. Il futuro dei musei sarà influenzato dalle piattaforme spaziali e visive e dal continuo potere interattivo e immersivo degli strumenti di realtà virtuale. È inevitabile che i contenuti si spostino nel regno cibernetico in tempi futuri e ci sono già fasce di potenziali visitatori che sarebbero contenti di navigare nella rete di apprendimento e scoperta indotta dalla tecnologia. Tuttavia, non vi è alcun sostituto per la cultura materiale. Il fascino classico dei musei e la necessità di preservare, conservare e celebrare la cultura materiale saranno sempre presenti.

Ha lavorato in molti posti in tutto il mondo e ha avuto una grande influenza a livello globale con un portfolio superiore a 400 milioni di dollari. Come l’ha ispirato per i suoi progetti lavorare in luoghi come Singapore, Malesia, Canada, Hong Kong, India, Abu Dhabi, Egitto, Francia e Nord America?
Con la connettività globale, l’industria dei musei sta sperimentando una perfetta integrazione di talenti professionali. Gli architetti canadesi stanno progettando musei in Arabia Saudita, i designer olandesi lavorano a Singapore, i curatori britannici sono impegnati in Egitto…Questa tendenza in crescita ha creato una confluenza di creatività che il mondo sta sperimentando sempre più negli ultimi anni, influenzando direttamente le migliori pratiche e standard professionali. Non solo l’impollinazione incrociata ha portato al libero scambio di innovazione creativa, ma ha anche indotto un apprezzamento intrinseco delle percezioni pluralistiche e degli ambienti di lavoro multiculturali. Attualmente sto fornendo consulenza su nuovi progetti di musei e acquari in Norvegia e Giamaica: è stato un viaggio interessante e appagante.

Essendo un cittadino globale, quale ispirazione trae, invece, dalla sua città natale mentre lavora nei musei?
Sono nato a Kochin, Kerala; sono cresciuto nel Rajasthan. L’osmosi interculturale non avrebbe potuto essere più forte, etnica e più ricca oltre che inclusiva in maniera molto affascinante. Il mondo sempre più interconnesso in cui viviamo è un mosaico culturale come nessun altro. È un crogiolo in evoluzione che assapora ancora la purezza della classicità e la particolarità delle tradizioni popolari. La continuità culturale e le tradizioni viventi richiedono una diversa nozione di museo; per essere rilevanti per le civiltà e la psiche relativamente più antiche che lottano con l’identità e l’angoscia post-coloniale. Le prospettive indigene, il patrimonio immateriale e le tradizioni orali cercano una lente diversa per la narrativa curatoriale interpretativa. Ho portato l’idea di un cittadino globale nella maggior parte del mio lavoro, spesso cercando di spingere il paradigma per scoprire ciò che non è stato scoperto.

Il suo recente incarico con il Phillip J. Currie Dinosaur Museum, nel nord dell’Alberta, è stato definito da Condenast Traveller la nuova destinazione numero due al mondo. Che impatto ha avuto sul Canada e, in generale, sulla sua missione di creare musei innovativi?
Il museo dei dinosauri Philip J. Currie ha dissipato molti miti. Innanzitutto, è stato il progetto di costruzione di un museo più veloce nella storia canadese. In secondo luogo, ha invertito una norma accettata di ritardi infiniti e sforamenti di budget, aprendo esattamente alla data prevista e rientrando nel budget. In terzo luogo, l’;intero team era composto da soli due professionisti prima dell’apertura, rendendolo l’impresa più snella di sempre. Quarto, il museo ha progettato il proprio sito web, merchandising, branding, slogan sui media, documentari, pubblicazioni, segnaletica e cartelloni pubblicitari: una misura senza precedenti. Quinto, ha ottenuto nove premi in nove mesi. In sesto luogo, è diventato il primo museo al mondo a offrire giri in elicottero sui siti di ossa di dinosauri più densi del mondo a Pipestone Creek. Stranamente, è diventato anche il primo museo in Canada a coinvolgere un presidente e amministratore delegato di minoranza visibile. Il museo è una risorsa nazionale che ha innalzato con successo il livello di pianificazione ed esecuzione dei progetti. Il suo modello di business offre un valido quadro di riferimento per i futuri musei in tutto il Canada e il mondo.

Qual è la sua visione per il primo museo e complesso acquario sulla resilienza climatica e sulla conservazione degli oceani al mondo di San Francisco?
Ciò che distingue il concetto di Bay Ecotarium da 260 milioni di dollari rispetto ad altre attrazioni e musei scientifici è la risonanza del design dei contenuti con una missione istituzionale e per l’ambiente. L’Aquarium of the Bay si trova sul Pier 39 sull’Embarcadero, conosciuto in tutto il mondo per i leoni marini, visitati da quasi 15 milioni di turisti all’anno. Attingendo acqua salata dall’Oceano Pacifico, i suoi serbatoi filtrati da 750.000 galloni ospitano 25.000 animali tra cui gli squali di Alcatraz. Il nuovo avatar espande il suo mandato per riflettere l’interconnessione degli ecosistemi che riportano indietro nel tempo ai primi abitanti della terra: gli Ohlone, Miwok, Yokutz e altre quaranta importanti tribù. Questi hanno sviluppato un principio di eco-armonia come parte della loro Grande Legge di Pace. Conosciuto meglio oggi come la regola delle sette generazioni, il concetto incoraggia i leader a prendere decisioni che andranno a vantaggio delle persone e del loro ambiente per le generazioni a venire. Poiché sia ​​le nazioni sviluppate che quelle in via di sviluppo affrontano questioni urgenti sull’uso dell’energia, il salvataggio di specie vulnerabili e in via di estinzione, l’acidificazione degli oceani, l’innalzamento del livello del mare, la conservazione, la sostenibilità e l’efficienza, il concetto acquista più rilevanza che mai.

Come saranno esattamente l’architettura e design di questo nuovo museo?
Ispirato ai tumuli di conchiglie di Ohlone, alle onde dell’oceano increspate, alle squame iridescenti dei pesci e alla geometria delle forme di vita marina, il design dell’edificio si trasforma in una triade di ondulazioni rese in perenne mutevole iridescenza. L’edificio è progettato per ronzare con i suoni dell’oceano, incorpora una bio-facciata, che utilizza microalghe e distribuisce filtri naturali aiutati da ostriche per pulire l’acqua, e una piattaforma di lancio e apprendimento per l’esplorazione dell’oceano profondo, utilizzando veicoli sommergibili con equipaggio e telecomandati. Si coinvolgeranno una serie di tecnologie interattive attivate da app mobili, sensori di prossimità e termici per guidare senza problemi i visitatori alla scoperta di ciò che non è stato scoperto. Oltre a condividere storia, cultura, tradizioni e costumi attraverso un’esperienza espositiva coinvolgente, l’estensione e gli aspetti educativi dell’ecotarium avranno un impatto sull’apprendimento, attireranno investimenti turistici, ringiovaniranno le economie e ancoreranno le comunità attorno a una causa collettiva che è parte integrante di un movimento ambientalista per salvare la baia di San Francisco. E, un modello sostenibile, per altri progetti simili in tutto il pianeta.