Come la coppia fondatrice di Materialise ha creato una fortuna miliardaria grazie alla stampa 3D

Fried Vancraen ha fondato Materialise insieme alla moglie Hilde Ingelaere nel 1990. (Courtesy Materialise)
Share

Articolo di Amy Feldman apparso su Forbes.com

Per un momento questo inverno, Fried Vancraen e Hilde Ingelaere, la coppia fondatrice della società di stampa 3D Materialise, hanno visto la loro ricchezza salire oltre i 2,6 miliardi di dollari, secondo i calcoli di Forbes, poiché le azioni della società hanno superato gli 80 dollari per azione. Facile salire, ma facile anche scendere: con il calo delle azioni di stampa 3D, la società di Lovanio, con sede in Belgio, ha visto le sue azioni scendere a $ 41, portando la quota del 60% della coppia a $ 1,3 miliardi.

Vancraen, che ha 59 anni, preferirebbe pensare a lungo termine, per l’azienda e per l’industria che ha contribuito a lanciare, piuttosto che al valore delle sue azioni. “Non sto dicendo che la mia famiglia non sia ricca”, dice in una recente videochiamata. “La vediamo più come una responsabilità”.

Alla fine degli anni ’80, Vancraen lavorava presso l’Istituto di ricerca dell’industria metallurgica belga quando vide la prima stampante 3D del pioniere del settore 3D Systems. Era entusiasta e all’inizio ha cercato di convincere il suo capo a investire nella nuova tecnologia. “È stato un cambiamento di paradigma”, ricorda.

Quando l’idea non ha avuto successo, ha lasciato il suo lavoro e ha collaborato con sua moglie Ingalaere, che ha 58 anni e un master in bioingegneria, per creare l’azienda nel 1990. Il loro concetto originale era semplicemente quello di essere un centro di servizi per le nuove stampanti 3D. A differenza di Hans Langer, che ha fondato Eos fuori Monaco nello stesso periodo attirando l’attenzione di Bmw e di altri grandi clienti, Vancraen credeva che i suoi clienti fossero più le aziende piccole interessate alla prototipazione. “In Belgio, non abbiamo la stessa base industriale dei tedeschi”, dice. “Questo è il motivo per cui abbiamo iniziato come società di servizi”.

All’inizio, Vancraen finiva i pezzi per i clienti intorno al tavolo della cucina. Oggi Materialise è una delle più grandi società di stampa 3D indipendenti al mondo con un fatturato che lo scorso anno ha superato i $ 200 milioni. Vancraen, che prevede di andare in pensione a 65 anni, è stato il ceo dell’azienda sin dall’inizio.

Quando Materialise ha iniziato a lavorare con i suoi clienti, Vancraen ha scoperto che il software esistente era un incubo per la stampa 3D. “Quando abbiamo ottenuto la nostra stampante, il nostro problema era che non avevamo clienti che avevano dati che potevano essere stampati su di essa, quindi abbiamo dovuto iniziare con disegni 2D che abbiamo modellato noi stessi, il che è stato un problema”, dice. “Era anche peggio di così perché in quel momento dovevamo vendere una storia. Abbiamo detto: ‘Forniscici i tuoi dati Cad e li stamperemo per te’. Ma se un cliente ci forniva dati Cad, la qualità era così scadente che era più difficile rispetto a iniziare da un disegno. Quindi siamo stati costretti fin dai primi giorni a trovare una soluzione ai problemi del software”.

Vancraen ha commercializzato il software sviluppato da Materialise e nel tempo è diventato il grande vantaggio dell’azienda. Vancraen ha firmato con clienti come GM, Ford e Baxter Healthcare.

“È facile dire che qualcuno è visionario, ma Fried è uno di quei “, dice Guy Sips, analista presso Kbc Securities con sede a Bruxelles, che ha seguito l’azienda sin dalla sua offerta pubblica iniziale del 2014. “Ha sempre 10-20-30 banche di investimento che bussano alla sua porta e lui le rifiuta ancora: prima di tutto perché crede nei fondamenti della sua azienda, e poi perché gli piace davvero quello che sta facendo”.

Nel corso degli anni, Materialise ha trovato una seconda attività importante nel settore medico, con la spinta di Ingalaere, che ora è vicepresidente esecutivo della società per il settore medico. Oggi, quella divisione lavora su prodotti che vanno dalle protesi d’anca personalizzate alle guide chirurgiche agli apparecchi acustici. All’inizio hanno semplicemente provato a copiare l’anatomia umana, dice Vancraen, ma nel tempo si sono resi conto che potevano migliorare gli impianti con dimensioni e design personalizzati o rendere più agevoli gli interventi chirurgici complessi con le guide stampate in 3D.

All’inizio di quest’anno, ad esempio, i suoi strumenti sono stati utilizzati nel primo trapianto di doppia mano e faccia al mondo. “Ne siamo molto orgogliosi”, dice Vancraen. Un uso ancora più complesso per la stampa 3D su cui sta lavorando Materialise è una stecca bioriassorbibile che può ripristinare i passaggi d’aria collassati di un bambino. In sviluppo con l’Università del Michigan, è stato utilizzato in circa 20 casi.

L’anno scorso è stato un anno difficile per l’industria della stampa 3D, tuttavia, poiché la pandemia ha colpito duramente settori chiave come l’automotive e l’aerospazio. Mentre la crescita a due cifre era tipica prima della pandemia, la crescita è rallentata al 7,5% lo scorso anno, raggiungendo un totale di 12,8 miliardi di dollari, secondo l’ultimo rapporto dell’analista di settore Wohlers Associates. Le entrate di Materialise sono diminuite del 13% lo scorso anno e hanno registrato una perdita netta di $ 9 milioni, contro un profitto di quasi $ 2 milioni nel 2019.

Nonostante la pandemia, Materialise, che negozia al Nasdaq con il ticker Mtls, ha visto le sue azioni salire, raggiungendo un picco di $ 80 il 9 febbraio, quattro volte rispetto ai 12 mesi precedenti, aumentando il valore di mercato della società a oltre $ 4,2 miliardi. Una grande spinta, spiega Sips, è arrivata da Ark Investment Management di Cathie Wood, che ha scommesso molto sulla stampa 3D e ora possiede il 16% dell’azienda e una parte molto più grande del suo flottante. “A causa della scarsa liquidità e poiché il fondatore possiede ancora il 60% dell’azienda, è stata una profezia che si autoavvera”, afferma Sips. “Tutto ciò che supera i $ 50 per azione, a mio parere, non ha nulla a che fare con l’azienda e i fondamentali … Detto questo, sono molto ottimista sulla stampa 3D e sono molto positivo su Materialise”.

Vancraen, che ha già visto parecchio in 30 anni al timone, conta su una crescita lenta nel tempo man mano che la tecnologia acquisirà nuovi clienti e nuove capacità. “Abbiamo assistito a questo boom negli anni ’90, abbiamo assistito a un altro boom sulla scia della precedente crisi economica, e ora lo vediamo di nuovo”, dice. “Accadrà, ma non l’anno prossimo …. La stampa 3D è una lenta rivoluzione.”