Persone, tecnologie e sostenibilità: l’ad Gianmatteo Manghi svela la strategia di Cisco Italia per i prossimi tre anni

(Photo by Justin Sullivan/Getty Images)
Share

“Ci aspetta il periodo di cambiamento più veloce di sempre: l’Italia dei prossimi anni sarà profondamente diversa: l’accelerazione della digitalizzazione e l’affermazione della sostenibilità, in un quadro europeo che amplifica e supporta queste trasformazioni per fondare su di esse il rilancio, avrà un impatto senza precedenti.  Con il nostro lavoro, che è fare innovazione tecnologica, possiamo dare un contributo concreto per uno sviluppo economico e sociale equo, tenendo fede alla nostra missione che è creare un futuro più inclusivo, per tutti”.  

È questo il messaggio con cui Gianmatteo Manghi, nelle vesti di nuovo amministratore delegato di Cisco Italia, ha aperto il suo primo incontro con la stampa italiana, che si è tenuto ieri online. In carica da inizio aprile, Manghi ha prima di tutto tirato le somme di quanto realizzato da Cisco Italia negli ultimi 12 mesi. In cui gli investimenti e la crescita sono stati esponenziali, nonostante la crisi scaturita dal Covid-19. E l’assunzione di oltre 50 persone, insieme all’acquisizione di un’azienda italiana, Fluidmesh, ne sono una dimostrazione lampante. Successivamente, il neo ad della società ha svelato alla stampa i tre pilastri su cui l’azienda intende sviluppare le sue strategie di sviluppo nel prossimo triennio: le persone e le comunità, la trasformazione cloud e software, la transizione ecologica e digitale (green & blue).

I tre pilastri di Cisco Italia

Gianmatteo Manghi, ad di Cisco Italia.

Se ci prendiamo cura delle persone, le persone si prenderanno cura dell’azienda e della sua missione”, ha affermato Manghi, ricordando come Cisco Italia – che recentemente è stata dichiarata da Great Place to Work Italia il miglior posto per lavorare, per il sesto anno consecutivo –  abbia messo in campo strumenti straordinari, oltre a quelli già esistenti, per sostenere l’equilibrio personale e professionale dei suoi dipendenti: ad esempio, iniziative per il benessere mentale e momenti di riposo come un giorno di ferie “collettivo” dato a tutti i dipendenti a marzo, a un anno dall’inizio dell’emergenza sanitaria in corso. 

LEGGI ANCHE: “Da MSD a Cisco: ecco quali sono le 50 migliori aziende dove lavorare in Italia”

Un elemento distintivo del modo in cui Cisco interpreta il suo ruolo di cittadinanza nelle comunità in cui opera è la promozione di attività di volontariato e la scelta di mettere in campo le proprie tecnologie e competenze per sostenere le esigenze della società.  Si va dall’impegno per la diffusione delle competenze digitali con le 345 Networking Academy Italiane presenti in ogni tipo di realtà, dalle scuole alle carceri, a progetti complessi nell’ambito più critico di questo periodo, la sanità.  Per fare due esempi, Manghi ha ricordato che Cisco è partner e ha realizzato l’infrastruttura di rete e le soluzioni per gestire i flussi, la somministrazione dei vaccini, l’afflusso regolare e in sicurezza delle persone nel più grande centro vaccinale della Lombardia realizzato a Milano presso il Palazzo delle Scintille; un altro caso è la creazione di un servizio di telemedicina che sta consentendo ai medici dell’ospedale di Alessandria di assistere in modo più efficace e continuativo, anche da remoto, gli ospiti del Piccolo Cottolengo Don Orione di Tortona, bambini e ragazzi con gravi disabilità. 

Al di là dell’obiettivo sociale, questi progetti possono nascere e svilupparsi in tempi rapidissimi anche grazie al secondo pilastro delle strategie Cisco, la trasformazione cloud e software.  Questa è prima di tutto una trasformazione di Cisco stessa, che nel 2020 ha generato il 51% del suo fatturato da questo tipo di offerta, con un percorso di innovazione che vede un’integrazione sempre maggiore di questi elementi anche nell’evoluzione dell’offerta hardware” ha spiegato Manghi “perché i nostri clienti, quando ci chiedono di aiutarli a sviluppare strategie cloud first, in realtà ci chiedono molto di più: la capacità di gestire e controllare applicazioni e servizi ovunque essi risiedano, le funzionalità per garantire la sicurezza e la data privacy, la dinamicità dell’infrastruttura e delle applicazioni”.  Cisco risponde a queste richieste con soluzioni che connettono tutti i livelli delle architetture di rete, multicloud e ibride e che – soprattutto – permettono grazie a un’elevata automazione software di eliminare la complessità che altrimenti ridurrebbe i benefici attesi. 

Nell’affrontare il terzo pilastro delle strategie Cisco, ossia la volontà di assumere un ruolo centrale nello sviluppo del percorso di transizione ecologica e digitale, Manghi ha riportato l’attenzione sul legame inestricabile tra digitalizzazione e sostenibilità. Il digitale infatti offre la chiave per accelerare la diffusione di pratiche sostenibili e per consentire di realizzare su larga scala la trasformazione green. “Ad esempio ENEL, con cui collaboriamo nell’ambito delle smart grid, ha annunciato di voler quasi triplicare la capacità globale di generazione di energia rinnovabile: per rendere disponibile questa risorsa, la digitalizzazione delle reti di distribuzione è imprescindibile perché consente di garantire l’equilibrio tra domanda e produzione nonostante la maggiore imprevedibilità tipica di energie come il fotovoltaico o l’eolico” ha spiegato Manghi. 

LEGGI ANCHE: “Brand New Security, l’evento con Cisco per capire la cybersecurity in un paese sempre più digitale”

Anche su scala più “quotidiana” i benefici della scelta di innovazione sostenibili si dispiegano nella maggiore resilienza e competitività per le imprese  – e in questo senso Manghi ha citato i dati di una recente ricerca di Symbola (il rapporto Green Italy) che ha evidenziato come le aziende che hanno investito in questa direzione hanno assunto, esportato, innovato di più. In questa transizione green&blue anche la pubblica amministrazione può assumere un ruolo da protagonista, perché ad essa, ad esempio, fanno capo sistemi idrici, trasporti, servizi urbani che possono essere rivisti e migliorati in ottica green. 

Per realizzare tutto ciò, servono certamente grandi energie. Con il Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza arriveranno le risorse che possono veramente rinnovare il paese e per questo oggi abbiamo l’occasione di immaginare come sarà il nostro mondo da qui a 5 anni. Un mondo in cui, secondo una ricerca di Cisco, il 58% delle persone potrebbe lavorare almeno 8 giorni al mese in remoto e in cui in generale si affermeranno sempre più forme organizzative, operative e culturali “ibride”. In talsenso, dalla conferenza stampa è arrivata l’anticipazione su una nuova iniziativa, l’Hackaton “Green&Blue Marathon” promosso da Cisco con Officine Italia e in collaborazione con Codemotion “Chiediamo ai giovani di pensare, ideare le soluzioni del futuro su quattro aree: smart citizen, smart building, mobility, utility con un percorso di 8 settimane, che partirà l’11 maggio. Vogliamo scoprire come immaginano il nostro domani, e aiutare a costruirlo” ha concluso Manghi.