YouTube spenderà 100 milioni di dollari per attirare gli influencer da TikTok

Youtuber
Share

Articolo di Adam Brown apparso su fobes.com

YouTube sborserà 100 milioni di dollari nei prossimi 18 mesi agli influencer che pubblicheranno YouTube Shorts, il comptitor di TikTok.

Il denaro andrà allo YouTube Shorts Fund e distribuirà mensilmente il suo finanziamento ai video che ricevono il maggior numero di visualizzazioni ed engagement. “Lo Shorts Fund è il primo passo nel nostro viaggio verso un modello di monetizzazione per Shorts su YouTube. Questa è una priorità assoluta per noi e ci vorrà un po’ di tempo per farlo bene”, ha detto in un nuovo post sul blog Amy Singer, direttore delle partnership globali per lo sviluppo di YouTube Shorts. “Stiamo lavorando attivamente su questo aspetto e prenderemo in considerazione il feedback raccolto dalla nostra community per contribuire a sviluppare un programma a lungo termine specificamente progettato per YouTube Shorts”.

LEGGI ANCHE: “La prima classifica Forbes delle star di TikTok più pagate”

Il nuovo programma di finanziamento di YouTube è l’ultimo esempio di fondi simili nati all’epoca dei social media, parte di una corsa per ricompensare meglio a livello finanziario gli influencer. TikTok ha detto che spenderà più di 2 miliardi di dollari in tutto il mondo nei prossimi tre anni nel suo Creator Fund, mentre Snap distribuirà fino a 1 milione di dollari al giorno agli utenti che pubblicano nel suo feed Spotlight. Mark Zuckerberg ha recentemente affermato che Facebook sta valutando l’aggiunta di un proprio fondo.

Gli influencer aiutano a guidare gli utenti verso le piattaforme, i segmenti di pubblico che le aziende sono quindi in grado di monetizzare attraverso gli annunci. Per molti anni, i siti di social media hanno in gran parte lasciato ai creator il compito di capire come guadagnare denaro da soli. Ma l’ascesa di TikTok ha sorpreso l’industria, in particolare sui nuovi modi per i creator di fare soldi attraverso la piattaforma. In risposta, i concorrenti si stanno affrettando ad aggiungere funzioni e programmi simili come il YouTube’s Shorts Fund.

YouTube ha debuttato con Shorts lo scorso anno all’estero e l’ha presentato in America a marzo. Prima del lancio negli Stati Uniti, i video avevano già generato 6,5 miliardi di visualizzazioni.

Al contrario di gran parte del settore, YouTube si è concentrato sull’ottenere denaro per i creator e il suo programma che condivide le entrate pubblicitarie è ancora visto come il gold standard, il modo migliore per guadagnare milioni di dollari dai social media. E la piattaforma è sempre più popolare: l’81% degli adulti statunitensi ha dichiarato di aver guardato YouTube l’anno scorso, rispetto al 73% dell’anno precedente, secondo una ricerca Pew.

I 100 milioni di dollari stanziati per il Fondo non sono un importo sostanziale per YouTube, che genera oltre 20 miliardi di dollari di entrate annuali. Ma è probabilmente uno strumento strategico per l’azienda e, data la posizione di YouTube nel settore, probabilmente aumenterà la concorrenza già frenetica per vincere e mantenere l’attenzione degli influencer.