La whistleblower al Congresso: “Per Facebook i profitti vengono prima della sicurezza”

Facebook Frances Haugen
(Foto di Drew Angerer/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com a firma di Abram Brown

La whistleblower di Facebook, Frances Haugen, ha esortato il Congresso ad approvare nuove normative sulla società, condannando molti aspetti dell’attività del suo ex datore di lavoro.

“La leadership dell’azienda sa come rendere Facebook e Instagram più sicuri, ma non apporterà i cambiamenti necessari perché ha anteposto i suoi profitti astronomici alla sicurezza delle persone”, ha affermato Haugen. “Serve un intervento del Congresso”.

Haugen ha fornito diversi suggerimenti mentre parlava davanti alla sottocommissione del Senato per la protezione dei consumatori. Tra questi, quello di costringere Facebook a modificare il suo algoritmo basato sulle raccomandazioni e di cambiare un atto legislativo fondamentale per l’industria tecnologica: la Sezione 230, che offre un’ampia protezione ad aziende come Facebook. La maggior parte della sua testimonianza ruotava attorno agli effetti di Facebook e Instagram sulle ragazze adolescenti e su come le piattaforme danneggiano la loro salute mentale. Un cambiamento importante rispetto alle precedenti inchieste del Congresso su Facebook e sui social media, che tendevano a soffermarsi sulla disinformazione e sulle accuse di censura politica.

Facebook è stata nuovamente presa di mira nelle ultime settimane. Il tutto è iniziato quando il Wall Street Journal ha pubblicato una serie di articoli basati su documenti ricevuti da Haugen. La ricerca interna ha mostrato come Facebook abbia ignorato l’impatto negativo di Instagram sugli adolescenti e la diffusione di disinformazione sulla sua piattaforma. Oltre all’impatto delle recenti modifiche all’algoritmo del suo feed, che hanno aumentato il coinvolgimento degli utenti ma anche, allo stesso tempo, l’ostilità e il malcontento. Haugen ha condiviso quei documenti anche con il Congresso e la Securities and exchange commission (Sec, l’ente federale statunitense che vigila sulla Borsa), e ha rivelato la sua identità domenica durante il programma televisivo 60 Minutes. L’udienza di martedì riguardava principalmente Facebook e i bambini, ma a tratti ha virato anche sulla prevalenza della disinformazione sul social network e su come il sito potrebbe essere utilizzato impropriamente in altri modi, in tutto il mondo.

Haugen ha sottolineato che i cambiamenti che ha suggerito non sconvolgerebbero completamente le finanze di Facebook. “Le persone consumeranno meno contenuti su Facebook, ma la piattaforma sarebbe comunque redditizia”, ha affermato. Inoltre, secondo Haugen, questi cambiamenti potrebbero portare vantaggi a Facebook nel lungo periodo, incoraggiando gli utenti stanchi delle continue battaglie a iscriversi (o eventualmente a ri-iscriversi) alla piattaforma.

Haugen ha sottolineato la determinazione di Facebook nell’attingere a una fonte costante di giovani utenti e ha affermato che, senza l’azione del Congresso, probabilmente riprenderebbe a lavorare al suo Instagram for Kids, un progetto che è stato costretto a sospendere nelle ultime settimane. Ha anche chiarito che l’azienda ha scelto di dare la priorità ai contenuti pericolosi che aiutano a mantenere gli utenti sul sito più a lungo. Haugen ha affermato che Facebook ha adottato misure per ridurre questo tipo di post prima delle elezioni, ma è rapidamente tornata allo status quo senza esclusione di colpi. Facebook ha quindi dovuto riattivare le misure di sicurezza durante le rivolte del 6 gennaio, quando è diventato chiaro che la piattaforma veniva utilizzata per coordinare gli attacchi.

I legislatori hanno cercato di paragonare la situazione che oggi riguarda Facebook a quella degli anni ’90, quando finalmente è stata esercitata una grande pressione sull’industria delle sigarette. “Big Tech sta affrontando adesso quel momento della verità affrontato in precedenza da Big Tobacco”, ha affermato il senatore Richard Blumenthal, che presiede il sottocomitato che ha ascoltato Haugen martedì.

Facebook ha cercato di respingere le rivelazioni di Haugen, principalmente screditando la ricerca. Martedì ha tentato un approccio diverso: screditare Haugen, che ha parlato ampiamente dell’azienda, basando i suoi commenti sui documenti che ha preso da Facebook. Su Twitter, un portavoce di Facebook, Andy Stone, ha detto: “Sottolineo il fatto che Frances Haugen non ha lavorato sulla sicurezza dei bambini o su Instagram, né ha svolto ricerche su questi problemi. Non ha una conoscenza diretta dell’argomento”.

L’udienza è stata straordinariamente sobria e conteneva ben poco della fanfara politica che ha caratterizzato altre udienze del Congresso con i dirigenti dei social media. I senatori, sia democratici sia repubblicani, hanno colto tuttavia l’occasione per un attacco al ceo Mark Zuckerberg. Hanno attirato l’attenzione su un post che ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un giorno fa, una clip di 38 secondi che mostra lui e sua moglie, Priscilla, su una barca, scattata con i nuovi occhiali da sole intelligenti di Facebook.

Il loro atteggiamento nei confronti di Haugen è stato di vicinanza. Rivolgendosi a lei direttamente, il senatore Ed Markey l’ha definita un “eroe americano del XXI secolo. La nostra nazione ha un enorme debito di gratitudine per il coraggio che sta dimostrando qui”.

Il Congresso ha discusso per anni di una nuova legislazione mirata alle aziende tecnologiche, ma non è stato in grado di raggiungere un consenso bipartisan sulla prossima mossa o anche sui problemi di base. I democratici hanno affermato che Facebook non riduce abbastanza la disinformazione. I repubblicani, invece, hanno detto che Facebook controlla eccessivamente la sua piattaforma, rimuovendo i punti di vista conservatori. Riformulare una spinta legislativa incentrata sulla sicurezza dei bambini potrebbe fornire il catalizzatore ai legislatori.