Elon Musk risponde ai critici: “Quest’anno pagherò 11 miliardi di dollari di tasse”

Elon Musk Tesla
(foto Win McNamee/Getty Images)
Share

Questo articolo di Siladitya Ray è apparso su Forbes.com

Domenica il ceo di Tesla, Elon Musk, ha rivelato che, quest’anno, pagherà più di 11 miliardi di dollari di tasse. Una dichiarazione che conferma e segue quanto aveva detto nelle settimane precedenti, ossia che avrebbe pagato più tasse di “qualsiasi americano nella storia”.

I fatti principali

  • Domenica sera Elon Musk ha twittato : “Per coloro che se lo chiedono, quest’anno pagherò oltre 11 miliardi di dollari di tasse”.
  • La scorsa settimana, Forbes ha stimato che Musk deve al governo federale almeno 8,3 miliardi di dollari per il 2021.
  • A partire dal 13 dicembre, il miliardario ha venduto quasi 13 miliardi di dollari di azioni Tesla quest’anno. Anche perché la capitalizzazione di mercato della casa automobilistica elettrica è volata oltre i mille miliardi.

Le cifre

244,2 miliardi di dollari. È questo l’attuale patrimonio di Elon Musk, che lo rende in questo momento, secondo la classifica in tempo reale dei miliardari di Forbes, la persona più ricca del mondo. Il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, è al secondo posto, a una distanza di quasi 50 miliardi di dollari.

Il contesto

La scorsa settimana il miliardario, su Twitter, ha litigato con la senatrice Elizabeth Warren, dopo che lei l’aveva accusato di non pagare abbastanza tasse. Nel dettaglio, la Warren ha chiesto di apportare modiche all’attuale codice fiscale del paese, definito “truccato”, per far sì che Musk “paghi effettivamente le tasse e smetta di derubare tutti gli altri”.

La risposta del ceo di Tesla non si è affatta attendere. Prima chiamando la Warren “senatore Karen” e poi affermando che quest’anno pagherà “più tasse di qualsiasi americano nella storia”. Il controllo sui pagamenti delle tasse di Elon Musk non fa altro che seguire le sue continue critiche nei confronti del piano dei democratici, realizzato con l’obiettivo di aumentare le tasse degli americani più ricchi.

Da un’indagine di ProPublica pubblicata a giugno, si evince che Elon Musk negli ultimi anni o ha pagato cifre minime come imposte sul reddito o, addirittura, non le ha pagate affatto. Infatti, anche se tra il 2014 e il 2018 la sua ricchezza personale è aumentata di oltre 13 miliardi di dollari, l’eccentrico miliardario ha pagato un totale di 455 milioni in tasse federali sul reddito. Inoltre, sempre secondo il rapporto, nel 2018 Musk non ha pagato alcuna imposta sul reddito.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti