Tesla ha $ 2 miliardi in bitcoin: è la seconda azienda americana ad aver investito di più

elon musk è in testa alla classifica Forbes Billionaires 2022, la classifica dei miliardari più ricchi al mondo
(Photo by Britta Pedersen-Pool/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Tesla ha rivelato che il valore delle sue partecipazioni in bitcoin è salito fino a quasi 2 miliardi di dollari a fine dicembre. L’azienda guidata dal miliardario Elon Musk ha confermato di non aver venduto criptovalute negli ultimi sei mesi dello scorso. E di aver quindi consolidato la sua posizione di seconda società statunitense con la più grande partecipazione in bitcoin.

Fatti principali

  • Nel suo report annuale pubblicato lunedì, Tesla ha rivelato che il valore di mercato delle sue partecipazioni in bitcoin è salito a 1,99 miliardi al 31 dicembre 2021. Una somma maggiore del suo investimento iniziale di 1,5 miliardi effettuato nel primo trimestre dello scorso. Si tratta di una cifra che rappresenta circa il 10% delle attività liquide della società (inclusi contanti e titoli negoziabili).
  • L’anno scorso Tesla è andata incontro a una perdita contabile di 101 milioni di dollari a causa della volatilità del bitcoin. Tuttavia, sempre nel 2021, ha riportato 272 milioni di dollari di profitti proprio dalla vendita di asset digitali. Inoltre, ha affermato di “credere nel potenziale a lungo termine degli asset digitali, sia come investimento, sia come alternativa liquida al contante”.
  • Secondo Bitcoin Treasuries, con circa 43.200 bitcoin, Tesla possiede la più alta quota di criptovaluta rispetto alle 8 delle prime 10 società che ne detengono di più al mondo. Ma viene surclassata dal confronto con MicroStrategy, la società di analisi dei dati guidata da uno dei fedeli amanti del bitcoin, Michael Saylor, che possiede 125.051 bitcoin per un valore di circa 5,4 miliardi di dollari.
  • Al 1° gennaio, la società di mining di criptovalute, Marathon Digital, deteneva 8.133 bitcoin per un valore di 375,8 milioni di dollari. Mentre Square, azienda del miliardario Jack Dorsey, che ha iniziato ad acquistare bitcoin poco prima di Tesla nell’ottobre 2020, possedeva 8.027 bitcoin per un valore di circa 350 milioni di dollari.
  • Tra le 10 aziende che hanno la più alta quota di bitcoin ci sono anche l’exchange di criptovalute Coinbase (che possiede 4.487 bitcoin per un valore di quasi 200 milioni di dollari). La società di servizi finanziari di asset digitali dell’investitore miliardario Michael Novogratz, Galaxy Digital, (con 4.000 bitcoin per un valore di 173 milioni di dollari). E una serie di piccole società miners, tra cui Hut 8 Mining, Bitfarms, Riot e Hive Blockchain, che possiedono collettivamente quasi 800 milioni di dollari in bitcoin.

LEGGI ANCHE: “Elon Musk mantiene la promessa: “Adesso potete comprare i prodotti Tesla con i dogecoin”

La top 10 di chi possiede più bitcoin

  1. MicroStrategy: 125.051
  2. Tesla: 43.200
  3. Marathon Digital Holdings: 8.133
  4. Square Inc.: 8.027 bitcoin
  5. Capanna 8 Mining Corp: 5.242
  6. Bitfarms Limited: 4.600
  7. Coinbase: 4.487
  8. Riot Blockchain: 4.464
  9. Hive Blockchain: 4.032
  10. Galaxy Digital Holdings: 4.000

In cifre

10 miliardi di dollari. Questo è più o meno quanto hanno investito in bitcoin circa 20 società pubbliche con una capitalizzazione di mercato di oltre mille milliardi di dollari. A renderlo noto è la società di investimento, con sede a Londra, Nickel Digital Asset Management.

Il contesto

La crescente attenzione istituzionale e le recenti paure inflazionistiche hanno permesso alle criptovalute di raggiungere livelli record durante la pandemia, nonostante diversi episodi di volatilità. Per esempio, poco dopo che Tesla, a febbraio, ha annunciato il suo investimento di 1,5 miliardi di dollari in bitcoin, portando la criptovaluta a raggiungere un nuovo record, le quotazioni poi sono subito crollate di quasi il 20% quando Elon Musk, su Twitter, ha detto che i prezzi sembravano “un po’ alti”.

Inoltre, anche se a novembre scorso il bitcoin ha toccato i 69mila dollari, la criptovaluta nell’ultimo anno ha subito altri stop di circa il 20%. Come è accaduto a maggio scorso quando Tesla ha annunciato che avrebbe smesso di investire in bitcoin o di accettarlo come forma di pagamento per le sue auto, perché non sostenibile. Lunedì, il prezzo del bitcoin era di 43.888 dollari, più del 13% da inizio anno, ma il 35% in meno dal suo massimo storico.

Quello che non sappiamo

Non sappiamo se e quando Tesla investirà ancora una volta in bitcoin o lo accetterà come forma di pagamento. Lunedì, l’azienda ha affermato che “potrebbe aumentare o diminuire le disponibilità di asset digitali in qualsiasi momento”, in base al mercato e alle condizioni ambientali, ma non ha fornito ulteriori dettagli sul suo futuro di criptovaluta.

I contro

“Investire in bitcoin mette la liquidità di un’azienda a rischio di volatilità non necessaria e potenziali perdite”, ha scritto nei commenti via email la scorsa settimana Jerry Klein, amministratore delegato di Treasury Partners, società di consulenza da 19 miliardi di dollari. Le regole contabili richiedono alle società di vedere il bitcoin come un bene immateriale, dice Klein, il che significa che le aziende devono scrivere il valore se il prezzo diminuisce, ma non possono scrivere il valore se il prezzo si apprezza. “Questo crea una situazione senza vittorie dal punto di vista contabile”, osserva.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.