Leonardo e Fincantieri volano in Borsa. Continua il crollo delle banche e del rublo

russia ucraina, in borsa vola fincantieri e leonardo
Una fregata della classe Bergamini di Fincantieri (Courtesy Fincantieri)
Share

In attesa di conoscere l’esito dell’incontro tra la delegazione russa e ucraina, al quale sta assistendo il patron del Chelsea Roman Abramovič, sono diversi gli spunti che sta offrendo la seduta giornaliera di Borsa. Dal continuo calo del rublo e dei principali indici europei, spinti ancora al ribasso dai titoli bancari, fino ad arrivare al rally di Leonardo e Fincantieri che, invece, stanno beneficiando dell’evoluzione del conflitto e della decisione dei governi della Nato di estendere i propri aiuti militari all’Ucraina.

LEGGI ANCHE: “Abramovich lascia la gestione del Chelsea alla Fondazione. Ma non intende vendere”

Russia-Ucraina: le reazioni di oggi in Borsa

  • La guerra tra Russia e Ucraina continua a monopolizzare l’attenzione dei mercati. Con la Borsa di Mosca chiusa fino ad ulteriori comunicazioni, i principali indici europei stanno facendo registrare una nuova giornata all’insegna del segno rosso. Il Ftse Mib di Milano, l’Eurostoxx e il Cac 40 di Parigi stanno cedendo poco più del 3%, il Dax di Francoforte è in discesa del 2,4%, l’Ibex 35 di Madrid dell’1,88%, l’Aex di Amsterdam e il Ftse 100 di Londra di più dell’1,5%.
  • Apre in rosso anche Wall Street. Soffre di più il Dow Jones che sta cedendo un punto e mezzo percentuale.
  • A Piazza Affari i titoli bancari sono quelli che stanno soffrendo maggiormente. In particolare, UniCredit, dopo la momentanea sospensione delle contrattazioni, sta cedendo più del 12%. Di contro, Leonardo e Fincantieri si stanno sfidando per conquistare la maglia rosa della seduta odierna, con guadagni rispettivi del 15 e del 20 per cento.
  • Dopo aver toccato in mattinata i minimi storici, superando la quota di 100 dollari, adesso, il rublo è in calo del 18%, attestandosi a 98,3 dollari.
  • Guardando alle materie prime, il petrolio torna nuovamente in auge. Con il Brent che è salito nuovamente oltre i 100 dollari al barile, mentre il Brent Wti a 95,5 dollari al barile. E se l’oro si conferma ancora oltre i 1.900 dollari l’oncia, il prezzo del gas continua a volare, attestandosi a 116,49 euro (+25%). In salita anche i prezzi delle materie prime alimentari. In particolare del grano, del mais e della soia.

Il contesto

La decisione di escludere selettivamente le principali banche russe dal sistema Swift, e di congelare le riserve in valuta estera della Banca centrale russa, sta penalizzando anche le banche europee, dato che hanno un’importante esposizione diretta e indiretta alla Russia. Come già accaduto giovedì scorso, oltre all’austriaca Reiffeisen e alla francese Société Générale che stanno cedendo in Borsa rispettivamente il 15 e l’11 per cento, al Ftse Mib di Milano Unicredit sta andando incontro a un calo di oltre il 12%. Seguita da Intesa Sanpaolo (-8%), e da Banca Mediolanum e Bper che sono in calo di poco oltre il 5%.

Discorso inverso, invece, per i titoli attivi nel settore degli armamenti e della difesa militare. Dato che stanno aumentando sensibilmente le spese dei singoli stati, tra cui l’Italia, per aiutare l’Ucraina in queste ore. Oltre a Leonardo e Fincantieri, che stanno registrando una crescita di oltre il 15%, sono da evidenziare i rally della francese Thales, della britannica Bae System, che volano oltre il 10%, e, infine, della tedesca Rheinmetall, che sta guadagnando più del 20%. Dimostrazione ulteriore, affermano gli analisti, che si sta rilevando di particolare impatto la decisione della Germania di stanziare 100 miliardi per rafforzare l’esercito in risposta all’invasione russa.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.