Chi sono gli oligarchi russi che stanno chiedendo la fine della guerra in Ucraina

Vladimir Putin e Oleg Deripaska. Alcuni miliardari russi stanno esprimendo il loro dissenso nei confronti della guerra in Ucraina.(Photo by Wang Zhao-Pool/Getty Imgaes)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Mentre gli Stati Uniti e l’Europa aumentano le sanzioni contro le personalità più ricche della Russia, promettendo di “dare la caccia” ai loro yacht e ville, gli oligarchi che si sono arricchiti rimanendo fedeli al presidente Vladimir Putin stanno iniziando a esporsi contro l’invasione dell’Ucraina. 

Le critiche indirette a Putin

Nessuno ha fatto riferimento direttamente a Putin, ma le dichiarazioni pubbliche che chiedono la pace sono un segnale di dissenso senza precedenti contro il leader autocratico. Mikhail Fridman, nato in Ucraina, è il fondatore di Alfa Bank, la più grande banca privata russa. Secondo il Financial Times, è diventato il primo oligarca a esprimersi contro gli ordini di invasione del presidente russo Vladimir Putin.

“Non faccio dichiarazioni politiche, sono un uomo d’affari con responsabilità nei confronti delle mie migliaia di dipendenti in Russia e Ucraina. Sono convinto però che la guerra non potrà mai essere la risposta. Questa crisi costerà vite e danneggerà due nazioni che sono state sorelle per centinaia di anni”, ha scritto in un’e-mail ai membri dello staff della sua società di private equity LetterOne che in seguito è diventata pubblica.

Nel messaggio ha citato il proprio passato: Fridman ha vissuto nell’Ucraina occidentale fino all’età di 17 anni. Entrambi i suoi genitori sono cittadini ucraini, che vivono a Leopoli, che ha definito la sua ‘città preferita’. Leopoli è una delle città prese di mira dall’esercito russo. Lunedì l’Unione Europea ha sanzionato personalmente Fridman, attraverso il congelamento dei suoi beni e il divieto di viaggiare.

LEGGI ANCHE: “Chi sono i 20 miliardari più ricchi della Russia”

“Porre fine a tutto questo capitalismo di Stato”

Il suo socio in affari, Alexey Kuzmichev, ha detto a Forbes Russia di essere d’accordo con Fridman, ma ha aggiunto “Non farò dichiarazioni politiche”. Allo stesso modo, Oleg Deripaska, che ha costruito la sua fortuna attraverso le materie prime russe, ha chiesto la fine della guerra in un post su Telegram, chiedendo la pace. “Il mondo è molto importante! I negoziati devono iniziare il prima possibile!”, ha scritto. Lunedì ha definito la situazione economica in rapido deterioramento in Russia una “vera crisi” e ha sollecitato maggiori riforme economiche. “È necessario cambiare la politica economica, porre fine a tutto questo capitalismo di stato”, ha scritto.

Poi lunedì, lo stesso giorno in cui è stato colpito dalle sanzioni dell’Ue, la persona più ricca della Russia, il barone d’acciaio Alexei Mordashov, ha definito i combattimenti una “tragedia di due popoli fratelli” e ha affermato che bisogna fare tutto il necessario per uscire dal conflitto e per fermare lo spargimento di sangue. “È terribile che ucraini e russi muoiano, la gente stia soffrendo, l’economia stia crollando. Dobbiamo fare tutto il necessario affinché si trovi una via d’uscita a questo conflitto il più presto possibile e lo spargimento di sangue si interrompa per ridare alle persone colpite una vita normale”, ha affermato il miliardario. “Non ho assolutamente nulla a che fare con le attuali tensioni geopolitiche. Non capisco perché siano state imposte sanzioni contro di noi”, ha aggiunto.

Le parole di Oleg Tinkov

Anche altri miliardari russi hanno chiesto la fine della guerra. Il miliardario Oleg Tinkov, il fondatore della Tinkoff Bank, che sta lottando contro il cancro, ha affermato che la sua malattia gli ha offerto una nuova prospettiva sulla fragilità della vita umana. “In Ucraina stanno morendo persone innocenti, ogni giorno, questo è impensabile e inaccettabile! Gli stati dovrebbero spendere soldi per curare le persone, per la ricerca per sconfiggere il cancro e non per la guerra”, ha affermato.

Dmitry e Igor Bukhman, i fratelli proprietari dello sviluppatore di videogiochi Playrix, che produce giochi gratuiti per app mobili come Homescapes e Fishdom, hanno detto che darebbero a ciascuno dei loro 4.000 dipendenti uno stipendio extra e hanno sottolineato che la violenza non potrà mai essere la soluzione a un problema. “È difficile rimanere in silenzio davanti a questa situazione, perché quello che sta accadendo è una grande tragedia per tutti, compresa la nostra azienda. Era difficile persino immaginarlo”, hanno scritto i fratelli in un post su Facebook.

Igor Rybakov, il miliardario comproprietario del produttore di coperture e isolamento Technonicol, ha dichiarato la scorsa settimana attraverso un video pubblicato sul suo canale YouTube di capire che “il punto di non ritorno è stato superato e questa sarà una grande storia che toccherà la vita di milioni di persone . È triste.” Allo stesso tempo, come ha riportato Forbes Russia, ha chiesto ai cittadini di non farsi prendere dal panico e di acquistare titoli deprezzati di società russe. “Tutto questo mi fa incazzare. Voglio che tutta questa incertezza finisca”, ha aggiunto.

Altri sono rimasti in silenzio

Il significato di queste affermazioni ha una grande rilevanza. Sono passati quasi vent’anni da quando l’allora l’uomo più ricco della Russia, Mikhail Khodorkovsky, è stato criticato da Putin e successivamente messo in prigione per presunta evasione fiscale dopo aver finanziato i partiti di opposizione. (Ha negato tutte le accuse). Da allora un numero esiguo di oligarchi ha osato opporsi a Putin. Lo stesso Khodorkovsky ha esortato i russi a scendere in piazza, dicendo su Instagram che “la guerra contro l’Ucraina deve essere fermata a ogni costo”.

È impossibile sapere se questi miliardari siano sinceri nelle loro richieste di porre fine ai combattimenti, o se si tratti di una risposta per evitare ulteriori sanzioni o la paura per un’economia al collasso.

Eppure ci sono molti che devono ancora parlare. Roman Abramovich, il miliardario proprietario della squadra di calcio inglese del Chelsea, ha affidato la “gestione” (ma non la proprietà) della squadra a una Fondazione di beneficenza ma non si è schierato pubblicamente. Secondo quanto riferito è stato coinvolto nei colloqui di pace in Bielorussia lunedì dopo che il governo ucraino ha chiesto il suo aiuto. (Secondo quanto riferito dalla giornalista britannica Carole Cadwalladr, sua figlia Sofia Abramovich ha pubblicato un post contro la guerra sui social media). Il resto dei miliardari russi, inclusi molti sanzionati dall’Ue lunedì, come il primo investitore di Facebook Alisher Usmanov, rimangono in silenzio. 

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.