abramovich-yacht
Miliardari

Abramovich perde il ricorso contro l’Ue: confermate le sanzioni

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Il miliardario russo Roman Abramovich non è riuscito a revocare le sanzioni dell’Unione Europea imposte su di lui in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin. Un altro duro colpo per uno dei cittadini più ricchi della Russia dopo che il governo britannico lo ha costretto a vendere il Chelsea Football Club e ha posto fine alla sua corsa quasi ventennale al il timone della squadra.

LEGGI ANCHE: “Chelsea, petrolio, sigarette al mercato nero e yacht persi a poker: la storia di Roman Abramovich”

Fatti principali

  • Secondo i documenti, il Tribunale dell’Unione Europea a Lussemburgo ha respinto il ricorso legale di Abramovich contro le sanzioni dell’Ue impostegli all’indomani dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.
  • La corte ha respinto la tesi del miliardario secondo cui era stato ingiustamente preso di mira dai funzionari e ha affermato che “non è riuscito a dimostrare” che la sua inclusione nella lista delle sanzioni fosse illegale.
  • La corte ha affermato che l’Ue aveva ragione a includere Abramovich nella lista delle sanzioni in quanto uomo d’affari influente, data la sua posizione di uno dei principali azionisti del colosso siderurgico Evraz, uno dei maggiori contribuenti della Russia.
  • La sua sentenza ha confermato le restrizioni imposte ad Abramovich, tra cui il congelamento dei suoi beni e il divieto di viaggiare all’interno o attraverso il blocco.
  • La corte ha inoltre respinto le affermazioni di Abramovich secondo cui le sanzioni erano sproporzionate e violavano i suoi diritti, oltre a respingere la sua richiesta di risarcimento per danni alla reputazione.
  • In una dichiarazione rilasciata a nome di Abramovich e riportata da Reuters, il miliardario si è detto deluso dalla sentenza e ha rifiutato l’idea di trarre vantaggio dal governo russo, aggiungendo che “non ha la capacità di influenzare il processo decisionale di nessun governo”. , compresa la Russia, e non ha in alcun modo beneficiato della guerra (in Ucraina).”

A cosa guardare

Abramovich può presentare ricorso contro la sentenza della corte. Non è ancora chiaro se lo farà. Nella dichiarazione rilasciata a suo nome, ha affermato che la corte non ha considerato alcuni degli argomenti a sostegno della sua inclusione nell’elenco delle sanzioni proposto dal Consiglio Ue. “La decisione del tribunale di mantenere le sanzioni contro il signor Abramovich si basava esclusivamente sulla definizione del signor Abramovich da parte del tribunale come un ‘uomo d’affari russo’, cosa che secondo le normative europee molto ampie di oggi è sufficiente per rimanere sanzionato, anche se sei solo un azionista passivo di un’azienda senza alcun collegamento con la guerra”, si legge nel comunicato, secondo la Reuters.

LEGGI ANCHE:Perché le sanzioni non hanno davvero colpito i patrimoni degli oligarchi russi”

Sullo sfondo

Abramovich era tra le tante persone dell’élite russa sanzionate dall’Ue e da altre potenze occidentali in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca. Le sanzioni, che spesso includevano divieti di viaggio e congelamento dei beni, sono una delle tante misure adottate dai governi occidentali nel tentativo di aumentare la pressione sulle figure chiave di Mosca e di restringere le casse del Cremlino. All’epoca, l’Ue affermò che Abramovich era un importante uomo d’affari russo e “una sostanziale fonte di entrate per il governo della Federazione Russa”.

LEGGI ANCHE: “Perché la Turchia potrebbe diventare il prossimo rifugio degli oligarchi russi”

Diceva che aveva beneficiato dei suoi legami con “i decisori russi responsabili dell’annessione della Crimea o della destabilizzazione dell’Ucraina”, in particolare dei suoi “legami lunghi e stretti con Vladimir Putin”, che gli hanno permesso di “mantenere la sua considerevole ricchezza”. Abramovich, che ha strenuamente negato di aver tratto vantaggio dall’invasione di Putin, è stato preso di mira anche dal governo del Regno Unito, dove alla fine è stato costretto a vendere il Chelsea Football Club, che possedeva da quasi 20 anni.

La valutazione di Forbes

$ 9 miliardi. Questo è quanto Forbes stima che valgano Abramovich e la sua famiglia. La fortuna di Abramovich, che deriva in gran parte dalle sue partecipazioni nel colosso dell’acciaio Evraz e nel produttore di nichel Norilsk Nickel, lo rende una delle persone più ricche della Russia.

LEGGI ANCHE:Da Manhattan alla Costa Smeralda: ecco dove hanno casa i miliardari russi sanzionati”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .