L’idea del portale Mymovies che apre il mondo dei festival cinematografici allo streaming

Il fondatore e ceo di MYmovies Gianluca Guzzo (Photo by Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)
Share

Entrare nelle sale cinematografiche dei grandi festival senza muoversi da casa. Ecco l’idea ‘detto-fatto’ di Mymovies durante la crisi da emergenza pandemica: il portale dedicato al mondo del cinema ha confermato da subito la propria vocazione a porsi dalla parte del pubblico, sostenendo con determinazione il settore cinematografico (sia teatrale che degli spettacoli dal vivo) con una risposta concreta alla voglia di cinema e di socialità attraverso la piattaforma streaming dedicata Mymovieslive

Quest’ultima nasce nel 2010 con il film La bocca del lupo di Pietro Marcello: per la prima volta in Italia un film viene reso disponibile su Internet prima che al cinema. La piattaforma streaming di Mymovies ha la peculiarità di permettere la visione di un film online simulando l’esperienza collettiva di una proiezione cinematografica.

Un’opportunità per raggiungere un pubblico più ampio

La sala web è diventata in pochissimi mesi il luogo virtuale del cinema e, in particolare, di tanti festival italiani che hanno visto nella proposta online un’opportunità per raggiungere un pubblico sempre più ampio: ed è così che molte iniziative nate sul territorio, grazie allo streaming, si sono estese in tutta Italia riuscendo a far coesistere l’esperienza fisica e quella virtuale, per oltrepassare i confini territoriali e proporre una selezione che vada a integrarsi e ad arricchire quella in presenza.

LEGGI ANCHE: Cinema e non solo: i progetti della società di produzione Fenix Entertainment tra musica ed eventi di lusso

I festival superano i propri limiti

La proposta funziona, a dimostrazione che una community di appassionati dei festival esiste, così come esiste un pubblico per il cinema di qualità. I numeri registrati dal sito sono straordinari: “Quest’anno i festival hanno avuto un’esposizione mai raggiunta prima” ha dichiarato Gianluca Guzzo, amministratore delegato e cofondatore del sito di cinema più influente d’Italia. “In quest’ottica, l’online diventa non solo un luogo di fruizione, ma anche di promozione degli eventi, che può spingere gli spettatori a voler vivere l’esperienza festivaliera recandosi direttamente sul territorio. Modalità in presenza e online hanno grandissime potenzialità, perché l’integrazione rappresenta per i Festival una crescita e un superamento dei limiti”.

L’abbonamento Mymovies One e le opzioni disponibili

Alla luce dei risultati ottenuti, in occasione dell’inaugurazione della 39ma edizione del Torino Film Festival, è nato il Mymovies One, il primo abbonamento unico per la fruizione dei migliori festival e dei canali con una library esclusiva di film in costante aggiornamento: “Sono estremamente orgoglioso dell’offerta che siamo riusciti a formulare – ha aggiunto Guzzo – La proposta Mymovies One è resa possibile grazie a uno spirito di squadra costruito in un periodo di profonda crisi del mercato e grazie a una collaborazione consolidata con tutti i festival che hanno creduto nelle nostre potenzialità, coinvolgendo i migliori selezionatori. Questo è un valore aggiunto unico per una piattaforma streaming: persone vs algoritmi”.

Gli utenti avranno la possibilità di scegliere tra due differenti opzioni: la sottoscrizione di un accredito per i singoli festival online o, in alternativa, scegliere la speciale formula Mymovies One che permette di accedere ai grandi Festival online e alle più esclusive piattaforme di cinema indipendente. 

LEGGI ANCHE: Tutti pazzi per gli eSport: dalla eSerie A Tim, ai nuovi attori. Le nuove frontiere di un business multimiliardario

Gli altri canali compresi nell’abbonamento

Inclusi nell’abbonamento One saranno, infatti, sempre disponibili i canali online di alcuni tra più importanti Festival italiani: Biennale Cinema Channel, che comprende una selezione di titoli premiati, di rivelazioni e di opere inedite della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e Fareaststream, con il meglio del cinema asiatico a cura del Far East Film Festival. I corti più acclamati del panorama nazionale e internazionale della piattaforma Myreaload e poi Sci-fi Club, con una selezione del Trieste Science+Fiction Festival per i fan della fantascienza. Infine, il canale online del Festival dei Popoli 2021, in programma fino al 28 novembre e tantissime altre piattaforme di cinema indipendente consultabili qui. Attivando fin da subito l’abbonamento One sarà inclusa anche la ricca selezione streaming del 39mo Torino Film Festival. 

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.