La prima edizione dell’academy di Sisal che aiuta i giovani imprenditori a sviluppare nuove idee

Share

Un percorso di formazione gratuito e online, dedicato ai giovani imprenditori del futuro, realizzato da Sisal in collaborazione con Feltrinelli Education. Il progetto, alla prima edizione, si chiama GoBeyond Academy ed è uno strumento di supporto ad un mondo, quello dell’imprenditoria giovanile, che a livello nazionale necessita di una forte accelerazione.

Dopo anni di attività a sostegno delle startup con la call for ideas GoBeyond infatti, Sisal ha voluto arricchire il proprio impegno attraverso l’hub digitale GoBeyond Academy con l’obiettivo di sviluppare e contribuire a diffondere quella mentalità positiva, coraggiosa, innovativa e sostenibile che sta alla base delle aziende del futuro.

L’Academy che supporta l’impresa innovativa

GoBeyond si trasforma così in un programma permanente di supporto all’imprenditoria innovativa, ponendosi come punto di riferimento per l’ecosistema delle startup in Italia a 360°, contribuendo attivamente al miglioramento del sistema Paese, aiutando concretamente i giovani imprenditori a sviluppare nuove idee che sappiano contribuire a costruire un futuro sempre più responsabile.

L’Academy è destinata alla startup community di GoBeyond, a tutti gli appassionati del mondo dell’innovazione e a tutta la community di startupper a livello italiano. Il percorso è pensato per supportare anche i partecipanti delle prossime edizioni  con l’obiettivo di far evolvere la propria idea di business trasformandola in un progetto concreto e di successo.

Il percorso formativo prevede 11 moduli, suddivisi in 3-4 video pillole da 15 minuti ciascuna, focalizzati su temi come l’imprenditorialità, il business plan e l’impatto del business. Ad accompagnare gli studenti nel corso delle lezioni, ci saranno 11 docenti d’eccellenza selezionati da Feltrinelli Education, con un background eterogeneo e altamente qualificato, provenienti dal mondo accademico, dell’innovazione e dell’imprenditoria.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.