Renzo Rosso sfida Arnault e Pinault: un “fashion empire” italiano contro i colossi francesi

Renzo Rosso. (Photo by Pietro D’Aprano/Getty Images for Diesel)
Share

Parla di un nuovo “fashion empire” la testata Business of Fashion, riferendosi al progetto di Renzo Rosso di creare un conglomerato del lusso. Che potrà dare filo da torcere ai rivali francesi, Lvmh e Kering, rispettivamente capitanati da Bernard Arnault (per Forbes il suo patrimonio è pari a 144,8 miliardi di dollari ed è al terzo posto della Forbes Billionaires 2022), e François Pinault (patrimonio di 32,9 miliardi e al 32esimo posto della Forbes Billionaires 2022). Il disegno era comunque noto da tempo. Già da aprile 2021, il presidente della holding OTB (sotto il suo cappello Diesel, Marni, Margiela, Jil Sander e e Viktor & Rolf) aveva palesato infatti il suo interesse per la creazione di un polo del lusso.

LEGGI ANCHE: Renzo Rosso conferma l’obiettivo di quotazione della sua Otb

Cosa ha detto Renzo Rosso a Business of Fashion

Oltre a confermare i piani per la quotazione in Borsa, prevista entro il 2025, l’imprenditore vicentino ha confermato quindi l’intenzione di creare una realtà aggregata della moda, e che per far questo dovrà completare nuove acquisizioni di realtà del settore. “Deve essere qualcosa di grande, altrimenti non ha senso”, ha detto Rosso a Bof dallo showroom Diesel a Milano. “Le banche mi stanno supportando. Dicono: ‘Sogna, Renzo!'”

La crescita di Otb: da Margiela all’acquisizione di Jil Sander

Negli ultimi anni, oltre a consolidare il business di Maison Margiela, acquisita nel 2002, il gruppo ha acquisito il 20% del brand di Los Angeles Amiri, e lo scorso marzo il marchio Jil Sander, di proprietà del gruppo giapponese Onward Holdings. Certo, il manager sa che, al momento, non può competere coi colossi francesi. Ma forte di un’esperienza di ben 44 anni nel settore, ha riportato Diesel, marchio fondato nel 1978, al centro della scena dopo la nomina nel 2020 del nuovo direttore creativo Glenn Martens.

Anche se alcune realtà a cui sarebbe interessato (come la maison parigina Jacquemus) non sono in vendita, sta tenendo d’occhio marchi come Rick Owens e Casablanca, la cui popolarità è cresciuta nelle ultime stagioni.

Un approccio pioneristico e internazionale

Negli ultimi anni, la presenza di Rosso nell’industria della moda è emersa anche nell’ambito di iniziative a sostegno della filiera del “Made in Italy”. A giugno dello scorso anno, era stato chiamato infatti da Confindustria per guidare un’iniziativa che aveva lo scopo rilanciare il bello e ben fatto italiano.

Inoltre, sempre nel 2021 si era unito come membro fondatore ad Aura Blockchain, piattaforma globale dedicata al lusso, accompagnando maison quali Cartier e Prada.

Non è mancata la tecnologia: a novembre 2021 Otb ha battezzato una newco, Bvx-Brave Virtual Xperience, che si occupa dello sviluppo di progetti e contenuti destinati alla realtà virtuale, e nello specifico al metaverso, la cui domanda di mercato potrebbe raggiungere secondo una ricerca condotta da Morgan Stanley i 50 miliardi di dollari entro il 2030.

Chi era Renzo Rosso prima di diventare miliardario

Oggi è un imprenditore che per Forbes ha un patrimonio netto di 2,9 miliardi (circa 2,7 miliardi di euro). Ma gli inizi non sono stati affatto semplici: nato in una fattoria del Veneto, dove ha ancora sede la sua azienda, prima di fondare Diesel Rosso ha abbandonato gli studi per lavorare in una fabbrica di jeans.

All’età di 15 anni ha preso in prestito la macchina da cucire di sua madre e ha realizzato il suo primo capo di abbigliamento: un paio di pantaloni a zampa. Successivamente si è avvicinato al guru del denim Adriano Goldschmied entrando nell’azienda manifatturiera italiana Moltex, che ha ribattezzato Diesel nel 1978. Sette anni dopo, ha rilevato la partecipazione di Goldschmied e ha posizionato Diesel nel luxury denim. Il veicolo di investimento della sua famiglia, Red Circle, possiede infine partecipazioni in diversi settori, dalle app ai produttori di occhiali.

Nel 2021, Otb ha registrato un fatturato netto di 1,5 miliardi di euro, in aumento del 18% rispetto al 2020, e in linea con i livelli del 2019.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti