In 10 anni la miliardaria Sheryl Sandberg si è liberata del 92% delle sue azioni Facebook

Sheryl_Sandberg
(Justin Sullivan/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Sheryl Sandberg è da oltre un decennio una delle più grandi sostenitrici di Facebook. Da quando è entrata a far parte della piattaforma social come direttrice operativa nel 2008, ha svolto un ruolo cruciale nel trasformare Facebook (ora chiamato Meta Platforms) nella potenza tecnologica che è oggi. Ha aiutato fin dall’inizio con la strategia pubblicitaria e ha difeso Facebook in numerosi scandali che ha dovuto affrontare, diventando uno dei suoi dirigenti più esposti e costruendo un patrimonio stimato di 1,6 miliardi di dollari.

Ma la dirigente di Meta, che mercoledì ha annunciato che si dimetterà in autunno, dal 2012 – anno in cui Facebook è diventata una società quotata – si è progressivamente liberata in modo pesante delle sue azioni. Forbes calcola che Sandberg si è separata dal 92% delle azioni che possedeva a marzo 2013, per un valore di oltre 2 miliardi di dollari.

Vendute finora 1,8 miliardi di dollari di azioni

Sandberg, uno dei primi dirigenti di Facebook, reclutata dal fondatore Mark Zuckerberg da Google, dove era vicepresidente delle vendite e delle operazioni online globali, possedeva quasi 17,9 milioni di azioni a marzo 2013. In un anno ha scaricato circa il 30% della sua partecipazione; un ulteriore 42% delle sue azioni è stato venduto o regalato nel periodo fino al 2015. Le sue vendite di azioni hanno iniziato a rallentare nel 2016 prima di fermarsi alla fine del 2019, nonostante il prezzo delle azioni di Meta abbia raggiunto il massimo storico alla fine del 2021. Sandberg non vende azioni da ottobre 2019.

In totale, secondo documenti pubblici citati da FactSet,  Sandberg ha venduto fino a oggi azioni Meta per un valore di oltre 1,8 miliardi di dollari. La dirigente ha anche donato circa 350 milioni di dollari di azioni Meta Platforms (oltre a 30 milioni di dollari di azioni SurveyMonkey) a fondi consigliati dai donatori, principalmente a Sheryl Sandberg & Dave Goldberg Family Fund. Una volta fatta la donazione è difficile capire in che modo siano impiegati i soldi.

Solo 32 milioni di dollari a gruppi no profit

Come riportato da Forbes alla fine del 2019, sembra che solo una piccola parte del denaro del fondo consigliato dal donatore sia stato a sua volta trasferito in LeanIn.org e OptionB.org, due gruppi no profit che Sandberg ha avviato. Dal 2013 al 2019, secondo un’analisi di Forbes sugli archivi pubblici, LeanIn e OptionB hanno ricevuto 32 milioni di dollari da Sandberg tramite The Sheryl Sandberg e Dave Goldberg Family Fund. Inoltre,  il denaro non sembra essere andato ad altre organizzazioni no profit.

Un portavoce di Sandberg non ha risposto alle domande di Forbes, ma ha detto alla CNBC che la dirigente ha ricevuto 48 milioni di azioni, opzioni e azioni limitate mentre era a Meta e di averne vendute 42 milioni. Circa 22 milioni sono state vendute attraverso un programma di vendita pre-programmato 10b5-1 e altri 20 milioni sono state vendute a fini fiscali. Sandberg ha poi regalato 4,9 milioni di azioni, di cui 2,8 milioni ai fondi da lei consigliati e 2,1 milioni come trasferimenti irrevocabili a trust per i beneficiari.

Il 75% della ricchezza di Sandberg proviene dalla vendita delle azioni

Sandberg ha ancora circa 1,4 milioni di azioni in Meta, ovvero meno dello 0,1% della società. Le azioni valgono poco meno di 290 milioni di dollari al prezzo di chiusura delle azioni di Meta giovedì e secondo le stime di Forbes rappresentano circa il 17% del suo patrimonio netto. Circa il 75% della ricchezza di Sandberg proviene dalla vendita di azioni di Facebook nel corso degli anni. Sandberg possiede anche quasi 8,9 milioni di azioni di Momentive Global, società madre di SurveyMonkey, di cui il suo defunto marito, Dave Goldberg (morto nel 2015), era l’amministratore delegato.

Sandberg sta per ora mantenendo il suo posto nel consiglio di amministrazione di Meta, ma ha dichiarato di aver intenzione di concentrarsi sulla sua famiglia e sul lavoro filantropico. Sicuramente ha i soldi per farlo. “Questo non è un lavoro che lascia molto spazio a molto altro”, ha detto a Forbes in un’intervista sulle sue dimissioni. “Voglio poter gestire il mio tempo in maniera diversa”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.