Da Bono Vox a Mendeleyev, ecco i cinque libri consigliati da Bill Gates per le festività natalizie

Share

Problemi con i regali di Natale? Niente paura. Giusto in tempo per le festività, arrivano i consigli di lettura di Bill Gates. Da sempre un avido consumatore di libri, il miliardario fondatore di Microsoft pubblica periodicamente sul suo blog GatesNotes i volumi che secondo lui non dovrebbero mancare in nessuna libreria e quest’anno ha deciso di esagerare, scegliendo cinque dei suoi preferiti in assoluto. La selezione natalizia 2022 è molto eclettica e indaga su alcuni dei temi più profondi dell’umanità: lo spirito di scoperta, la capacità di collaborazione e la contemplazione di un potere superiore.

Strangers in a Strange Land di Robert Heinlein

Il romanzo segue Michael Valentine Smith, un giovane allevato su Marte dai marziani, che torna sulla Terra. Nella futuro immaginato da Heinlein, le religioni sono politicamente molto più influenti di quanto non lo siano nella realtà. Ciò ispira Smith a fondare un suo credo, la Church of All Worlds. Gates loda la descrizione che lo scrittore fa di questa dottrina, in cui si incita alla sessualità aperta e all’unità con l’ambiente circostante. Il libro non ha un vero e proprio finale. “Sta a noi decidere cosa succede dopo”, dice Gates. “Proprio come nella vita reale”.

The Inner Game of Tennis di Timothy Gallwey

Allenatore di tennis di successo, considerato uno dei fondatori del Coaching, Gallwey sostiene che esistano due componenti nel mondo della racchetta: il gioco esteriore, quello fisico, e quello interiore, più mentale. Mentre il primo può cambiare, il secondo è fondamentale: se i giocatori sono troppo autocritici, rischiano di sabotare le proprie prestazioni sul campo. “Dobbiamo imparare dai nostri errori senza farci ossessionare da essi”, è l’insegnamento che ne ha tratto Gates. Il miliardario sostiene che questa lezione abbia fortemente influenzato il suo modello di gestione di Microsoft, aiutandolo a trattare gli errori come problemi da risolvere piuttosto che come fallimenti da castigare.

Mendeleyev’s Dream di Paul Strathern

In questo libro Strathern cataloga le scoperte scientifiche che hanno portato alla creazione della tavola periodica degli elementi da parte di Mendeleyev (o Mendeleev). È noto come Gates sia un grande fan della scoperta dello scienziato russo, a cui ha dedicato un’intera parete del suo ufficio. Secondo il fondatore di Microsoft, l’enfasi dello scrittore sull’evoluzione della chimica e su come si è sviluppata, prima dall’alchimia e poi dalla religione, è un formidabile esempio di come una scoperta possa portare a innumerevoli altre: “Poichè comprendiamo gli atomi, possiamo creare chip e software, e quindi intelligenza artificiale. Tutte le complessità dell’universo derivano dal grafico di Mendeleyev”.

Surrender di Bono

È l’autobiografia di Paul Hewson, conosciuto in tutto il mondo come Bono, in cui il cantante irlandese racconta in maniera profonda e sensibile la sua carriera. Nonostante Gates e il leggendario frontman degli U2 siano amici di lunga data, il libro contiene molte storie che il fondatore di Microsoft non aveva mai sentito.

Team of Rivals: il genio politico di Abraham Lincoln di Doris Kearns Goodwin

Il racconto della scrittrice e storica statunitense è incentrato sull’elezione di Lincoln a Presidente degli Stati Uniti nel 1860. Dopo la vittoria alle urne, Lincoln riempì il suo gabinetto di rivali politici. Persone con cui poi salvò l’Unione. Sebbene alcuni critici moderni abbiano messo in dubbio la posizione di Lincoln sulla questione razziale, Gates non ha dubbi: “Una volta finito il libro ero più convinto che mai che fosse un uomo di grande caratura morale, il più grande presidente della storia degli Stati Uniti”. Il miliardario ne loda soprattutto la sicurezza intellettuale, che gli ha permesso di avvalersi dell’aiuto dei rivali e di imparare dai suoi errori. Per Gates, la storia di Lincoln è estremamente attuale. Come nel 1860 infatti, l’America è alle prese con insurrezioni, ideologie e quesiti morali. In termini politici, “Abraham Lincoln è un grande modello da seguire”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.