Airbus vola verso l’obiettivo zero emissioni: dalla partnership con Renault al motore a idrogeno

airbus
Share

Volare verso un futuro sostenibile e a zero emissioni. Sembra essere questa la nuova rotta intrapresa da Airbus, e presentata in occasione della due giorni dell’Airbus Summit 2022.

Durante la prima giornata, andata in scena ieri, la società francese ha presentato infatti tre importanti novità proprio in questa direzione: l’avvio di una partnership con la connazionale Renault per la maturazione delle tecnologie associata ai sistemi di batterie di prossima generazione, lo sviluppo di un motore a celle a combustibile alimentato a idrogeno, e la creazione di un suo DisruptiveLab, un nuovo laboratorio volante progettato per testare tecnologie destinate a migliorare le prestazioni degli aerei e ridurre le emissioni di CO2 degli elicotteri. Ma andiamo con ordine.

LEGGI ANCHE: “Ecco l’Airbus ACH160, l’elicottero vip “dei prossimi 50 anni” pensato per l’Italia. Costa 13 milioni”

Airbus e la partnership con Renault

Come specificato da Airbus, la partnership con Renault mira a rafforzare le trasversalità e le sinergie per accelerare le roadmap di elettrificazione di entrambe le aziende, migliorando le rispettive gamme di prodotti. Nel dettaglio, le due società uniranno le forze per maturare le tecnologie relative all’immagazzinamento dell’energia, che rimane uno dei principali ostacoli allo sviluppo di veicoli elettrici a lungo raggio.

L’accordo di cooperazione riguarderà in particolare i mattoni tecnologici relativi all’ottimizzazione della gestione dell’energia e al miglioramento del peso delle batterie, e cercherà i percorsi migliori per passare dalle attuali chimiche delle celle (ioni di litio avanzati) a tutti i progetti a stato solido che potrebbero raddoppiare la densità energetica delle batterie entro il 2030.

Il lavoro congiunto studierà anche l’intero ciclo di vita delle future batterie, dalla produzione alla riciclabilità, al fine di preparare l’industrializzazione di questi progetti di batterie future, valutando al contempo la loro impronta di carbonio nell’intero ciclo di vita. La partnership, quindi, svolgerà un ruolo importante nel cambiamento del panorama dei trasporti, contribuendo con successo all’ambizione di emissioni nette zero entro il 2050, sia nel settore automobilistico che in quello aeronautico.

Il nuovo motore

Riguardo lo sviluppo di un nuovo motore a celle a combustibile alimentato a idrogeno, Airbus ha rivelato che il sistema di propulsione è considerato una delle potenziali soluzioni per equipaggiare i suoi aeromobili a emissioni zero, che entreranno in servizio entro il 2035.

Airbus inizierà a testare a terra e in volo questa architettura di motori a celle a combustibile a bordo del proprio aereo dimostratore ZEROe verso la metà del decennio. L’aeromobile di prova A380 MSN1 per le nuove tecnologie dell’idrogeno è attualmente in fase di modifica per trasportare i serbatoi di idrogeno liquido e i relativi sistemi di distribuzione.

“Le celle a combustibile sono una soluzione potenziale per aiutarci a raggiungere la nostra ambizione di emissioni zero e siamo concentrati sullo sviluppo e sulla sperimentazione di questa tecnologia per capire se è fattibile e praticabile per l’entrata in servizio nel 2035 di un aeromobile a emissioni zero”, ha dichiarato Glenn Llewellyn, VP Zero-Emission Aircraft, Airbus. “Su scala, e se gli obiettivi tecnologici saranno raggiunti, i motori a celle a combustibile potrebbero essere in grado di alimentare un aeromobile da cento passeggeri con un’autonomia di circa 1.000 miglia nautiche. Continuando a investire in questa tecnologia ci stiamo dando ulteriori opzioni che informeranno le nostre decisioni sull’architettura del nostro futuro velivolo ZEROe, per il quale prevediamo di lanciare lo sviluppo nel periodo 2027-2028”.

Il DisruptiveLab di Airbus

Anche questo presentato durante il primo giorno dell’Airbus Summit 2022, il nuovo DisruptiveLab della società francese non è altro che un nuovo laboratorio volante progettato per testare tecnologie destinate a migliorare le prestazioni degli aerei e ridurre le emissioni di CO2 degli elicotteri. 

In sintesi, valuterà una nuova architettura aerodinamica destinata a ridurre il consumo di carburante, oltre a perseguire l’implementazione dell’ibridazione con un sistema di propulsione ibrido completamente parallelo che consente di ricaricare la batteria in volo. Il nuovo dimostratore prenderà il volo entro la fine del 2022 per iniziare i test di volo e far maturare queste nuove tecnologie. 

“Il DisruptiveLab compie un ulteriore passo avanti nell’ambiziosa strategia di Airbus Helicopters volta a ridurre l’impatto ambientale dei suoi elicotteri e ad aprire la strada verso un’industria aerospaziale sostenibile”, ha dichiarato Bruno Even, CEO di Airbus Helicopters. Il sistema di propulsione ibrida potrebbe essere realmente testato solo su un nuovissimo dimostratore per verificare l’impatto combinato nella riduzione di CO2 che potrebbe arrivare fino al 50 percento “, ha aggiunto.

La nuova architettura del DisruptiveLab è caratterizzata da una fusoliera aerodinamica in alluminio e composito, appositamente progettata per ridurre la resistenza aerodinamica e quindi ridurre il consumo di carburante. Le pale sono integrate nel rotore in modo da consentire una testa del rotore più compatta che riduce la resistenza e quindi migliora l’efficienza energetica riducendo al contempo il livello di rumore percepito. La sua fusoliera posteriore più leggera incorpora un rotore di coda Fenestron aerodinamico che contribuisce anche a migliorare le prestazioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.