Ecco il piano di Twitter per riconquistare gli inserzionisti in fuga. E intanto Musk chiede agli utenti di interagire di più

giga
(foto Patrick Pleul – Pool/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Elon Musk vuole continuare a stupire e il suo mandato da ceo di Twitter è fonte inesauribile di decisioni spesso tra loro contraddittorie. L’uomo più ricco del mondo ha implorato gli utenti di twittare di più e la sua azienda avrebbe inviato un’offerta per riconquistare gli inserzionisti inizialmente spaventati dai progetti di Musk.

Aspetti principali

  • Come si legge in un’e-mail inviata agli inserzionisti, analizzata dal Wall Street Journal, le aziende che spenderanno più di 500.000 dollari in pubblicità su Twitter riceveranno un rimborso del 100% della spesa fino a 1 milione di dollari da utilizzare per la medesima attività.
  • Come si legge in un messaggio scritto da un dirigente di Twitter analizzato da Zoe Schiffer, redattore di Platformer, Si tratta dell'”incentivo all’investimento pubblicitario più aggressivo” di sempre, che ha l’obiettivo di “far sì che valga la pena riattivarsi per gli inserzionisti in stand-by”.
  • Musk, che si è spesso vantato dell’aumento degli utenti attivi giornalieri di Twitter, giovedì pomeriggio ha twittato: “Se posso chiedere la vostra comprensione, per favore aggiungete la vostra voce al dialogo pubblico”, lamentando di aver incontrato “così tante persone che leggono Twitter ogni giorno, ma non twittano quasi mai”.

LEGGI ANCHE: Twitter cambia politica: non combatterà più la disinformazione sul Covid

La pubblicità su Twitter

Diverse aziende importanti hanno annunciato che non faranno più pubblicità su Twitter, tra cui aziende automobilistiche come Ford e Audi e altri colossi come General Mills e Pfizer, mentre un’altra decina di società ha smesso senza comunicare nulla di fare marketing sul sito. Sebbene Musk abbia pensato ad altre fonti di guadagno per Twitter, tra cui un controverso rinnovamento del servizio di abbonamento mensile Twitter Blue che per un breve periodo ha incluso i segni di verifica a pagamento, gli annunci pubblicitari rimangono la componente principale dell’attività di Twitter: Le entrate pubblicitarie hanno rappresentato 1,08 miliardi di dollari degli 1,18 miliardi di dollari di entrate totali di Twitter nel secondo trimestre del 2022, periodo in cui sono stati resi pubblici gli ultimi dati finanziari della società.

La battaglia Musk vs Apple

Questa settimana Musk si è scagliato pubblicamente contro Apple, la più grande azienda al mondo per capitalizzazione di mercato, sostenendo che il colosso della Silicon Valley ha “praticamente smesso di fare pubblicità” sulla piattaforma e “odia la libertà di parola”, un chiaro riferimento al recente ripristino da parte di Twitter di vari account precedentemente bannati, tra cui quello dell’ex presidente Donald Trump. Musk, che ha anche accusato Apple di aver preso in considerazione l’idea di bandire Twitter dall’App Store, ha rapidamente fatto marcia indietro, affermando che non c’era nulla di vero nelle sue affermazioni sull’App Store dopo un incontro con l’amministratore delegato di Apple Tim Cook nella sede centrale di Apple.

Leggi anche: Come l’affare Twitter sta danneggiando il mito di Elon Musk (e le azioni di Tesla)

Qual è il patrimonio di Musk?

Secondo le stime di Forbes, Musk è la persona più ricca del mondo con un patrimonio di 198,4 miliardi di dollari, anche se il suo patrimonio netto è sceso del 38% rispetto al picco di 320 miliardi di dollari raggiunto lo scorso novembre. Gran parte della sua ricchezza deriva dalla partecipazione in Tesla, azienda produttrice di veicoli elettrici che Musk guida in qualità di ceo, e il suo declino può essere ricondotto alla caduta libera del prezzo delle azioni di Tesla, mentre molti investitori puntano il dito contro Twitter che occuperebbe troppo tempo e farebbe spendere troppe risorse a Musk.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.