Dai creator al Pil: come YouTube accelera il business delle aziende e impatta sul sistema Italia

Francesca Mortari, director YouTube southern Europe
Share

Una piattaforma aperta che permette a chiunque di esprimere la propria voce e di partecipare, e che unisce, con sinergia e unicità, quattro anime complementari di un ecosistema completo, ma sempre più fondamentali nell’attuale contesto storico: i creator (o creatori di contenuto), le persone, gli inserzionisti, e i media. Proponendosi, al tempo stesso, come fattore abilitante di crescita per il sistema economico e sociale di un intero paese. Può essere riassunto così il business e il ruolo tentacolare che YouTube gioca ogni giorno nella società odierna e che mira, inevitabilmente, a rafforzare negli anni a venire, come ci racconta Francesca Mortari, director YouTube Southern Europe. 

Ospite nell’ultima puntata di Forbes Leader, la numero uno di YouTube per il Sud Europa ha aperto la serie “Connect with Google Leaders”, in collaborazione con la piattaforma di insight sul digital marketing Think with Google, soffermandosi su diversi e importanti temi: dall’evoluzione sempre più veloce e preponderante che sta rivoluzionando il mondo dei contenuti, dei media, e della pubblicità, fino ad arrivare all’impatto economico e sociale che la piattaforma genera sull’intero sistema Italia. “In base a uno studio che abbiamo commissionato a Oxford Economics, nel 2020, l’ecosistema creativo di YouTube ha contribuito per 190 milioni di euro al Pil italiano e supportato l’equivalente di 15mila posti di lavoro in Italia”, rivela Mortari.

E se per le aziende YouTube si conferma un importante aiuto per il proprio business aziendale, secondo Ekimetrics “con un ritorno sull’investimento medio di 2,1 volte più alto rispetto alla TV”, contestualmente, sta permettendo alle nuove generazioni di trovare nuove e importanti opportunità professionali e lavorative in un contesto assai complesso. E la categoria dei creator, “il dna di YouTube”, lo dimostra. “Senza di loro la piattaforma non sarebbe diventata ciò che è oggi. Mi piace pensare che YouTube dà ai creator e i creator danno alla piattaforma, come in un dialogo virtuoso. Inoltre, per i creator, YouTube è un’opportunità di avere impatto e di crearsi una professione. Non è un caso se abbiamo recentemente annunciato dei cambiamenti significativi al programma di monetizzazione di YouTube, che permetterà presto a sempre più creator di entrare a far parte del programma, e di guadagnare con i video shorts”, ha aggiunto Mortari.

Guarda l’intervista completa

LEGGI ANCHE: “La storia di YouTube: da startup di 3 nerd a colosso da 15 miliardi l’anno”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.