spacex-ceo-elon-musk
Tech

Dal 1° aprile la spunta blu di Twitter si dovrà pagare: l’annuncio di Elon Musk

LIVE – Forbes Italian Excellence Reggio Emilia

Segui la diretta dell’evento che racconta e premia le eccellenze italiane

PARTNER

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Il proprietario di Twitter Elon Musk ha fornito ulteriori dettagli su quali utenti manterranno i segni di spunta blu una volta che la piattaforma inizierà a revocare i badge di verifica legacy ad aprile. Una mossa molto criticata che, a quanto pare, è stata pensata per aumentare la fiducia nella piattaforma durante il lancio del nuovo sistema di verifica a pagamento in tutto il mondo.

Aspetti principali

  • Qualsiasi account Twitter collegato a un’organizzazione verificata sarà “automaticamente verificato“, ha twittato Musk.
  • Secondo il sito web di Twitter, le organizzazioni verificate possono nominare “qualsiasi individuo o entità a loro associata”, come manager, collaboratori, dipendenti e marchi.
  • Gli utenti collegati riceveranno uno dei badge di verifica codificati per colore di Twitter con un “badge di affiliazione”, una piccola immagine della foto del profilo della società madre che, se cliccata, porterà gli utenti direttamente all’organizzazione affiliata.
  • Sebbene le organizzazioni possano nominare tutti gli affiliati che desiderano, ogni utente costerà loro 50 dollari in più al mese, oltre alla quota di iscrizione di 1.000 dollari al mese, tasse escluse.
  • Gli utenti non collegati a un’organizzazione possono mantenere il loro segno di verifica blu acquistando il proprio abbonamento a Twitter Blue per 8 dollari al mese o 84 dollari all’anno.

Il sistema Twitter Blue

L’annuncio di Musk arriva mentre Twitter si prepara a smantellare definitivamente il suo programma di verifica legacy dal 1° aprile. Il programma gratuito veniva utilizzato per autenticare gli account appartenenti a celebrità, politici, influencer e giornalisti, nonché quelli legati ad aziende, marchi e governi. Musk è stato molto criticato per la sua decisione di sostituire il precedente sistema, che richiedeva agli utenti di convalidare la propria identità, con un altro che verifica coloro che pagano per iscriversi.

Questo sistema, chiamato Twitter Blue, è disponibile in tutto il mondo, ha confermato l’azienda giovedì, anche se mancano molte funzioni promesse. Sebbene Musk abbia chiarito la sua intenzione di eliminare gli account verificati precedentemente, il sistema è rimasto in vigore per mesi dopo i primi disastrosi tentativi della piattaforma di introdurre la verifica a pagamento.

In assenza di controlli rigorosi, la piattaforma è stata sommersa da account che si sostituivano a personaggi e aziende di alto profilo, tra cui il gigante farmaceutico Eli Lilly, Nintendo, Lebron James e l’ex presidente Donald Trump. Anche Musk stesso, così come la sua azienda automobilistica Tesla, sono stati imitati.

Cosa non sappiamo

Musk ha dichiarato che il rollback degli account legacy era nell’aria da quando ha preso il controllo di Twitter lo scorso ottobre. Il miliardario è il principe dei troll e la data del pesce d’aprile potrebbe indicare uno scherzo o semplicemente l’inserimento di una data divertente in un annuncio.

L’imprenditore ha già fatto scherzi con i numeri 420 e 69 in alcuni annunci aziendali. I numeri sono rispettivamente riferimenti popolari alla marijuana e a un atto sessuale.

Le valutazioni di Forbes

192,6 miliardi di dollari. Questo è il patrimonio netto stimato di Musk, secondo Forbes. Dopo il magnate francese dei beni di lusso Bernard Arnault, il cui valore stimato è di 216,1 miliardi di dollari, il proprietario di Twitter è la persona più ricca del mondo.

Una parte importante della ricchezza dell’imprenditore è legata al costruttore di veicoli elettrici Tesla, di cui è cofondatore e capo. Musk è noto anche per essere alla guida di società come SpaceX, l’impresa di tunneling The Boring Company e l’azienda di tecnologia cerebrale Neuralink.

A margine

Meta, società madre di Instagram e Facebook, ha lanciato la scorsa settimana il proprio sistema di verifica a pagamento. L’abbonamento, che richiede agli utenti di inviare un documento d’identità con foto a Meta, costa 11,99 dollari al mese sul web e 14,99 dollari al mese sui dispositivi mobili.

Il sistema è stato lanciato per la prima volta in Australia e Nuova Zelanda, dove l’iscrizione consente di ottenere una maggiore visibilità. Meta ha dichiarato a The Verge che questo vantaggio non è ancora disponibile negli Stati Uniti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .