Donald Trump
Miliardari

Qual è il reale patrimonio di Donald Trump

Non è così ricco come si vanta, né così povero come sostengono i suoi critici. Il patrimonio netto di Donald Trump? 2,5 miliardi di dollari. Il dato deriva dall’analisi di Forbes di marzo 2023, che offre inoltre una ripartizione della fortuna dell’ex presidente, asset per asset.

LEGGI ANCHE: “La classifica dei miliardari di Forbes 2023”

LEGGI ANCHE: “Chi sono i 64 italiani nella classifica dei miliardari di Forbes 2023”

Golf Club e resort: 730 milioni di dollari

Tra le proprietà in questo ramo dell’immobiliare, Trump può contare sulla famosa residenza di Mar-A-Lago a Palm Beach in Florida, dal valore di 325 milioni. In questa lista troviamo poi dieci tenute negli Stati Uniti dove è possibile praticare il golf, da 216 milioni; tre golf club in Europa (due in Scozia e uno in Irlanda) dal valore di 94 milioni di dollari; lotti residenziali a Rancho Palos Verdes in California dal valore di 55 milioni; il resort Trump National Doral Miami dal valore di 42 milioni di dollari e due case in Virginia accanto ai suoi golf club da 2 milioni di dollari.

Immobiliare a New York: 720 milioni di dollari

Sono circa dieci le maxi proprietà di Trump a New York: oltre alle più famose Trump Tower (dal valore lordo di 2 miliardi di dollari ma esclusi i debiti di 330 milioni di dollari) e Trump Plaza (valore netto 16 milioni di dollari); Trump possiede anche diverse strutture residenziali e commerciali.

Liquidità e media: 850 milioni di dollari

Una parte ampia del patrimonio di Trump è composto da liquidità e asset personali (610 milioni di dollari) e da social media e management (240 milioni). La liquidità di Trump è di 425 milioni di dollari (dati aggiornati a marzo 2023) e tra i suoi asset personali troviamo: la Trump Tower Penthouse da 51 milioni di dollari; il suo parco aerei da 15 milioni di dollari e i prestiti ai figli da 5 milioni di dollari.

A completare il patrimonio di Trump ci sono le proprietà immobiliare non situate a New York City, dal valore di 230 milioni di dollari.

L’incriminazione dell’ex presidente

“L’unico crimine che ho commesso è stato difendere l’America da chi la vuole distruggere”. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha respinto così le accuse che lo hanno portato all’incriminazione davanti ai giudici del tribunale di Manhattan. Tra i 34 capi di imputazione c’è quella di aver «cospirato per minare l’integrità delle presidenziali del 2016» pagando per il silenzio della pornostar Stormy Daniels, dell’ex “coniglietto” di Playboy Karen McDougal – con cui aveva avuto relazioni dieci anni prima – e quello di un portiere della Trump Tower che minacciava di svelare il nome di un suo presunto figlio illegittimo. Come spiega Ansa, si tratta di reati di classe E (il livello più basso), con una pena massima di 4 anni di galera.

Trump è il primo ex presidente americano a finire sotto inchiesta penale ed a essere incriminato. Gli sono state risparmiate però manette e foto segnaletica, materiale che Trump avrebbe usato come poster elettorale. La prossima udienza è stata fissata per il 4 dicembre mentre il processo dovrebbe iniziare a gennaio 2024.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .