Joint venture miliardaria per i camion elettrici: Cummins, Daimler e Paccar insieme per la produzione di celle a batteria

camion-elettrici-join-venture
ACCELERA DI CUMMINS, BLUEBIRD
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Cummins, Daimler e Paccar, tre dei maggiori operatori del settore degli autocarri, stanno formando una joint venture multimiliardaria per produrre celle a batteria per veicoli commerciali e altre applicazioni industriali in uno stabilimento statunitense. Si tratta del più grande progetto di questo tipo in Nord America.

Le aziende prevedono di investire complessivamente fino a 3 miliardi di dollari e di detenere ciascuna una quota del 30% nell’impresa, ancora senza nome, che sarà inaugurata tra poco più di tre anni.

LEGGI ANCHE: Entro il 2035 in Italia la quota di veicoli elettrici supererà l’85% delle vendite

L’azienda sarà in grado di produrre 21 gigawattora di celle per batterie al litio-ferro-fosfato, o Lfp, all’anno, in una sede ancora da definire, ha dichiarato a Forbes Jennifer Rumsey, ad e presidente di Cummins. Il produttore cinese di batterie Eve Energy condividerà con l’impresa la sua tecnologia di celle Lfp e deterrà una quota del 10%.

Verso una produzione indipendente dei pacchi batteria

Cummins, un gigante dei motori diesel che si sta espandendo nel settore cleantech, e i due produttori di autocarri stanno condividendo “questo significativo investimento nel momento in cui il settore inizia la transizione, per assicurarci di avere celle competitive dal punto di vista dei costi e delle prestazioni, che potremo poi utilizzare nei pacchi batteria che produrremo in modo indipendente”, ha aggiunto Rumsey.

Molti impianti di batterie sono in fase di realizzazione per le auto elettriche. “Non sono a conoscenza di nessun altro progetto qui negli Stati Uniti o in Nord America incentrato su veicoli commerciali e applicazioni industriali”.

La mossa arriva dopo che Cummins ha lanciato Accelera, la sua unità cleantech, per competere nel crescente mercato dei camion a batteria e a idrogeno. Il progetto coincide con il fatto che i produttori di autocarri e autobus, proprio come le case automobilistiche, sono sempre più spinti a passare all’energia elettrica per ridurre le emissioni di CO2 che riscaldano il pianeta.

I vantaggi di utilizzare la tecnologia di celle Lfp

La California, il più grande mercato automobilistico degli Stati Uniti, ha recentemente creato delle regole secondo cui tutti gli autocarri che vi operano devono raggiungere l’obiettivo di  emissioni zero entro il 2045, una mossa che anche altri stati potrebbero seguire. Nel frattempo, il governo federale sta offrendo nuovi incentivi ai produttori per la costruzione di impianti nazionali di batterie e componenti che i partner dovrebbero essere in grado di sfruttare.

Rumsey afferma che la decisione di utilizzare l’Lfp, piuttosto che le celle agli ioni di litio tipicamente utilizzate nei veicoli elettrici, è stata dettata dal suo costo relativamente inferiore. Sebbene sia meno denso di energia rispetto agli ioni di litio e un po’ più pesante, l’Lfp non utilizza il costoso nichel o cobalto e potrebbe rivelarsi più duraturo nel tempo.

Queste batterie chimiche hanno inoltre il vantaggio di aver minore probabilità di surriscaldamento rispetto alle celle agli ioni di litio, cosa che ha rappresentato un problema per molti produttori di auto e camion. Quest’anno la startup di camion elettrici Nikola, ad esempio, ha dovuto richiamare tutti i suoi semicingolati per risolvere un problema che causava il surriscaldamento dei pacchi batteria.

Un partner dalla Cina

La joint venture Cummins-Daimler-Paccar potrebbe tardare a decollare perché uno dei partner, Eve, è una società con sede in Cina. Il Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (Cfius) esaminerà l’accordo per verificare che non vi siano problemi con la partecipazione di quest’ultima, come dichiarato dalle società.

“Per questa chimica Lfp, Eve offre una soluzione leader e il know-how tecnologico per la produzione”, ha dichiarato Rumsey. “Si tratta di costruire un impianto qui negli Stati Uniti, costruire una catena di approvvigionamento e creare posti di lavoro nel paese”.

Quasi tutti gli altri impianti di batterie nordamericani annunciati nell’ultimo anno si concentrano sulle celle agli ioni di litio, anche se Ford sta investendo 3,5 miliardi di dollari per un nuovo stabilimento nel Michigan che produrrà sia celle Lfp che batterie agli ioni di litio al nichel cobalto manganese. Anche questo progetto si basa sulla tecnologia Lfp di un partner cinese, Contemporary Amperex Technology Limited, o Catl, il principale produttore di batterie al mondo.

LEGGI ANCHE: Tesla: record di consegne di veicoli elettrici nel quarto trimestre. Ma delude le attese

Fino a 80mila camion alimentati a batteria 

Ogni partner deciderà come utilizzare le celle nei propri prodotti. Rumsey ha dichiarato che Accelera di Cummins potrebbe concentrarsi sull’utilizzo delle celle negli autobus e nei veicoli di media cilindrata, nonché nei sistemi di accumulo di energia stazionari. Daimler, che produce i marchi Freightliner, Mercedes-Benz e Fuso, e Paccar, che costruisce i camion Kenworth e Peterbilt, le utilizzeranno per i camion.

In termini di scala, la produzione di 21 gWh del nuovo impianto creerebbe i materiali per batterie sufficienti ad alimentare 80mila autocarri medi all’anno o fino a 40mila autobus elettrici, ha dichiarato Rumsey.

Oltre alle batterie, Cummins, Daimler e Paccar stanno sviluppando sistemi e camion a celle a combustibile a idrogeno. Sebbene la tecnologia sia difficile da utilizzare, i sistemi a idrogeno dovrebbero offrire una maggiore autonomia di guida e tempi di rifornimento più rapidi per i camion a lungo raggio.

Le azioni Cummins sono salite dell’1,7% a 235,69 dollari a New York mercoledì e Paccar è salita dell’1,3% a 82,75 dollari. Daimler Truck è salita di meno dell’1% a 31,99 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.