Skin
Lvmh, Bernard Arnault
Business

Il miliardario francese Arnault in visita nelle aziende del Salento dove si produce Dior

Bernard Arnault guarda con interesse la manifattura pugliese. Stando a quanto riporta la stampa locale, il numero uno di Lvmh si è recato nei giorni scorsi a Brindisi, a bordo del suo aereo privato, per poi trasferirsi nel basso Salento dove ha visitato due realtà manifatturiere attive nel segmento degli accessori. Prima fermata alla Manifattura Salento AF di Alessano, poi è stato il turno di Leo Shoes, nella zona industriale di Casarano.

Quelli visitati da Arnault sono gli stabilimenti amministrati dall’imprenditore Antonio Sergio Filograna, dove vengono realizzate e prodotte le borse e le calzature del marchio Dior, maison nel portafoglio di Lvmh. La collaborazione con Dior è iniziata 8 anni fa e nel 2021 Filograna ha dedicato al brand un intero stabilimento: Manifattura Salento AF.

Le due realtà pugliesi nel mirino di Bernard Arnault

Manifattura Salento AF è è operativa dal 2022 ad Alessano (Lecce) e già produce pelletteria per Dior dando lavoro a 300 persone, che a regime diventeranno 600. Attualmente vi è stata trasferita l’intera divisione pelletteria del gruppo guidato da Antonio Sergio Filigrana.
Leo Shoes, invece, è un’azienda calzaturiera di Casarano (Lecce) nata nel 2011, e si dedica a una ventina di marchi del lusso, gran parte aziende del Made in Italy. Nata dalle ceneri della storica Filanto, conta circa 1.300 dipendenti diretti e quattro stabilimenti specializzati nella produzione di sneaker.

Come riporta il Quotidiano di Puglia, Arnault si è presentato in Salento accompagnato da alcuni suoi stretti collaboratori, tra cui la figlia Delphine, presidente del brand Christian Dior, e la direttrice creativa Maria Grazia Chiuri.

LEGGI ANCHE: “Le due persone più ricche del mondo insieme: Elon Musk e Bernard Arnault a pranzo a Parigi”

Filograna: un impero calzaturificio nel Mezzogiorno

Quella dei Filograna è una storia imprenditoriale di successo Made in Sud. L’imprenditore Antonio Sergio Filograna è infatti nipote del Cavaliere Antonio Filograna, fondatore dell’industria calzaturiera Filanto e presidente del Casarano Calcio dal 1978 al 1997.

All’età di diciassette anni si trasferisce a Milano come operaio specializzato. Rientrato a Casarano, nel 1968 fonda una delle principali industrie calzaturiere italiane e una delle prime realtà industriali del Salento: la Filanto.

A seguito dell’incontro con Arnault, a Filograna e al suo staff sono arrivati i complimenti anche da Confindustria Lecce: “La visita di Arnault è un successo per Leo Shoes e il territorio. È la conferma della crescita e della competitività di un comparto straordinario, fatto da capitani coraggiosi di grande lungimiranza, ma anche di mani preziose che lavorano con qualità e attenzione per il lusso internazionale.

L’auspicio è che il contesto territoriale sia accogliente per queste imprese e allo stesso tempo trampolino di lancio per ulteriori investimenti”.

L’interesse di Arnault per la Puglia

Con la recente visita in Salento, l’imprenditore francese, che secondo Forbes ha un patrimonio di 203,5 miliardi di dollari e con Lvmh controlla 75 brand del lusso e della cosmetica, ha ribadito il suo interesse verso per le realtà produttive del Made in Italy. Tuttavia, da parte dell’azienda non c’è stata alcuna conferma ufficiale riguardo le prossime mosse del manager.

Anche il turismo pugliese è entrato qualche anno fa nel mirino dell’imprenditore: nel 2021, Arnault ha acquisito infatti con il marchio Belmond l’antica masseria Le Taverne di Ostuni, struttura situata nei pressi dell’omonima contrada tra la Città bianca e Rosa Marina e appartenuta alla famiglia dell’oncologo Umberto Veronesi, per farne un resort a 5 stelle.

Secondo Forbes, al 29 luglio 2023, Arnault risulta essere la seconda persona più ricca del mondo dopo Elon Musk.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .