byd, Wuang Chuanfu
Investimenti

Perché gli analisti preferiscono la cinese BYD a Tesla

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Secondo gli analisti di Bernstein, è più saggio investire nel colosso cinese delle auto elettriche Byd che in Tesla. Come si legge in una nota, viene confermata la prospettiva pessimistica per Tesla nonostante l’incremento del 120% del prezzo delle azioni nel 2023.

Aspetti principali

  • Toni Sacconaghi ed Eunice Lee di Bernstein hanno dichiarato di “avere difficoltà a comprendere” il divario di valutazione tra Tesla (circa 730 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato) e BYD (84 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato), considerando i ricavi, le vendite di veicoli elettrici e i profitti comparabili delle due aziende.
  • Tesla ha goduto di un massiccio rally in borsa nonostante una diminuzione degli utili dall’inizio dell’anno, mentre le azioni di BYD sono salite solo del 12% con i suoi profitti che sono più che raddoppiati. Una tendenza sorprendente alimentata dall’ottimismo del mercato sulla capacità di crescita di Tesla al di fuori del settore automobilistico. Si tratta di una narrazione in gran parte respinta da Bernstein come giustificazione per la grande differenza di valutazione.
  • Gli analisti, che sono stati costantemente tra i più pessimisti su Tesla, hanno fissato un obiettivo di prezzo di 150 dollari per le azioni di Tesla e 46 dollari per BYD, implicando un ribasso del 40% per Tesla e un rialzo del 60% per BYD, interrogandosi sul motivo per cui le aziende in “direzioni opposte” di crescita stiano ancora scambiando a livelli così divergenti.
  • “A lungo termine, le valutazioni contano, e, basandoci sui fondamentali, le valutazioni tra Tesla e BYD sono più inclini a convergere che a divergere”, hanno scritto Sacconaghi e Lee.

Sullo sfondo

Secondo i dati di FactSet, Berkshire Hathaway, la società di investimenti americana guidata dal miliardario Warren Buffett, possiede l’8% delle azioni di BYD quotate alla Borsa di Hong Kong, anche se la società ha significativamente ridotto la sua partecipazione in BYD negli ultimi 15 mesi. Le consegne globali di veicoli elettrici di Tesla nel terzo trimestre del 2023 sono state di 435 milioni, superando di poco i 432 milioni di BYD. I ricavi e i profitti delle due aziende sono più distanti, con Tesla che ha incassato 72 miliardi di dollari di ricavi dall’inizio dell’anno e 7,1 miliardi di dollari di utile netto quest’anno, rispetto ai rispettivi 59 miliardi e 3 miliardi di BYD. La Cina è un mercato cruciale per Tesla, rappresentando il 22% di tutti i ricavi quest’anno, mentre la battaglia per la quota di mercato nel paese ha spinto Tesla a ridurre il prezzo di molti dei suoi modelli, una mossa impopolare per gli investitori orientati al profitto.

Vicende da considerare

La valutazione di Tesla da parte di Bernstein rimane molto al di sotto della media del target degli analisti di 239 dollari. Gran parte dell’ottimismo su Tesla non deriva dalla vendita di veicoli elettrici, ma dalla convinzione che la valutazione delle parti della società aumenterà rapidamente grazie alle unità di ricarica delle batterie e alla controversa guida autonoma. “A lungo termine, pensiamo che il valore dell’IA di Tesla possa essere sottovalutato, non sovrastimato”, ha scritto il buy-rated analista di Canaccord Genuity George Gianarikas il mese scorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .