Miliardari

A tu per tu con il miliardario di origini iraniane che sta aiutando la Nasa a tornare sulla Luna

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Kam Ghaffarian non è un nome familiare. Ma a differenza di Elon Musk e Jeff Bezos che prima fecero fortuna altrove, Ghaffarian in realtà si è arricchito puntando alle stelle. Il suo piano a lungo termine? La prima stazione spaziale commerciale, che verrà inaugurata entro il 2031.

Meno di 24 ore prima di partire per il Medio Oriente e la Corea del Sud per incontrare gli investitori, Kamal Ghaffarian (2,2 miliardi di patrimonio stimato) ha trovato un paio d’ore nella sua agenda. Togliendosi la giacca, si sistema su una sedia nel suo ufficio, un anonimo edificio di quattro piani nella periferia del Maryland. Chiede: “Hai sentito la gente chiamarmi ‘pazzo Kam’?”

Tutte le società di Kamal Ghaffarian

È una domanda sensata. L’elenco delle aziende fondate da Ghaffarian sembra le pagine di un romanzo di fantascienza: Axiom Space sta costruendo la prima stazione spaziale commerciale al mondo in collaborazione con la Nasa e ha anche progettato la prossima generazione di tute spaziali per astronauti – “La prossima volta che vedrete gli astronauti camminare sulla superficie della Luna, indosseranno tute spaziali Axiom Space”, aggiunge. Intuitive Machines costruisce lander lunari e ne invierà uno al polo sud della Luna a gennaio (tempo permettendo), uno dei numerosi lanci in programma che apriranno la Luna alle missioni commerciali.

Quantum Space sta creando una “superautostrada” spaziale che aiuterà i veicoli spaziali a fare rifornimento e a viaggiare tra la Terra e la Luna. E tornando su questo pianeta, X-Energy sta costruendo piccoli reattori nucleari avanzati (e a prova di fusione) che possono alimentare qualsiasi cosa, da una remota base militare all’impianto chimico della Dow da 19 chilometri quadrati sulla costa del Golfo del Texas.

Pazzesco, davvero. Ma secondo Ghaffarian tutte le imprese hanno un obiettivo comune. “Dobbiamo essere una specie multi-planetaria ed essere anche in grado di andare verso altre stelle. Ma fino ad allora, abbiamo solo una casa, giusto?” dice. E aggiunge, con una risatina: “Riassumendo, [dobbiamo] prenderci cura della nostra casa attuale e trovarne una nuova”.

LEGGI ANCHE: “AAA cercasi razzi: perché l’Europa non ha ancora un accesso autonomo allo spazio”

Tutta questione di contratti, contratti, contratti.

L’industria spaziale è dominata da magnati straordinari che hanno investito denaro in razzi, rover e viaggi in orbita. Ma, a differenza di Elon Musk, Jeff Bezos e Richard Branson, Ghaffarian, 65 anni, è un raro esempio di chi è un miliardario in gran parte grazie alle sue ricerche spaziali, piuttosto che uno che ci è riuscito dopo aver fatto fortuna. La chiave di quel successo? Cultura, cultura, cultura, dice. Ma in un business da 546 miliardi di dollari che è ancora guidato dal governo degli Stati Uniti, secondo la Space Foundation senza scopo di lucro, si tratta in realtà di contratti, contratti, contratti.

“Nessuno è migliore di Kam Ghaffarian nel vincere, su base competitiva, dollari dal governo degli Stati Uniti”, aggiunge J. Clay Sell, amministratore delegato di X-Energy ed ex vice segretario del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

Lo zio Sam, ovviamente, non è l’unico player in città. Ghaffarian ha già una lunga lista di clienti commerciali, tra cui il sistema sanitario Cedars-Sinai (per la ricerca sulle cellule staminali in microgravità), il produttore di champagne G.H. Mumm (bollicine pensate per essere degustate nello spazio) e il conglomerato giapponese Mitsui, che ha anche una partnership con Axiom Space. Poi ci sono i governi stranieri, come Canada e Arabia Saudita, oltre a individui che pagheranno per accedere allo spazio. L’azienda ha infatti già completato con successo due missioni con equipaggio privato sulla Stazione spaziale internazionale (Iss) con la SpaceX di Musk nell’aprile 2022 e lo scorso maggio, con il primo che ha ospitato tre astronauti commerciali e il secondo due astronauti sauditi. Ad agosto, la società ha affermato di essersi assicurata più di 2,2 miliardi di dollari in contratti con i clienti.

LEGGI ANCHE: “Nello spazio c’è un asteroide che vale 100mila volte il Pil globale. La Nasa vuole raggiungerlo”

Conquistare gli investitori

Questo track record lo ha aiutato a conquistare gli investitori. Ad agosto, Axiom Space ha raccolto altri 350 milioni di dollari in un round di finanziamento guidato da Aljazira Capital dell’Arabia Saudita e dalla società farmaceutica sudcoreana Boryung. L’azienda vale 2,1 miliardi di dollari, secondo i documenti depositati da un altro sostenitore, ARK Invest. Nello stesso mese, Intuitive Machines – quotata al Nasdaq tramite una società di assegni in bianco a febbraio – ha chiuso con un investimento privato di 20 milioni di dollari, rafforzando le proprie finanze dopo un debutto difficile in Borsa. X-Energy, che conta come investitori Dow e la società di private equity Ares Management, è stata valutata a circa 1,1 miliardi di dollari a settembre.

La parte più recente e più piccola della sua fortuna è Quantum Space, che ha raccolto 15 milioni di dollari a dicembre. Complessivamente, Forbes stima che Ghaffarian abbia un patrimonio di 2,2 miliardi di dollari, grazie soprattutto alle sue partecipazioni nel settore spaziale e nelle startup nucleari. Non male per un immigrato iraniano che sbarcò a Washington, DC nel 1976 con un prestito di 2.000 dollari da parte di suo zio per frequentare il college.

“La gente pensa a Bezos, Musk, Branson giustamente”, spiega Chris Stott, fondatore e ceo di Lonestar Data Holdings, che sta collaborando con Intuitive Machines per archiviare dati sulla superficie lunare. “Dovrebbero però anche aggiungere Kam Ghaffarian nella lista perché sta facendo altrettanto bene. Ed è stato abbastanza intelligente da sfruttare tutto ciò che Jeff ed Elon stanno facendo”.

Ghaffarian potrebbe essere un asteroide in una grande galassia rispetto a player del calibro di Musk e Bezos, che stanno spendendo miliardi di dollari. Ma vede questi magnati non tanto come concorrenti, ma come partner: “Ho un grande rispetto per Elon e [il presidente di SpaceX] Gwynne Shotwell, sono amici fantastici. E lo è anche Jeff Bezos”, dice.

LEGGI ANCHE: “L’impresa emiliana che produce le vernici più leggere al mondo per satelliti e Formula 1”

“Diventare una razza interstellare”

Come questi altri più noti imprenditori spaziali, Ghaffarian ha piani molto audaci. L’obiettivo immediato nella costruzione della prima stazione spaziale commerciale e dei lander lunari è quello di ridurre i costi di ingresso nello spazio, più o meno allo stesso modo in cui i razzi riutilizzabili di SpaceX hanno reso più economico, facile e veloce il lancio delle missioni. Basti pensare a un film di Tom Cruise girato su una vera stazione spaziale o allo sviluppo di un farmaco a gravità zero, entrambi progetti nei quali sono impegnate le società di Ghaffarian.

Ma questo è solo l’inizio. A lungo termine, afferma: “Il nostro destino ultimo è che la razza umana diventi interstellare”. Il primo passo è l’orbita terrestre bassa, ovvero la stazione spaziale. Poi la Luna, con lander e un avamposto umano. Poi? “Tecnologie che possono andare oltre il nostro sistema solare.”

La storia di Ghaffarian, immigrato dall’Iran

I sogni fuori dal mondo di Ghaffarian risalgono alla sua infanzia nell’antica città di Isfahan, in Iran, dove amava guardare le stelle. La notte del 20 luglio 1969, l’allora undicenne si rannicchiò davanti alla tv in bianco e nero della casa del suo vicino e guardò Neil Armstrong e Buzz Aldrin diventare le prime persone a camminare sulla luna. “È stato davvero un momento di trasformazione”, ricorda. “Questo mi ha davvero fatto capire che questo è quello che volevo fare”.

L’ultima missione americana sulla Luna fu nel 1972. Quattro anni dopo, Ghaffarian volò a Washington D.C. per studiare alla Catholic University of America con un prestito di 2.000 dollari da parte di suo zio. Di notte parcheggiava le auto nel centro di Washington per ripagare il debito mentre conseguiva una doppia laurea in informatica e ingegneria. Ghaffarian si è laureato nel 1980, un anno dopo la rivoluzione iraniana, e non si è mai guardato indietro.

Il suo primo lavoro dopo il college è stato alla società informatica Compucare con sede in Virginia, il tutto mentre continuava i suoi studi con una laurea in ingegneria elettronica e un master in gestione delle informazioni. La prima incursione di Ghaffarian nel settore spaziale avvenne nel 1983, quando ottenne un ingaggio presso il colosso aerospaziale Lockheed. Poi passò alla Ford Aerospace, dove continuò a lavorare su contratti per la Nasa e il governo federale.

Poi, nel 1994, si mise in proprio con Harold Stinger, che aveva incontrato alla Lockheed. La coppia ha fondato una società chiamata Stinger Ghaffarian Technologies con l’aiuto di un programma federale che sostiene le imprese di proprietà di minoranze etniche. Il loro primo ufficio era nel seminterrato di Ghaffarian. “Abbiamo deciso di aprire la nostra società facendo la stessa cosa, fondamentalmente attività di appalti pubblici”, afferma. “Ho ipotecato una casa e ho messo insieme 250.000 dollari. È così che abbiamo iniziato”.

L’abilità di procacciare appalti e talenti

Nel 2006, SGT era diventata il ventesimo più grande appaltatore della Nasa con contratti da 100 milioni di dollari per fornire servizi di ingegneria e supporto alla missione. Tre anni dopo, acquistò la quota di Stinger. “Ha una serie di competenze per gli appalti governativi”, afferma Chris Quilty, fondatore e co-ceo della società di ricerche di mercato spaziale Quilty Space. “E poiché questo è intrinsecamente un mercato governativo, si tratta di un’abilità molto importante da possedere”.

Un’altra abilità: la sua capacità di convincere i veterani della Nasa a unirsi a lui nel settore privato. Le società di Ghaffarian sono piene di almeno 18 ex ‘rockstar’ della Nasa, che portano una vasta esperienza nel governo ma convincono anche gli investitori che possono avere successo in un mercato sempre più affollato. Nel 2013, ha collaborato con Stephen Altemus, l’ex vicedirettore del Johnson Space Center della Nasa a Houston, che ha guidato gli sbarchi dell’Apollo sulla luna, per lanciare Intuitive Machines. Tre anni dopo, convinse Michael Suffredini, che per un decennio gestì il programma della Stazione Spaziale Internazionale della Nasa, a unirsi a lui nella fondazione di Axiom Space.

“L’ho chiamato e gli ho detto: ‘Kam, l’unica cosa che so fare è costruire e gestire una stazione spaziale'”, ricorda Suffredini di una telefonata che ha avuto con Ghaffarian subito dopo aver lasciato la Nasa. “Ha detto, ‘ok, lasciami pensare’. Mi ha richiamato il giorno dopo e ha detto: ‘costruiremo una stazione spaziale.'”

“È la componente più importante e rappresenta chiaramente un vantaggio competitivo”, afferma Kurt Scherer, socio amministratore della società di investimenti C5 Capital con sede a Washington, DC, che ha investito sia in Axiom Space che nella sua società di reattori nucleari X-Energy, fondata da Ghaffarian. nel 2009.

L’esperienza di Ghaffarian nell’ottenere contratti dalla Nasa – sostiene che SGT aveva un rapporto di vincita dell’80%, rispetto a una media del settore inferiore al 50% – ha aiutato Axiom Space e Intuitive Machines ad aggiudicarsi importanti offerte, dalle tute spaziali al programma lunare commerciale. “Questa capacità di fare offerte per i contratti e di avere successo è il nostro segreto”, aggiunge. Anche X-Energy è attiva nello spazio: l’anno scorso, una joint venture con la sua Intuitive Machines ha vinto un contratto da 5 milioni di dollari dalla Nasa e dal Dipartimento dell’Energia per progettare un reattore nucleare portatile per la superficie lunare.

Le difficoltà nei mercati finanziari

Tutti questi progetti richiedono investimenti. Ecco perché Ghaffarian ha venduto SGT nel 2018 alla KBR quotata in borsa per 355 milioni di dollari, dandogli i soldi per portare avanti le sue altre iniziative. “Ci sono momenti in cui penso che forse non avrei dovuto vendere, perché SGT era un’azienda con un incredibile flusso di cassa. Ma queste sono aziende tecnologiche”, afferma, indicando Axiom Space, Intuitive Machines e X-Energy. “Richiedono un sacco di investimenti”.

I finanziamenti iniziali non arrivano fino a un certo punto nello spazio, e Ghaffarian è riuscito a convincere grandi investitori a impegnare i fondi necessari per far decollare quelle attività. “Kam è una delle pochissime persone che ha la capacità di vedere un futuro grande, audace e ambizioso ed è in grado di convincere molte persone a credere in quella visione”, afferma Dakin Sloss, fondatore e socio accomandatario di Jackson, Prime Movers Lab, società di venture capital con sede nel Wyoming, che ha investito sia in Axiom Space che in Quantum Space.

I mercati pubblici non sono stati gentili quanto i sostenitori privati. X-Energy ha terminato la fusione SPAC con Ares Acquisition Corp. in ottobre, un mese dopo aver rivisto la sua valutazione al ribasso del 42%. Le azioni di Intuitive Machines sono scese del 70% dal suo debutto in borsa, poiché gli investitori avevano previsto ritardi nel primo lancio lunare dell’azienda. Inizialmente previsto per novembre – cosa che avrebbe reso Ghaffarian il primo a riportare l’America sulla Luna dal 1972 – è stato posticipato a gennaio a causa della “congestione delle piattaforme” a Cape Canaveral.

Guerre galattiche

E la concorrenza è agguerrita su tutta la linea: nel settore nucleare, TerraPower di Bill Gates, che sta costruendo un reattore pilota più grande di quello di X-Energy, ha vinto anche un contratto del Dipartimento dell’Energia contemporaneamente all’azienda di Ghaffarian nel 2020. Nel regno delle stazioni spaziali, Axiom Space dovrà vedersela anche con Blue Origin di Bezos e Sierra Space – fondata dalla coppia miliardaria Eren e Fatih Ozmen – oltre ai titani del settore Lockheed Martin e Northrop Grumman, che stanno collaborando con Voyager Space con sede a Denver, e altre startup tra cui Vast del miliardario crittografico Jed McCaleb. E ancora ad Astrobotic e Blue Origin, la startup giapponese iSpace sta pianificando una seconda missione sulla luna nel 2024 dopo che il suo primo lander si è schiantato sulla superficie lunare lo scorso aprile a causa di un problema tecnico.

Ghaffarian non è preoccupato. Immagina un futuro in cui ci siano affari più che sufficienti per molteplici piccoli reattori nucleari, stazioni spaziali e aziende che trasportano carichi utili sulla luna. “La concorrenza è salutare. Ti rende più creativo e innovativo”, afferma. I suoi investitori concordano: “Vogliamo incoraggiare i concorrenti perché questo sarà un mercato in crescita”, aggiunge Scherer di C5 Capital.

Il sogno di Ghaffarian

Il progetto ghaffariano più ambizioso è il Limitless Space Institute, un’organizzazione no-profit che dice di aver ideato quando era a casa a meditare e pensare all’universo. “Ciò che mi spinge è la mia spiritualità e la fiducia in Dio”, dice. Con sede a Houston, l’istituto, guidato anche da veterani della Nasa, collabora con scuole e università e finanzia la ricerca su tecnologie che un giorno potrebbero consentire viaggi interstellari, che vanno da veicoli spaziali alla propulsione a fusione (teoricamente possibile, ma ancora lontana dall’essere realtà) a “unità spaziali, wormhole e distorsioni spaziali” (ancora del tutto concettuali).

Ghaffarian probabilmente non ci sarà più se dovesse accadere qualcosa di simile. Ma immagina un futuro a breve termine in cui gli esseri umani vivranno a tempo pieno su una stazione spaziale e sulla Luna. Il prossimo passo in questa visione è il lancio delle Intuitive Machines sulla Luna a gennaio. Poi arriverà anche la prossima missione astronauta di Axiom Space, anch’essa prevista per l’inizio del prossimo anno. Si prevede che la prima sezione della nuova stazione spaziale sarà collegata alla ISS nel 2026 – Axiom Space è l’unica azienda in grado di collegare lì i suoi moduli – e l’intera struttura sarà operativa entro il 2031, quando la Iss verrà ritirata.

“Quando si parla di tra 10, 15, 20 anni, la mia speranza è che avremo una città spaziale, un luogo dove le persone possano effettivamente andare e vivere”, dice. “Sarebbe davvero un bel passo avanti verso un’ulteriore esplorazione dello spazio per gli esseri umani.”

Per Ghaffarian, la motivazione per costruire una stazione spaziale e dei lander lunari non è mai stata solo quella di arricchirsi, anche se i suoi investimenti hanno contribuito a renderlo molto ricco.

“Non voglio essere l’uomo più ricco del cimitero e non volevo che la mia vita si limitasse a guadagnare più soldi”, dice, riflettendo su quando ha venduto la sua prima attività. “Volevo che la mia vita fosse più incentrata sul fare la differenza, cambiare il mondo in meglio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .